Rugby, l’Amatori gioca a Catania

ALGHERO – Dopo la lunga pausa osservata dai campionati per i test match della Nazionale questa è la settimana della ripresa. L’Amatori Rugby Alghero che prima dello stop ha dovuto arrendersi in casa all’Unione Rugby Capitolina è pronta per ritornare in campo e affrontare il nuovo impegno che il Girone 3 del Campionato di Serie A gli ha riservato per la 5^giornata. Gli algheresi, terzi della classe con 16 punti (solo -2 lunghezze dalla capolista Capitolina), sono attesi in terra di Sicilia per affrontare l’Amatori Catania, quarta in classifica. Una gara che come le altre nasconde le sue insidie e che deve essere affrontata al meglio per trovare subito il pronto riscatto. Il duo Paoletti e Bortolussi ha attuato allenamenti programmati e mirati a far si che la squadra tutta arrivasse al meglio alla ripresa della stagione. La pausa infatti è stata lunga, ben tre settimane.

“La squadra sta bene, anche i piccoli acciacchi che si erano presentati sono stati recuperati – ha spiegato uno dei due tecnici Tino Paoletti. “Sono state inoltre provate delle cose che vogliamo attuare durante tutto l’anno. Ci siamo concentrati sui nostri prossimi avversari – ha proseguito – e abbiamo studiato la preparazione migliore per affrontare questa gara. Si va a giocare su un campo difficile e oltretutto dobbiamo anche fare i conti con la lunga trasferta e la sveglia all’alba. Nonostante questo prepariamo sempre al meglio”. Davvero una lunga pausa quella del mese di novembre ma finalmente il 2 Dicembre si ritornerà in campo. Il pubblico algherese però aspetta già il giorno dell’Immacolata(8 dicembre) per poter ritornare ad assiepare gli spalti del Comunale di Maria Pia e tifare l’Amatori Rugby Alghero nella gara casalinga che la opporrà al Prato Sesto.

S.I.

Rugby, ritorno dal Mondiale Classic

ALGHERO – Uno scenario straordinario quello delle Bermuda che regala scorci di mare cristallino e spiagge dalla sabbia rosa. Ma è proprio il Mondiale Classic che conferisce a questo luogo da sogno un ulteriore attrazione che riesce a richiamare tantissimi sportivi e appassionati della palla ovale. Per la cronaca l’Italian Classic di Marcello Cuttitta e Ramiro Cassina ha disputato due gare. La prima d’esordio contro i Lyons inglesi e l’altra contro gli Usa, uscendo sconfitta in entrambe le partite ma sempre a testa alta, con anche la meta del nostro Daniele Pesapane all’esordio.

Ogert Paco alla settima convocazione con i Classic e membro del CDA da giugno che nonostante sia un veterano della manifestazione parla sempre di una grande emozione che si rinnova di anno in anno. “Quando sto alle Bermuda per me è come essere a casa. Ormai, dopo tanti anni, è un posto a cui sono legato. Il Mondiale – ha proseguito Paco – è un’esperienza bellissima ma sportivamente dura viste le compagini che partecipano. Ci sono giocatori di grande esperienza e il livello è davvero alto che hanno alle spalle tantissime presenze in competizioni importanti, nazionale compresa”. Rispetto alla rinnovata Italian Classic Paco spiega che “è una bella realtà perché si da la possibilità ai ragazzi dagli over 30 in su, alcuni ancora in attività, di avere la possibilità di fare altre esperienze”.

Anche Daniele Pesapane è contento per questa esperienza. ”Non ero abituato a fare partite del genere e soprattutto una meta internazionale mi mancava e averla fatta contro i Lyons è stata una gran bella soddisfazione– ha affermato l’ala dell’Alghero. “Due partite dure e due squadre di livello dove devo dire che l’italia si è difesa benissimo. Nella prima abbiamo perso contro i Lyons negli ultimi due minuti e probabilmente meritavamo la vittoria mentre con gli Usa abbiamo lottato fino alla fine perdendo di un solo punto.La ciliegina sulla torta sarebbe stato portare a casa una vittoria”.

Rispetto invece il cammino dell’Amatori Rugby Alghero nel campionato di Serie A Pesapane giudica positivi i risultati arrivati fino ad ora. Stiamo lavorando bene, staff nuovo e giocatori nuovi il gruppo sta crescendo . Dobbiamo solo continuare così. Con la Capitolina(gara che ha visto assenti sia lui che Paco) una sconfitta ci poteva anche stare visto che è una squadra costruita per il salto di qualità, ma noi dobbiamo continuare così. E sul continuare e sulla voglia di scendere in campo Ogert Paco ha assicurato di non essere ancora stanco. “Mi piace il gruppo e stare con i ragazzi e poter essere un punto di riferimento insieme ad altri compagni di esperienza è sicuramente importante”.

S.I.

I migliori calciatori sardi della storia

CAGLIARI – Il calcio è uno sport mondialmente molto diffuso ed in Italia, il raggio d’azione di questo sport è sicuramente molto ampio. Lo dimostra anche la passione per questa disciplina in una regione come la Sardegna, di solito più defilata da alcune tendenze nazionali per una questione logistica. La sola squadra dell’isola che abbia mai raggiunto un obiettivo importante è stata il Cagliari, che vinse lo scudetto nella primavera del 1970, e che adesso milita in Serie A senza troppe fortune. Tuttavia, c’è da dire che il bacino calcistico sardo è importante, come è possibile evidenziare facendo una rapida carrellata dei migliori calciatori nati e cresciuti nell’isola. Andiamo a vedere quali sono.

Il primo che ci viene in mente, in ordine di importanza, è sicuramente Gianfranco Zola, fantasista nato ad Oliena, in provincia di Nuoro, che ha marcato un’epoca del calcio italiano e anche inglese. Corto di gambe ma grandissimo tecnicamente, colui che ha chiuso la sua carriera nel Cagliari è stato protagonista di grandi giocate e goal negli anni ’90 e agli inizi degli anni 2000. Arrivato giovane al Napoli, dove apprese direttamente dal grande Maradona, il sardo sarebbe poi diventato il suo successore portando un numero 10 pesantissimo, che avrebbe onorato alla grande. Dopo il suo passaggio al Parma, la gloria vera e propria la raggiunse al Chelsea, dove fu portato da Gianluca Vialli, all’epoca allenatore e giocatore, e dove letteralmente conquistò i tifosi di Stamford Bridge, che lo avrebbero soprannominato “Magic Box”. Attualmente Zola è il secondo di Maurizio Sarri proprio al Chelsea, una delle squadre favorite alla vittoria dell’Europa League secondo i principali siti di scommesse https://extra.bet365.it/news/it/Calcio/Europa-League/chelsea-tutti-pazzi-di-sarri

Il mondo del calcio sardo non si limita a Zola; negli anni ’90 un altro calciatore proveniente dall’isola si fece notare in Italia. Si tratta di Vittorio Pusceddu, terzino sinistro di spinta dotato di un grandissimo tiro e di un’ottima corsa. Dopo aver girovagato per l’Italia, il nativo di Buggerru fu protagonista della storia del Cagliari per quattro anni, periodo durante il quale fu uno dei pilastri della squadra isolana impegnata in Serie A e andò a segno in ben 10 occasioni, non poche per un difensore. Secondo i tifosi cagliaritani rientra nella top 11 dei migliori calciatori che abbiano mai vestito la maglia rossoblu, una distinzione non da poco.
L’ultimo sardo in ordine di apparizione ad alti livelli è sicuramente Andrea Cossu. Fantasista tecnico e dal passo veloce, il cagliaritano classe ’80 è stato da sempre tifoso della squadra della sua città, dimostrando un attaccamento alla maglia fuori dal comune. Dal 2008 al 2015 ha giocato in maniera continua con la maglia rossoblu dimostrando di essere un fantasista di buon livello in Serie A, con una propensione per gli assist e per le giocate ad effetto dal centrocampo in su. Con lo sguardo verso il futuro, la Sardegna continua a dimostrare di essere una terra fertile per il calcio italiano.

Nella foto Stadio Sant’Elia (Luigi Rosa)

S.I.

Tennis, Carboni vince a Milano

ALGHERO – In concomitanza con la manifestazione internazionale”NEXT GEN ATP FINALS” svoltasi a Milano dal 5 al 10 novembre, si e’ svolto presso i campi dello Sporting Milano 3 il torneo Junior Next Gen che ha visto impegnati i migliori giovani tennisti dalle categorie under 10 all’under 16 maschile e femminile delle varie Macroaree d’Italia. Nella categoria under 12 maschile l’algherese Lorenzo Carboni del tc Alghero, testa di serie numero 1 del seeding, non ha deluso le aspettative.

Accompagnato dal maestro Giancarlo Di Meo, il nostro portacolori si e’ aggiudicato il torneo dopo aver battuto nell’ ordine Andrea Rossi Principe (Abruzzo), Alessio Pergola (Sicilia), Alessandro Battiston (Veneto), e in finale col punteggio di 4/2 4/0 Alessandro Sciacca (Abruzzo), ed avendo ceduto solamente un set agli ottavi di finale contro Andrea Rossi Principe nella partita piu’ intensa del suo percorso. Adesso Lorenzo oltre al campionato invernale col proprio circolo, si appresta a partire per Bari dove si svolgera’ dal 3 al 10 dicembre il torneo internazionale della ETA (European Tennis Association).

Nella foto di copertina Lorenzo Carboni durante le premiazioni

S.I.

Nuoto, Green al Trofeo Nico Sapio

ALGHERO – Ci addentriamo nella stagione invernale del nuoto passando come sempre per la Liguria. In programma il tradizionale trofeo Nico Sapio in vasca da 25 metri, giunto alla quarantacinquesima edizione ed intitolato alla memoria del giornalista Rai che morì insieme con una selezione della nazionale in seguito all’incidente occorso al Convair Lufthansa in fase di atterraggio a Brema nel 1966. Lo scenario sarà la piscina Sciorba di Genova dal 9 all’11 novembre (primi due giorni dedicati ad Assoluti e Juniores, la domenica riservata ad Esordienti e Ragazzi). Batterie alle 9.00 e finali alle 16.30 venerdì e alle 18.00 sabato con diretta su Rai Sport + HD delle sessioni pomeridiane.

Alla gara, valida come prova di qualificazione per i Mondiali di Hangzhou, in Cina (11-16 dicembre), è prevista la partecipazione di quasi 1500 atleti. Trenta i nuotatori d’interesse nazionale invitati, tra cui i rientranti Silvia Di Pietro, Gabriele Detti e Nicolò Martinenghi che – dopo lunghi infortuni – hanno partecipato a meeting di inizio stagione con risultati incoraggianti. Tornerà a nuotare i 200 stile libero Federica Pellegrini; saranno presenti anche “l’italiano” Santo Condorelli e la regina dell’estate Simona Quadarella, domenica autrice del record italiano nei 1500 stile libero in vasca corta. Venerdì 09- sabato 10 novembre 2018 gareggeranno le categorie Juniores e Assoluti e Paralimpici, domenica 11 novembre 2018 gareggeranno gli Esordienti A e la cat. Ragazzi. Per gli Assoluti sono inserite tutte le gare.

Per la cat. Junior le gare sui 100 metri e i 200 misti. Tutte le gare prevedono batterie il mattino e finali il pomeriggio, salvo 800 stile libero donne/1500 stile libero maschile, 100 e 400 misti che avranno solo 1 serie il pomeriggio. Le gare dei 400 sl avranno la 2° e 3° serie il mattino e la 1° il pomeriggio. La copertura televisiva dovrebbe essere garantita da Rai Sport. Il Green Alghero sarà rappresentato da un folto gruppo di atleti che hanno ottenuto la qualificazione nella passata stagione, AMBROSIO Federica:100 m Dorso; BECHERE Adam:100 m Farfalla; COCCO Aurora:100 m Farfalla e 200 m Misti; CUCCHI Carola:100 m Dorso; FIORENTINO Camilla Lucia: 100 m Rana e 200 m Misti; MAGGIONI Alice:100 m Stile Libero e 100 m Farfalla; MANNONI Giovanni:100 Rana; MASALA Marta:100 m Rana; MELONE Mattia: 100 m Stile Libero e 100 m Farfalla; PALLADINO Maddalena:50 m Dorso, 100 m Dorso, 50 m Farfalla e 100 m Farfalla.

S.I.

Tennis Club Alghero: calendario

ALGHERO – Inizia il campionato invernale 2018 per le nostre squadre. I ragazzi saranno impegnati nella seconda serie regionale dopo aver vinto il titolo sardo nella passata stagione giocata nella terza serie. Le ragazze invece dopo la semifinale della scorsa stagione giocheranno sempre nella prima serie regionale, qui sotto il calendario completo delle squadre:

calendario maschile: calendario femminile:
04/11/18: tc palau a-tc alghero tc alghero-torres tennis
11/11/18: tc alghero-tc viddalba a tc assemini-tc alghero
18/11/18: ct santa teresa a-tc alghero tc alghero-tc ipertennis ss
25/11/18: tc alghero- tc tempio a tc alghero-tc margine rosso ca
02/12/18: tc ittiri a-tc alghero tc cagliari a-tc alghero
09/12/18: tc alghero riposo tc alghero-tc decimomannu
16/12/18: tc alghero-tc terranova b tc portotorres a-tc alghero

nella foto allegata alcuni ragazzi della squadra maschile

S.I.

Rugby, l’Amatori cade in casa

ALGHERO – Prima sconfitta stagionale per l’Alghero Rugby che sul campo di casa di Maria Pia ha ceduto all’Unione Rugby Capitolina, giunta in Sardegna come seconda della classe e dopo questo successo passata in testa. Terzo posto invece per la formazione algherese, oggi senza Paco e Pesapane impegnati ai Mondiali Classic alle Bermuda, che ha guadagnato comunque un punto.

Una partita di gran ritmo ed equilibrio nel primo tempo mentre nella ripresa sono stati commessi troppi errori contro una squadra attrezzata, che sa muover palla e che è riuscita a difendere i vari tentativi di assalto dei padroni di casa . La formazione algherese ha sbagliato molto sulle fasi statiche, le touche e probabilmente è mancata anche quella dose di fortuna che avrebbe impedito al preciso piede di Micheli di prendere un palo in pieno su un piazzato che avrebbe accorciato le distanze a favore dell’Amatori. Tre mete per parte. Per l’Alghero le hanno firmate Sciacca e Madeddu autore di una doppietta. Di queste due trasformate da Micheli. La Capitolina è andata in meta, invece, con Romano, Trapasso e Rosato. Anche in questo caso solo due su tre realizzate da Mazzi che però non ha sbagliato i due piazzati assegnati e che hanno fatto guadagnare alla formazione ospite 6 dei 25 punti realizzati.

“Amarezza per una gara che anche se non meritatamente avremmo potuto vincere – ha commentato con un pizzico di rammarico il vice presidente Alessandro Pesapane. “Troppi gli errori commessi, non abbiamo disputato una buona partita sotto l’aspetto tecnico e comunque complimenti alla Capitolina per la vittoria. Ora c’è la pausa si riprenderà con una trasferta importante in Sicilia”. Un punto comunque guadagnato che fa salire la squadra a quota 16 la sistema come detto al terzo posto dietro proprio Capitolina(18) e Pesaro(17). Ora pausa dei campionati per i test match di Novembre che vedranno impegnata l’Italrugby anche contro gli All Blacks. Si ritornerà a giocare il prossimo 2 Dicembre in trasferta a Catania.
Amatori Rugby Alghero

Alghero, stadio Maria Pia – Domenica 4 Novembre 2018

Serie A, Girone 3, IV giornata
Amatori Rugby Alghero v Unione Rugby Capitolina 19-25 (1-4)

Marcatori: p.t. 4’ m. Sciacca tr Micheli (7-0); 22’ m. Romano tr. Mazzi(7-7); 25’ m. Madeddu R.tr Micheli (14-7-); 28’ m. Trapasso tr. Mazzi (14-14); 34’ m. Rosato(14-19) s.t. 5’ cp Mazzi(14-22); 14’cp Mazzi(14-25); 27’ m. Madeddu(19-25).

Amatori Rugby Alghero: Bortolussi, Delrio, Serra(2’st Arru), Micheli, Madeddu, Oneone, Armani, Fernandez, Sciacca, Ceglia, Fall, Tesu, Stefani(5’st Salaris), Spirito, Ilie(5’st Prette).
All. Tino Paoletti
Unione Rugby Capitolina: Romano, Marini, Iacolucci, Bonini, Rosato(34’st Aquisti), Mazzi(34’st Ortega), Vannini, Cerqua, Ragaini, Zandri, Trapasso(36’st Casini), Franco(34’st Belcastro), Montagna(18’st Orabona), Polioni, Berardi

All. Fabio IANNI
Arb. Federico Vedovelli (SO)
AA1 Bertocchi (Cagliari), AA2 Deidda(Cagliari)
 

Cartellini: al 13’st giallo Armani(Alghero); 16’st Ragaini(Unione Rugby Capitolina); 40’st Zandri(Unione Rugby Capitolina)
Calciatori: Micheli 2/3 mete – 0/2 calci piazzati; Mazzi 2/3 mete – 2/2 calci piazzati
Note: giornata piovosa, 16° circa, campo che ha retto bene con la pioggia, spettatori intorno ai 700.

Punti conquistati in classifica: Amatori Rugby Alghero 1, Unione Rugby Capitolina 4
Man of the Match: Daniele Franco (Unione Rugby Capitolina)

Rugby, l’Amatori ospita Urc

ALGHERO – Sfida al vertice domani a Maria Pia. L’Amatori Rugby Alghero, capolista a punteggio pieno (15) del Girone 3, affronta la seconda della classe che la segue a -1 punto, l’Unione Rugby Capitolina. Sarà una gara interessante che metterà di fronte le due formazioni attualmente più forti del girone. Una partita di alta classifica che arriva però solo alla quarta giornata. Da una parte l’Alghero Rugby reduce da tre successi consecutivi da 5 punti l’uno contro Perugia Benevento e l’Aquila e dunque a quota 15. Dall’altra la formazione romana che di punti ne ha invece 14, frutto delle vittorie su Toscana Aeroporti I Medicei, Catania e Cavalieri Prato Sesto(ma una senza bonus). Domani sarà importante avere l’apporto del pubblico algherese che sta dimostrando una vicinanza e un affetto sempre più crescente verso lo sport della palla ovale. Si spera che gli spalti del comunale siano pieni come la gara d’esordio.

“Affrontiamo questa partita con serenità e con qualche variazione, giocando magari sui loro punti deboli. In settimana studiamo sempre le altre squadre e da qui cerchiamo di preparare le gare che ci aspettano”. Ha dichiarato l’allenatore Tino Paoletti alla vigilia della partita con la Capitolina. E sull’assenza di due pedine importanti come Paco e Pesapane (impegnati alle Bermuda) parla “ sicuramente di una mancanza di esperienza ma i ragazzi che scenderanno in campo ce la metteranno tutta per sopperire al meglio all’assenza dei propri compagni – chiude il tecnico toscano. Con l’altro allenatore/giocatore Steven Bortolussi abbiamo invece parlato della preparazione atletica della squadra: “Si sono preparati bene e dopo le prime gare per noi sta iniziando il campionato praticamente adesso che stiamo prendendo il ritmo partita visto che non abbiamo la possibilità di fare amichevoli pre-campionato. La condizione migliora di partita in partita.

Parola al capitano Mario Serra. “Penso che andiamo ad affrontare la sfida attualmente più difficile. Cresciamo allenamento dopo allenamento, non manca la fiducia nei nostri mezzi ma affrontiamo con umiltà ogni gara. Rispetto all’ultimo successo esterno il capitano parla di “una vittoria di carattere e di fiducia nei compagni. Quella di domani – ha proseguito – sarà una gara importante contro una squadra dalle grandi tradizioni ma anche noi abbiamo le abbiamo e cerchiamo di scrivere la storia del nostro club partita per partita”.

S.I.

Rugby, Alghero sbanca l’Aquila

ALGHERO – Un primo tempo chiuso sotto di tre punti e un secondo nel quale è stata ribaltata la situazione grazie alle mete di Arru e di Daniele Pesapane, autore di una deliziosa “doppietta”, se si vuol utilizzare un termine calcistico. Questa la sintesi della vittoria dell’Amatori Rugby Alghero che sul difficile campo dell’Aquila strappa ben 5 punti e non ne lascia per strada neanche uno. La squadra del duo Paoletti/Bortolussi, oggi tornato a sedere in panchina dopo l’assenza della scorsa domenica per infortunio della scorsa domenica, sta dimostrando carattere soprattutto nell’avere il giusto piglio a riprendersi quando le cose pare non stiano mettendo bene.

Le formazioni abruzzesi sono sempre state coriacee e nella palla ovale guadagnare fuori dalle mura amiche, in campi ostici come questi, vale doppio. Il successo di oggi permette a Pesapane e compagni di mantenere la vetta della classifica davanti all’Unione Rugby Capitolina che segue a -1 punto. La compagine romana, oggi vincitrice in casa sul Prato Sesto, è la prossima avversaria dell’Alghero che l’affronterà in casa nel prossimo turno.

Per la cronaca ad aprire le marcature sono stati i padroni di casa allenati da Luigi Milani con meta al 3’ di Lofrese trasformata da Anderson. A rispondere per l’Alghero è stato Fernandez, il resto lo ha fatto il piede di Micheli che si è ripetuto anche nella meta di Sciacca arrivata al 25’ subito dopo un piazzato dei locali. Sul 10-14 però Milani si fa sotto e firmando una meta poi trasformata porta i suoi a chiudere la prima frazione di gara in vantaggio. Nella ripresa già al 6’ Arru va in meta e Micheli si fa ancora trovare pronto (17-21). L’apertura abruzzese Anderson sigla un piazzato al 27’ (20-21) ma saranno gli ultimi punti dei locali perché Daniele Pesapane, con due mete al 33’ e al 36’ entrambe trasformate dal preciso numero 15 algherese, ha chiuso la gara sul 20-35 per l’Alghero.

Soddisfazione da parte di Tino Paoletti che definisce questa partita “davvero di carattere perché ci sono stati diversi momenti di difficoltà ma ma i ragazzi hanno saputo reagire. E poi – prosegue il tecnico dell’Alghero – venire a vincere all’Aquila non è mai facile. Sono contento per le tre gare vinte con tanto di bonus ma pensiamo partita per partita e alla gara di domenica con la Capitolina”.

“Sono contento intanto per la vittoria e per gli altri 5 punti guadagnati in un campo così ostico che ci fanno rimanere primi in classifica– ha dichiarato invece l’altro allenatore e giocatore Steven Bortolussi . Abbiamo giocato 80 minuti fino alla fine per vincere e la tenacia ci ha dato ragione”.

Parola anche a quello che possiamo definire il man of the mach dell’incontro di oggi, ovvero Daniele Pesapane. “Abbiamo disputato una grande partita su un campo difficile e pesante a causa della pioggia. Siamo riusciti a dimostrare un gran carattere come squadra specialmente dopo aver chiudo il primo in svantaggio. Per quanto mi riguarda – ha proseguito l’ala algherese – sono felicissimo a 36 anni di aver portato a termine il lavoro collettivo fatto. Gioiamo per questa vittoria e poi pensiamo già alla prossima partita”-

S.I.

III Giornata del Campionato Nazionale di Serie A, Girone 3

UNIONE RUGBY AQUILA – AMATORI RUGBY ALGHERO 20-35 (0-5)

UNIONE RUGBY L’AQUILA – 15 Ciaglia(37’st Pompeo), 14 Mejia, 13 Sansone, 12 Giampietri, 11 Di Santo, 10 Anderson, 9 Petrolati, 8 Lofrese, 22 Niro, 5 Donadio, 4 Fiore, 1 Fioretini(8’st Di Febo), 3 Ferrara(31’st Iezzi), 26 Milani(31’st Alloggia);

A disp.: 27 Iezzi, 21 Alloggia, 2 Di Febo A., 19 Di Febo R., 20 Daniele, 6 Suarez, 17 La Chioma, 18 Pompeo.

Allenatore Luigi MILANI

AMATORI RUGBY ALGHERO – 15 Micheli, 14 Arru, 23 Serra, 10 Delrio, 11 Pesapane(37’st Bombagi), 12 Oneone, 9 Armani 8 Fernandez, 0 Sciacca, 6 Ceglia, 5 Fall(23’st Ilie), 18 Tesu(29’st Prette), 3 Stefani(30’pt Paco), 2 Spirito, 1 Gabbi(2’st Salaris);

A disp.: 19 Ilie, 17 Salaris, 16 Prette, 4 Paco, 20 Bortolussi, 25 Bombagi, 22 Madeddu L., 21 Piras.

Allenatore Tino PAOLETTI

MARCATORI : p.t. 3’ m Lofrese tr Anderson(7-0); 18’ m Fernandez tr Micheli(7-7); 24’ cp Anderson(10-7); 25’ m Sciacca tr Micheli(10-14); 31’ m Milani tr Anderson(17-14); s.t. 6’ m Arru tr Micheli(17-21); 27’cp Anderson(20-21); 33’ m Pesapane tr Micheli(20-28); 36’m Pesapane Tr Micheli(20-35).

CARTELLINI: al 15’ p.t. Milani (Aquila); al 18’s.t. Tesu(Alghero);

ARBITRO Signor Antonino NOBILE (Fr)

Scala Piccada, vince Magliona |classifica

ALGHERO – Il pilota sassarese dedica la vittoria a tutti i tifosi e precede Sergio Farris Jr. al debutto sulla Osella PA2000. Terzo lo svizzero Fabien Bouduban (Norma M20FC) che resiste ad un ottimo Auro Siddi, quarto con la Alfa Romeo Lucchini. Fabrizio Anecronti (Ford Sierra Cosworth) vince tra le vetture storiche.

Alghero (SS) 28 ottobre 2018 – Straordinaria giornata di sport e spettacolo alla 57^ cronoscalata Alghero-Scala Piccada organizzata dall’Automobile Club Sassari e valida per il Trofeo Italiano Velocità Montagna Nord e Sud. Il pilota di Sassari Omar Magliona, al volante della Norma M20FC della CST Sport, ha rispettato il pronostico vincendo a mani basse con un tempo totale di 5’20.31 e una doppia manche da vero rullo compressore, segnando il nuovo record del tracciato, che già gli apparteneva, in 2’38.950, conquistando così il Gruppo E2SC.

Applausi per lui da parte dei tanti appassionati che si sono assiepati lungo il percorso già dalle prime ore del mattino, nonostante il forte vento specie nella parte finale. Forse proprio il vento ha tenuto lontane le nuvole di pioggia, con una doppia manche disputata in condizioni pressoché asciutte terminata con il sole. L’asfalto si è rivelato umido solo nella prima parte della prima ascesa, a causa dalle piogge cadute nella notte e nella prima mattina e per questo motivo quasi tutti i concorrenti hanno affrontato la gara con gomme slick, scelta tecnica rivelatasi poi vincente ai fini delle classifiche.

«Mi sono tolto un peso» ha commentato Magliona, visibilimente emozionato al termine «nella prima manche sapevo che c’era ancora del margine e nel secondo giro ho spinto a fondo. Non ho pensato al record, ma sapevo che era raggiungibile. La vettura mi ha restituito un feeling fantastico, e vorrei dedicare questa vittoria a tutta la mia gente, ai tanti appassionati che mi hanno sostenuto oggi e ieri lungo il percorso e al paddock. È stato un weekend memorabile per chiudere la mia stagione 2018».

Emozionante anche la salita di Simone Faggioli, che ha portato ad Alghero la Norma M20FC Pikes Peak motorizzata Nissan sovralimentato come ospite d’onore della manifestazione fuori classifica. Impegnato nella prima manche al paddock per preparare le vetture del suo team in previsione di una prima manches che sembrava essere bagnata, il campione fiorentino ha chiuso poi il weekend affrontando per ultimo i 6,285km del percorso, tra gli applausi del pubblico, con una delle vetture sport prototipo più affascinanti e potenti mai costruite in Italia.

L’organizzazione dell’AC Sassari ha girato come un orologio, permettendo una doppia gara lineare senza nessuna interruzione gestita alla perfezione dal Direttore di Gara Fabrizio Fondacci, che ha coordinato oltre 100 ufficiali di gara in servizio sul percorso ricavato lungo la SS292 tra Alghero e Villanova Monteleone allestita con elevatissimi standard di sicurezza, per i piloti e per gli spettatori. Apripista d’eccezione, anche in questa edizione, la Signora Carmen Usai, vincitrice della prima edizione della Scala Piccada e ancora fortemente legata ai tornanti di Alghero.

«Siamo davvero molto soddisfatti di questa 57^ edizione» ha commentato al termine il Presidente dell’Automobile Club Sassari Giulio Pes di San Vittorio, che ha coordinato un gruppo affiatato e composto da moltissime persone. «Devo ringraziare la Regione Sardegna, il Comune di Alghero, le Forze dell’Ordine per il fondamentale apporto, tutti i partners che ci hanno sostenuto e soprattutto i tanti collaboratori che hanno lavorato per permettere a questa manifestazione il suo perfetto svolgimento. Nella giornata di sabato abbiamo avuto l’onore di ospitare anche il Presidente della Commissione Velocità in Salita ACI Sport Serafino La Delfa che ha voluto toccare con mano la cronoscalata Alghero-Scala Piccada in una delle sue edizioni più riuscite».

Tornando alle classifiche, ottima seconda posizione per Sergio Farris (Osella PA2000/Speed Motor) a 20.98 secondi, che ha giocato un azzardo nella prima manche, unico tra i top drivers a partire con gomme rain. Il tracciato umido solo nel primo tratto non ha arriso a questa scelta, ma il pilota algherese ha comunque segnato il secondo miglior tempo in entrambe le ascese. «Sapevamo che in condizioni normali non sarebbe stato possibile stare davanti a Magliona» ha detto al termine, «ma con le nuvole nere di questa mattina la pioggia avrebbe potuto permetterci di annullare il gap, per questo ho rischiato di montare le rain. Il mio obiettivo era salire in 2’43, ma un problema elettrico nel secondo giro mi ha tolto un po’ di potenza nella parte finale e questo mi ha impedito di riuscire nell’intento. Sono comunque contento, questo è il massimo risultato che si poteva ottenere, ci riproverò nelle prossime edizioni».

A completare il podio assoluto, terzo a +33.69 al debutto in questa competizione, lo svizzero Fabien Bouduban (Norma M20FC) a chiudere il terzetto dei piloti capaci di scendere sotto il muro dei tre minuti. «È stato un weekend molto divertente, il percorso mi è piaciuto molto, sono riuscito a scendere sotto i tre minuti nella seconda manche grazie ad un ottimo feeling con questa vettura, davvero molto competitiva», ha commentato al termine.

A chiudere i primi dieci al quarto posto Auro Siddi (Alfa Romeo Lucchini/Team Autoservice) che ha vissuto un piccolo brivido nella prima manche quando ha superato Sergio Perasso che lo precedeva nell’ordine di partenza. Quinto Fabio Angoij (Radical Prosport/Top Drivers Team) decisamente soddisfatto sul traguardo di Alghero.
Stefano Gazziero ha conquistato il sesto posto assoluto e il Gruppo CN con la Osella PA21S, mentre Enrico Piu ha strabiliato con la Formula Gloria della Top Drivers Team cogliendo un prezioso settimo posto assoluto e la vittoria in Gruppo E2SS davanti a tanti appassionati tifosi che lo hanno sostenuto lungo il percorso. Ottavo Fulvio Giuliani, vincitore del Gruppo E1 Italia, con la stratosferica Lancia Delta EVO del Team Autoservice che si è esaltato nella prima manche, più umida, unico pilota della top 10 ad aver realizzato il proprio miglior parziale nella prima ascesa. Nono Ennio Donato, sulla Ford Escort Cosworth della Porto Cervo Racing, davanti al compagno di scuderia Mario Murgia, vincitore del Gruppo N con la Mitsubishi Lancer Evo X.

In PROD E perentoria affermazione di Giovanni Saddi (Ford Escort Cosworth/Team Autoservice) mentre Michele Mancin, sulla preparatissima Citroën Saxo del Team Autoservice ha portato a casa il Gruppo A.

Bellissimo il confronto in Racing Start tra Francesco Fois e Mario Tacchini, entrambi su MINI Cooper S. L’affermazione di Fois è stata particolarmente sudata perchè nella seconda manche il portacolori della Giesse Promotion ha subito un arrembante ritorno del rivale della Speed Motor, che ha chiuso dietro seppure per meno di due secondi.

Nella numerosissima PROD S, con ben 14 equipaggi al via, Giovanni Monni (Renault Clio/Team Autoservice) ha centrato la vittoria finale mentre in Racing Start Plus Claudio Spanu (Renault Twingo/Racing Team Sorso) ha vinto in solitaria il Gruppo, abbassando il proprio miglior riferimento cronometrico di quasi 25 secondi tra prima e seconda manche.

Tra le vetture storiche vittoria assoluta e nel 4° Raggruppamento per il pilota di Cagliari Fabrizio Anecronti (Ford Sierra Cosworth/T.A.C. F.M.C Sport) che ha costruito la sua affermazione nella prima manche. Giuseppe Pezzo (Porsche 911 SC/B&B Technology) ha segnato il miglior crono in 3’41.230 nella seconda ascesa, ma non è bastato per superare l’avversario a causa di una prima manche troppo guardinga sull’asfalto ancora bagnato, con il veronese che ha chiuso al secondo assoluto staccato di 12.45 secondi ma primo del 3° Raggruppamento. Italo Travagin (AMS/Bologna Squadra Corse) ha chiuso al terzo posto mentre Francesco Pirisi (Mini Cooper), quarto, ha svettato nel 2° Raggruppamento.

Le classifiche finali aggiornate sono disponibili sul sito ufficiale della gara www.scalapiccada.it alla voce “Live Timing”.

Nella foto Magliona alla partenza