Attentato contro il sindaco di Bono, sgomento e solidarietà

CAGLIARI – “Esprimo la massima solidarietà e vicinanza, mia e di tutta la Giunta, al sindaco di Bono, Michele Solinas, per il gravissimo attentato subìto, un gesto ancor più vile perché commesso contro chi ogni giorno è impegnato a lavorare con dedizione per il benessere della propria comunità”. Così il Presidente della Regione, Christian Solinas. “Contro questi atti criminali serve la più ferma condanna da parte delle istituzioni e di tutti i sardi, e il totale supporto alle forze dell’ordine che garantiscono la sicurezza nel territorio, con l’auspicio che i responsabili del gesto vengano al più presto individuati”, conclude il Presidente.

“Questa notte il sindaco di Bono è stato vittima di un gravissimo episodio di intimidazione. La sua auto è stata incendiata alle 4 del mattino mentre era parcheggiata davanti alla sua abitazione con rischio anche per i familiari e i vicini. Si tratta di un nuovo episodio di una lunga serie che vede la Sardegna nel 2022 ai primi posti tra le regioni per le minacce agli amministratori locali. Ho parlato al telefono con il Sindaco Michele Solinas a cui ho espresso la solidarietà mia personale e del PD esortandolo a resistere alle intimidazioni e proseguire nella sua strada di buona gestione della sua comunità che deve stringersi unità attorno ai suoi amministratori. Confidiamo che i responsabili di questo vile atto siano individuati rapidamente dalle forze dell’ordine che devono essere sostenute da un impegno maggiore da parte del Governo perché la richiesta di sicurezza da parte di chi si mette a disposizione per amministrare i piccoli come i grandi comuni deve essere sempre garantita”, cosi il deputato del Partito Democratico Silvio Lai.

Giornata della Memoria, conferenza del Prof Budruni all’Ute

ALGHERO – IL 27 Gennaio 1945 le truppe sovietiche della sessantesima Armata del 1° Fronte  arrivarono alle porte della città Polacca di AUSCHWITZ. Gli uomini del Maresciallo Ivan Konev si accorsero del vicino Campo di Concentramento. Quel giorno la scoperta di AUSCHWITZ e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l’orrore del genocidio nazista.
Venerdì 27 gennaio alle ore 16.30 presso la Sede di Via Sassari, 179- il Professor Tonino Budruni, già Docente di discipline giuridiche, Scrittore e Storico, terrà la seguente Conferenza: “Il giorno della memoria conoscere per non dimenticare”

L’Òmnium Cultural presenta lo llibre de Carla Valentino Cullera de Taula. La cuina de casa mia.

-L’ALGUER – Divendres 27 de gener, a les sis de la tarda, en la sede de l’Òmnium Cultural de l’Alguer, carrer de La Marmora, 64, a l’Alguer, venguerà presentat lo llibre de Carla Valentino Cullera de Taula. La cuina de casa mia.

Cullera de taula és un llibre de receptes que però, en realtat, vol ésser un llibre de llengua, o millor, un llibre en lo qual la llengua és l’ingredient principal i imprescindible. Pensat per recuperar un lèxic familiar que, a poc a poc, s’està perdent. I també per transmitir, en forma escrita, lo que de sòlit se transmitiva sol oralment. És important que una llengua se parli. Però és important també que una llengua s’escrivi i que se lligi!

Aqueixa no és la primera publicació de l’autora amb receptes de cuina emprades per fer divulgació de l’alguerés. Ja al 2019, al 2020 i al 2021, ha realitzat, per l’Òmnium Cultural de l’Alguer, lo Calendari en alguerés amb les receptes.

Carla Valentino és vicepresidenta de l’Òmnium Cultural de l’Alguer, és ensenyant de alguerés, traductora i autora. Oltres a diverses traduccions per entitats públiques i privades, ha traduit integralment en alguerés de la llengua original obres literàries coneixudes com Lo Petit Príncip de Antoine De Saint-Exupéry, Història d’una lloca marina i de la gata que li ha emparat a volar, de Luis Sepúlveda i L’home que plantava arbres, de Jean Giono, totes tres publicades de Papiros Edicions, de Núoro.

Cullera de Taula és estat publicat de Edicions del Sol per l’Òmnium Cultural de l’Alguer i fa part del projecte “Valorizzazione del catalano di Alghero e sue potenzialità sociali, culturali ed economiche” cofinanciat de la Fondazione di Sardegna.

La presentació del llibre és organitzada de l’Òmnium Cultural de l’Alguer amb la col·laboració de l’Ofici de l’Alguer de la Generalitat de Catalunya i és oberta al públic.

De dissabte 28 de gener del 2023 lo llibre se pot trobar, oltres que en la sede de l’Òmnium Cultural de l’Alguer, en les llibreries de la ciutat.

 

COMUNICATO STAMPA

 

Venerdì 27 gennaio 2023, alle ore 18, nella sede dell’Òmnium Cultural de l’Alguer, in via La Marmora, 64, ad Alghero, sarà presentato il libro di Carla Valentino Cullera de Taula. La cuina de casa mia. Cullera de taula è un libro di ricette che però, in realtà, vuole essere un libro di lingua, o meglio, un libro in cui la lingua è l’ingrediente principale e imprescindibile. Pensato per recuperare un lessico familiare che, pian piano, si sta perdendo. Ed anche per tramandare, in forma scritta, ciò che di solito si tramandava solo oralmente. È importante che una lingua si parli. ma è altretanto importante che la una lingua si scriva e che si legga!

Questa non è la prima pubblicazione di ricette di cucina utilizzate per divulgare l’algherese. Già nel 2019, nel 2020 e nel 2021, ha realizzato, per l’Òmnium Cultural de l’Alguer, il Calendari en alguerés con le ricette.

Carla Valentino è vicepresidente dell’Òmnium Cultural de l’Alguer, insegnante di algherese, traduttrice e autrice. Oltre a varie traduzioni per enti pubblici e privati, ha tradotto integralmente dalla lingua originale note opere letterarie come Il Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupéry, Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, di Luis Sepúlveda e i L’uomo che piantava alberi,  di Jean Giono, tutte e tre pubblicate da Papiros Edizioni, di Nuoro.

Cullera de Taula è stato pubblicato da Edizioni del Sole per l’Òmnium Cultural de l’Alguer e fa parte del progetto culturale “Valorizzazione del catalano di Alghero e sue potenzialità sociali, culturali ed economiche” cofinanziato dalla Fondazione di Sardegna.

La presentazione del libro è organitzzata dall’Òmnium Cultural de l’Alguer con la collaborazione dell’Ufficio di Alghero della Generalitat de Catalunya ed è aperta al pubblico.

Da sabato 28 gennaio il libro sarà disponibile, oltre che presso la sede dell’Òmnium Cultural de l’Alguer, anche nelle librerie della città.

L’algherese a scuola, cresce interesse: scadenza il 30/01

ALGHERO – Fimo al 30 gennaio le famiglie algheresi potranno richiedere alle scuole l’attivazione dell’insegnamento del Catalano di Alghero durante le attività scolastiche curriculari ed extracurriculari. Per farlo l’Assessorato alla Cultura, Turismo e Affari Generali, in collaborazione con la Consulta Civica delle Politiche Linguistiche, ha realizzato il progetto “En Alguerés – per una scuola più ricca”. Attraverso il seguente link (En Alguerés ) i genitori potranno compilare un rapido questionario con cui richiedere che i propri figli che frequentano la scuola dell’infanzia (asilo), primaria (elementari) o secondaria di primo grado (medie) possano finalmente scoprire e conoscere la lingua della nostra città. Tutte le richieste raccolte dall’Assessorato saranno inviate ai diversi istituti scolastici. “Una volta raccolte tutte le richieste, potremo inviare i dati alle varie scuole – afferma l’Assessore alla Cultura Alessandro Cocco – a quel punto potremmo strutturare una serie di attività didattiche per i bambini e i ragazzi grazie anche al contributo della Consulta Civica delle Politiche Linguistiche”. Secondo la ricerca “Els usos linguistics a l’Alguer” del 2015, il 92% dei cittadini vorrebbe che l’algherese fosse insegnato nelle scuole e il 77% vorrebbe parlarlo fluentemente in futuro. “Questi sono dati interessantissimi: oggi solo un terzo della popolazione circa lo sa parlare, ma molti lo capiscono e hanno voglia di impararlo” commenta ancora l’Assessore Cocco. “Prestare la giusta attenzione e dare finalmente valore alla propria lingua significa conoscere le proprie origini, custodendo e rafforzando l’identità della città e dei suoi abitanti” sottolinea il sindaco di Alghero Mario Conoci.

Bando sostegno patrimonio artistico, Alghero fa centro

ALGHERO – Promozione del patrimonio artistico e culturale col coinvolgimento attivo dei cittadini, al fine di aumentare la conoscenza e la fruizione del territorio in ottica turistica, con particolare riferimento alla sostenibilità ed inclusività delle azioni programmate. Comune e Fondazione Alghero fanno centro nel bando a sostegno delle piccole e medie città d’arte e dei borghi d’Italia: Il progetto “Alghero Experience – Un Patrimonio da Raccontare” si classifica sesto a livello nazionale tra i 51 finanziati dal Ministero dell’Interno, dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su 170 progetti presentati, con una dotazione finanziaria di 198 mila euro.
Tre le macro-azioni multidisciplinari sviluppate dall’equipe progettuale della Fondazione Alghero – a cui l’assessore alla Cultura e Turismo, Alessandro Cocco, rivolge un particolare plauso per la qualità del lavoro presentato – inserite in una programmazione più ampia e pensate in un’ottica d’integrazione con gli ambiti d’intervento in cui opera il Comune algherese tramite la Fondazione: musei, eventi, turismo e arte. Interventi che avranno come centro nevralgico gli spazi del complesso architettonico del Quarter, oggi polo artistico e culturale che ospita al suo interno mostre, installazioni e conferenze. Saranno così sviluppati “Percorsi creAttivi” di dialogo tra patrimonio artistico e gioco nel solco del fortunato progetto “Play Alghero”, rilanciando e promuovendo incontri, installazioni urbane e workshop anche attraverso l’utilizzo della gamification applicata al turismo.
“Nuove narrazioni contemporanee” troveranno invece spazio in vere e proprie residenze per giovani creativi emergenti presso gli atelier, dedicate alla produzione artistica legata alla reinterpretazione in chiave contemporanea del patrimonio culturale algherese; infine l’allestimento di una “postazione didattica multisensoriale” affacciata sul Corso Carlo Alberto, sempre nel cuore della città, pensata quale punto di riferimento da cui generare nuove narrazioni dell’immagine di Alghero, anche attraverso l’iniziativa, il coinvolgimento e lo slancio della collettività. A tutte le azioni si affiancherà un articolato piano di comunicazione integrata studiato per supportare e rafforzare tutte le fasi del progetto, in linea con l’identità grafica che la Fondazione ha sviluppato e veicolato negli ultimi anni.
“Emozionato per un nuovo importante risultato conseguito per la città ed il suo comparto turistico” così il presidente della Fondazione Alghero, Andrea Delogu, che si dice anche “particolarmente soddisfatto dell’impegno e dalla capacità con cui la struttura interna opera quotidianamente per conseguire e vincere sfide sempre nuove e ambiziose. Sarà adesso particolarmente importante coinvolgere gli algheresi, gli artisti e i giovani creativi – conclude Delogu – così da avere sul territorio le ricadute più ampie possibili in termini di partecipazione, crescita, immagine e promozione della destinazione”.

Alberto Gazale è il nuovo direttore artistico dell’Ente Concerti

SASSARI – Il cantante e regista sassarese Alberto Gazale è il nuovo direttore artistico dell’Ente Concerti “Marialisa de Carolis” di Sassari. La nomina è stata ufficializzata questa mattina a Palazzo Ducale, sede del municipio sassarese, dal presidente dell’Ente Antonello Mattone in una conferenza stampa con la partecipazione del sindaco di Sassari Nanni Campus, dello stesso Alberto Gazale, dei consiglieri d’amministrazione dell’Ente Concerti Luca Naseddu (vicepresidente), Giovanni Carta, Manuela Palitta, Franco Sardi, Sergio Ticca  e delle assessore comunali al Patrimonio, Rosanna Arru, e alla Cultura, Laura Useri.

«Seguendo una consuetudine dei Teatri di tradizione come il nostro, ma anche delle Fondazioni lirico-sinfoniche, il rinnovato Consiglio d’amministrazione dell’Ente Concerti ha deciso di operare un fisiologico ricambio della direzione artistica, anche per dare nuovo impulso all’attività del De Carolis», ha spiegato il presidente Mattone.

Alla conferenza stampa è intervenuto anche il sindaco Nanni Campus: «Ho apprezzato la proposta del consiglio di amministrazione dell’Ente Concerti che ha scelto di presentare la nuova gestione artistica nella sede istituzionale del Comune – ha detto il primo cittadino –, una decisione che sottolinea la collaborazione nata per valorizzare il più importante luogo della cultura della nostra città. Siamo certi che anche la nuova gestione di un altro eminente figlio di Sassari – a cui facciamo i nostri migliori auguri – con un curriculum di così alto livello, con riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, saprà implementare il già ricco ed elevato livello artistico. L’auspicio è che anche l’Ente Concerti di Sassari possa ricevere la dovuta attenzione nell’ambito delle risorse che la Regione destina alla gestione culturale, in quanto un ampliamento dell’offerta lirica e sinfonica in città non potrebbe che giovare a una crescita culturale, di immagine e turistica di tutta l’Isola»

Il nuovo direttore artistico Alberto Gazale si è detto «onorato di ricevere questo prestigioso incarico, che assumo con entusiasmo e profondo spirito di servizio. Intendo qualificare il progetto di rilancio del nostro Teatro, in parte avviato dai predecessori – ha spiegato – potenziando le attività sinfoniche e cameristiche insieme alle altre iniziative culturali utili alla sua valorizzazione. Sassari è una realtà artistica che merita di crescere in termini di offerta complessiva e di attenzione da parte del pubblico a livello territoriale e nazionale: un obiettivo ambizioso per il cui conseguimento occorre incrementare programmi e risorse, anche di fonte europea e regionale, per le quali è in via di definizione un preciso progetto. Le iniziative riguarderanno, in particolare, una maggiore continuità nella programmazione delle stagioni, presupposto necessario, tra l’altro, per la creazione di posti di lavoro in un contesto che richiede nuovi sbocchi occupazionali. Decisivo, in tale scenario, sarà il coinvolgimento delle espressioni locali nelle sue componenti istituzionali, associative, imprenditoriali. È un’ambizione, condivisa da tutti gli attori in campo, che sosterrò con le competenze e la rete di relazioni fiduciarie tessute in oltre trent’anni di attività internazionale».

Diplomato al Conservatorio di Verona col massimo dei voti, Alberto Gazale è uno dei più apprezzati baritoni italiani nel mondo. Ha interpretato oltre settanta ruoli nei teatri più prestigiosi, dalla Scala di Milano al Bolshoi di Mosca, dalla Staatsoper di Vienna alla Carnegie Hall di New York, dall’Arena di Verona al Liceu di Barcellona. Ha collaborato con grandissimi direttori, tra cui Riccardo Muti, Daniel Oren, Zubin Mehta e Riccardo Chailly. Ha di recente avviato anche la carriera registica, firmando, tra gli altri titoli, La Bohème al Teatro dello Spasimo di Palermo, Cavalleria rusticanaPrologo Rusticano e Carmina Burana al Teatro greco di Taormina, Tosca sul Tevere. È docente di Canto lirico al Conservatorio “Luigi Canepa” di Sassari.

Acli provinciali Sassari, Salvatore Sanna confermato Presidente

SASSARI – Salvatore Sanna è stato confermato alla Presidenza delle Acli di Sassari. La sua elezione è avvenuta nei giorni scorsi al termine della prima riunione del consiglio provinciale e a pochi giorni dal Congresso provinciale dell’associazione che ha rinnovato gli organismi direttivi. Sanna, ha 41 anni, è dipendente di un istituto bancario e dal 2008 è iscritto alle Acli. Nel 2018 è stato chiamato per la prima volta a guidare l’associazione, ponendo fine ad una lunga fase commissariale.

“Sono stati sicuramente quattro anni di impegno ininterrotto nei quali abbiamo dovuto affrontare insieme l’emergenza della Pandemia – dichiara Salvatore Sanna.

“Con orgoglio posso dire che le Acli di Sassari si sono dimostrate all’altezza del ruolo che la stessa società gli ha riservato. Abbiamo portato avanti le nostre attività cercando di dare supporto ogni qual volta si è evidenziata una necessità. Ho detto all’inizio del primo mandato che il primo obiettivo sarebbe stato far ripartire le Acli, direi che siamo andati ben oltre le nostre aspettative. Ma è nel nostro modo di intendere l’impegno associazionistico andare oltre i risultati e puntare sempre a migliorare, guardando alle sfide che il futuro ci mette davanti e cercando di dimostrarci sempre all’altezza della situazione. Le nostre comunità sanno oggi che possono contare su una presenza capillare nel territorio, su servizi che funzionano e che vengono messi a disposizione dei cittadini con professionalità e competenza.

Vogliamo fare ancora di più, raccogliere le nuove sfide legate alle novità introdotte dal codice del terzo settore, ampliare i servizi, creare ulteriori momenti e opportunità di incontro e di confronto sui temi centrali della nostra società, proporre iniziative culturali e di spettacolo anche legate alle nostre tradizioni. Le Acli di Sassari sono un punto di riferimento essenziale che dovrà sempre più ritagliarsi un ruolo decisivo per contribuire alla crescita e allo sviluppo del Nord Sardegna

Presentato il prestigioso Premio Alghero Donna: evento 14 gennaio

ALGHERO – Ieri mattina alle ore 10 presso l’ufficio del Sindaco a Porta Terra, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione delle vincitrici del premio Alghero donna 2022.  Il sindaco Mario Conoci ha rimarcato la volontà di mantenere il premio nella città catalana della Sardegna poiché vi è nato nel 1995 ed è uno dei pochissimi che ancora resistono in Italia unicamente dedicato alla letteratura e cultura a firma femminile.

“Vista la ricchezza dell’offerta di spettacoli e culturale del periodo natalizio e di fine anno – ha continuato il Sindaco – abbiamo pensato di spostare la premiazione a sabato 14 gennaio 2023 mantenendo il tradizionale appuntamento di sabato sera nel salotto buono della cultura algherese, il teatro civico.”  L’assessore alla cultura Alessandro Cocco ha rimarcato come la collaborazione dell’amministrazione del suo assessorato con Neria De Giovanni e la giuria, abbia proceduto sempre nel rispetto delle scelte che anche quest’anno sono orientate verso livelli di assoluta eccellenza.

Il premio nazionale Alghero donna di letteratura e giornalismo gode del patrocinio del comune di Alghero, ideato da Neria De Giovanni più di 25 anni fa.

“Il premio Alghero donna resiste negli anni – ha dichiarato Neria De Giovanni presidente della giuria – perché l’insindacabile giudizio della giuria premia al di sopra di ogni preconcetto ideologico seguendo soltanto criteri di eccellenza e letterarietà. Credo che l’albo delle premiate che si è arricchito negli anni dimostri come le nostre scelte non abbiano mai seguito sudditanze ideologiche né mode del momento. Anche con le scelte di questa edizione il premio Alghero donna conferma di essere realmente e felicemente un premio nazionale che però non dimentica la propria radice e la propria nascita in Sardegna. Per una sorta di alchimia- ha concluso  sorridendo De Giovanni –  le scrittrici di questa edizione si chiamano entrambe Silvia ed hanno il cognome che inizia con la lettera B! “

Joyce Lussu, moglie di Emilio Lussu, è la protagonista del libro “La Sibilla” (Laterza) scelto nella sezione Prosa, scritto da Silvia Ballestra autrice da anni nel panorama nazionale,  che vive e lavora a Milano; Silvia Bre con “Le campane” della prestigiosa “collana bianca” Einaudi, vince la sezione Poesia coronando una carriera di poeta e traduttrice con all’attivo autorevoli riconoscimenti.

Per quanto riguarda la sezione Giornalismo, il premio va a Manuela Moreno per la conduzione elegante, equilibrata e rispettosa degli ospiti intervistati nell’approfondimento quotidiano di Tg2 Post, dopo il telegiornale della sera.

Ancora Sardegna coniugata con la penisola per il Premio speciale della giuria all’attrice e autrice teatrale Evelina Nazzari figlia dell’indimenticabile Amedeo, nato a Cagliari.

La Giuria, presieduta da Neria De Giovanni,  è composta da (in ordine alfabetico): Antonio Casu già direttore della Biblioteca dei Deputati e presidente dell’Associazione Culturale “Il Cenacolo di Tommaso Moro”, Antonio Maria Masia presidente dell’UnAR Unione delle Associazioni Regionali di Roma e del Lazio, Massimo Milza segretario generale dell’Associazione Salpare organizzatrice del Premio, Giuditta Sireus direttrice artistica del Club letterario Jane Austen Sardegna.  La cerimonia verrà arricchita, come di consueto, dagli interventi musicali di artisti di livello nel panorama musicale algherese.

Borsa di studio CPL Concordia al Roth per uno studente meritevole

ALGHERO – Anche quest’anno uno studente del Tecnico Industriale Roth di Alghero viene premiato con la borsa di studio di CPL CONCORDIA, Le Radici del Futuro.

L’azienda, una delle più importanti società cooperative nel settore Energia e Servizi, da centoventi anni opera sia nel territorio di appartenenza sia in zone diverse dove crea occupazione e opportunità di sviluppo. Seguendo i bisogni della collettività, attraverso la formazione, la crescita culturale e civile, un particolare impegno viene rivolto ai giovani e al mondo del lavoro.

È tra gli obiettivi primari orientare e preparare i giovani al futuro dell’impresa e del Paese ed è per questo che, ogni anno, vengono consegnate delle borse di studio in denaro a diversi studenti meritevoli degli istituti italiani. Questo sottolinea, in particolare, il merito e il percorso che gli studenti compiono nell’arco dei cinque anni di studi negli Istituti Secondari Superiori.  CPL CONCORDIA, però, è solita rapportarsi anche con l’università e i vari istituti formativi.

Il consiglio della classe V B dell’Istituto Tecnico, indirizzo Elettrotecnica ed Elettronica, seguendo i criteri di assegnazione della borsa di studio indicati da CPL e stabiliti dalla commissione dell’Istituto, decide di assegnare il riconoscimento allo studente Marco Solinas. Il giorno 2 dicembre scorso, con una cerimonia tenutasi nell’auditorium della sede ITI dell’IIS A. Roth, in collegamento con il Vicepresidente CPL Samuele Penzo e il Responsabile della Sostenibilità Gianni Levratti, alla presenza del Dirigente Scolastico, Angelo Parodi, dello studente, delle classi del triennio e di alcuni docenti del Consiglio di Classe V B 2021-2022, è stata consegnata la borsa di studio. La motivazione della scelta, oltre al voto dell’Esame di Stato finale, è legata al fatto che lo studente ha rappresentato l’Istituto con serietà, dedizione, partecipazione ed eccellenti risultati scolastici. “Per CPL è fondamentale coltivare i rapporti con le istituzioni formative territoriali che plasmano i lavoratori e i cittadini del futuro”, ha commentato il Vicepresidente Penzo.

Umanitaria, “Ignazio, storie di lotta, d’amore e lavoro”: tour sul biopic

ALGHERO – I tre Centri Servizi Culturali sardi della Società Umanitaria, in collaborazione con l’Associazione Amici della Miniera e le amministrazioni comunali di Sassari, Alghero e Cagliari, organizzano un mini tour promozionale del film “Ignazio, storia di lotta, d’amore e di lavoro”. Il biopic diretto da Marco Antonio Pani che, a distanza di undici anni dalla sua scomparsa, racconta la straordinaria vita di Ignazio Delogu, poeta, traduttore, critico d’arte e cinematografico, giornalista e corrispondente dall’estero, scrittore, regista e sceneggiatore. Una vita vissuta intensamente, scandita dalla militanza politica, dall’impegno culturale e da eccezionali incontri, come quelli con Salvador Allende, Gabriel Garcia Marquez e Mario Vargas Llosa.

Il film, nato da un’idea dell’Associazione Amici della Miniera, è stato finanziato dalla Fondazione di Sardegna e dalla Società Umanitaria Sardegna – Cineteca Sarda in collaborazione con la Fondazione Enrico Berlinguer. Dopo l’anteprima regionale al Supercinema di Carbonia, approda a Sassari, Alghero e Cagliari l’omaggio a uno degli intellettuali sardi più poliedrici del Novecento. Durante tutte le proiezioni sarà presente in sala il regista Marco Antonio Pani.

 

  • Lunedì 12 dicembre ore 17.30
    Cineteatro Astra SASSARI – Corso Francesco Cossiga, 5
    Introduce Paolo Serra, Direttore della Società Umanitaria di Carbonia
    Ingresso libero
  • Mercoledì 14 dicembre ore 18.00 e ore 20.30
    Sala Conferenze Lo Quarter ALGHERO – Largo San Francesco
    In collaborazione con Generalitat de Catalunya Delegaciò del Govern a Italia Ofici de l’Alguer e dell’Òmnium Cultural de l’Alguer
    Introduce Alessandra Sento, Direttrice della Società Umanitaria di Alghero
    Ore 18.00 – ingresso riservato agli invitati Ore 20.30 – ingresso libero
  • Giovedì 15 dicembre ore 21.00
    Cinema Spazio Odissea CAGLIARI – viale Trieste, 84
    Introduce Antonello Zanda, Direttore della Società Umanitaria di Cagliari
    Ingresso libero