Sanità, salta Commissione: vergognoso, situazione molto grave

ALGHERO – “Vergognoso. In queste ore il Consiglio Comunale di Alghero,  nell’ambito della Commissione Sanità aperta ai rappresentanti istituzionali del territorio e ai vertici delle aziende sanitarie, avrebbe dovuto affrontare la situazione dell’Ospedale Marino, quella del Civile, le criticità del 118, l’Ospedale nuovo sparito dall’Agenda Pais/Solinas, la mancata apertura della terapia intensiva, il mancato decollo del DEA di primo livello.  Ma “reiterate assenze ingiustificate da parte dei membri della Commissione, in assenza di garanzie sulla loro presenza anche per questa delicata e importante seduta” hanno consigliato al Presidente Christian Mulas di sconvocare la riunione.
Avrà tirato un sospiro di sollievo il Presidente Pais, protagonista di altre richieste di silenzio-stampa per far tacere denunce politiche sulla sanità in consiglio regionale, anche perché per lui non si stava mettendo bene: il consigliere regionale Marco Tedde  aveva già reso noto il suo pensiero: “il trasferimento  alla AOU dell’Ospedale Marino non ha prodotto i frutti sperati, le forti criticità suggeriscono la retrocessione all’ATS”. Perfino consiglieri vicini alla Lega si stanno chiedendo in queste ore, fatta la stessa diagnosi sul Marino, se non sia il caso di avere un’unica azienda sanitaria per i due ospedali algheresi, o tutto ATS o tutto AOU. Il resto è caos. Conclamato.
E allora meglio abdicare al proprio ruolo per i consiglieri vicini a Conoci e Pais. Assentarsi. Un Sindaco che non prende posizione neanche su temi così delicati, su assenze reiterate dei consiglieri della sua maggioranza perfino  in riunioni chiave per la sanità dei suoi concittadini, non merita di restare al proprio posto.
La situazione è grave: non si riesce più a prenotare una visita specialistica, chi non ha un lauto stipendio è costretto a non curarsi perché non può  permettersi visite private a pagamento; l’Ospedale Marino non opera più, senza anestesisti ricovera solo persone a bassissimo rischio; i pazienti vengono sballottati tra i due ospedali, 36 ore qui, 36 ore li.  I cittadini vengono anestetizzati con comunicati stampa che annunciano tutti i giorni milioni come fossero noccioline. Ma la realtà è diversa. Purtroppo, la professionalità di medici, infermieri e operatori, non può supplire l’incapacità di chi amministra, anche di chi non ha neanche la dignità di fare il proprio dovere, di presenziare alle riunioni importanti, lasciando solo il vuoto, vuoto politico e istituzionale”.
 Per Alghero, Futuro Comune, Sinistra in Comune e PD

Di Nolfo: “Sindaco ha abbandonato Alghero, Conoci si dimetta”

ALGHERO – “Prima “Forza Italia” – partito di maggioranza relativa – si astiene sul bilancio, poi la lotta fratricida tra l’assessore al Turismo e presidente di Fondazione Meta – che lo stesso dovrebbe controllare -, dopo la buffonata del congelamento delle deleghe – ma non dell’emolumento – dell’assessore di “Fratelli d’Italia”, poi l’ “UDC” – tranne il presidente del Consiglio Comunale – sull’Aventino e ora “Noi con Alghero” che fa mancare il numero legale in commissione. Basta, la coalizione di destra che ha vinto 3 anni fa le elezioni ha superato ogni limite di dignità politica.

La maggioranza in sostegno di Conoci non esiste più. Il sindaco ne prenda finalmente atto e la smette di cercare toppe e di procrastinare sempre tutto, che Conoci si prenda le proprie responsabilità: non è mai stato in grado di guidare la maggioranza e non è mai stato in grado di amministrare la città. L’unica soluzione possibile sono le dimissioni. Dopo di che il Sindaco avrà 20 giorni di tempo per ritirarle e intanto capire se ha ancora una maggioranza.

Il voto anticipato non è un male soprattutto se serve a mandare a casa un Sindaco che ha completamente abbandonato la città e una coalizione in cui – citando le parole di un consigliere comunale della maggioranza stessa nell’ultima seduta consiliare – “spesso prevalgono interessi personali a quelli generali”.

Valdo Di Nolfo, consigliere comunale Sinistra in Comune

“Convocare le Commissioni è un mio dovere, non mi spaventano vili e nullità”

ALGHERO – “Ringrazio per la simpatica vignetta di Marco Vukic, però voglio ricordare sempre simpaticamente a tutti, che convocare le commissioni è un MIO DOVERE in quanto sono Presidente delle commissioni Sanità e Ambiente e siccome IO ho il dovere di produrre atti, voglio fare il possibile per lavorare per la mia città e per i miei cittadini che hanno posto fiducia in me, ma soprattutto per l’Amministrazione per cui sono stato eletto, quindi è un mio DOVERE convocare le commissioni che sono il motore e il lavoro dell’Amministrazione Comunale. Forse a qualcuno, che in diversi anni da consigliere non ha saputo produrre niente e rappresenta il nulla non sia d’accordo. Comprendo che questo mio operato gli dia fastidio, ma questo comportamento distruttivo e ostile non colpisce solo me, ma anche la nostra città e va contro gli algheresi. Certamente non mi spaventa questa vile opposizione di colui che vive nella suo immenso vuoto.Per me esiste solo l’impegno, il lavoro e il senso del dovere che quotidianamente faccio per la mia comunità. Per questo d’ora in poi renderò note le richieste di convocazioni delle commissioni cosi tutti sapranno quando sarà obbligatorio convocare le commissioni. Perchè, riperto, per me questo è un dovere civile e morale, per altri, forse con la pancia troppo piena e la poca responsabilità istituzionale, questo è uno schiribizzo o un gioco. A buon intenditor….”

Christian Mulas, presidente delle commissioni Ambiente e Sanità

“Salta pure la Commissione Sanità, non c’è limite al peggio”

ALGHERO – “Riceviamo oggi, la lettera di sconvocazione della commissione sanità prevista per Venerdì 29 Luglio alle ore 10.30 presso il Polisoccorso di Via Liguria.
Una commissione che era attesa da tempo, che avrebbe avuto la presenza di diversi amministratori del territorio, molti amministratori delle ASL, i direttori sanitari e gli operatori.
Vediamo che, anche su questo tema, fondamentale per la vita dei cittadini tutti, ancor più fondamentale in questo momento, data la situazione in cui versano i nostri due ospedali cittadini, con i servizi che languono, con le attività dei reparti che vanno a rilento, con mancanza di garanzia per le visite primarie e la mancanza di personale, la poca sensibilità dell’attuale maggioranza in carica.
Vorremo comprendere cosa pensa di fare questa amministrazione e la maggioranza, perché preferisce assentarsi, preferisce non presenziare e costringe il presidente della commissione sanità ad annullare la seduta per mancanza dei componenti della stessa commissione.
Un fatto gravissimo, che fa comprendere come stiano andando le cose, all’interno della maggioranza sardo leghista. In questo momento, per questi consiglieri, sono più importanti i problemi personali che i problemi della città e dei cittadini, tra cui coloro che li hanno sostenuti e votati.
Un fatto preoccupante che deve portare a riflettere il sindaco stesso di questa situazione.
A questo punto chiediamo anche le dimissioni del sindaco, oltre che quelle del Presidente della Va Commissione”
Capogruppo PD Mimmo Pirisi.

“Maggioranza di Centrodestra Sardista nel caos completo”

ALGHERO – “Caos completo, la maggioranza affigge fuori da Porta Terra un cartello con scritto “Bisticci in corso” e blocca tutto.  Dopo una serie di commissioni saltate per assenza di numero legale arriva la paralisi totale. Sconvocate la commissione Bilancio di domani e la commissione Sanità convocata per venerdì.
La situazione è grave seppure temiamo non seria considerati i protagonisti. Non conosciamo le ragioni degli scontri interni alla  destra conociana, ma sconvocare la commissione bilancio convocata per l’approvazione del previsionale e quella Sanità a cui sarebbero dovuti intervenire i vertici della sanità regionale, è un fatto enorme che in una situazione normale condurrebbe un sindaco a rassegnare immediatamente le sue dimissioni.
Se Conoci ha ancora una dignità, stavolta non si può far finta di nulla. Non si può risolvere la cosa con la solita pagliacciata, congelando magari l’Assessore Piras o l’Assessora Salaris di Noi con Alghero.
Davanti a una situazione di questo tipo ci vuole serietà, il sindaco prenda finalmente atto che la sua maggioranza è solo preoccupata di bisticciare e non di lavorare per la città e che dopo tre anni di nulla prodotti dal suo immobilismo non si può più continuare oltre”.
Gabriella Esposito
Pietro Sartore 
Mario Bruno

Fondazione, Delogu legittimo. Mulas: tempo è sempre galantuomo

ALGHERO – “Dopo la Segretaria generale del Comune di Alghero anche l’Anticorruzione ha chiarito la legittimità della posizione del Presidente della Fondazione Alghero Andrea Delogu. È stata scritta la parola fine di un procedimento equivoco e contraddittorio nato da un bizzarro esposto di esponenti di FdI che aveva fatto traballare la maggioranza di centrodestra. Non nutrivo dubbi sulla limpidezza della posizione di Andrea. Tant’è che la sconsideratezza politica dell’esposto mi aveva indotto a prendere una posizione forte contro il mio stesso assessore. Certamente questa mia posizione alla fine mi ha portato ad essere espulso da Fdi. Ma sono contento di aver fatto la cosa giusta. Però devo dire una cosa, “Quando preghi per la pioggia, il fango va messo in conto”Ora, ancor di più, occorre stare al fianco dell’Assessore del turismo e sostenere la Fondazione Alghero che con il Presidente Delogu sta avviando una straordinaria stagione di eventi che contribuiscono a promuovere Alghero in tutta Italia”.
Christian Mulas, capogruppo consigliare UDC

Salta ancora una Commissione Consigliare, “basta coi mal di pancia”

ALGHERO – “Tanto per cambiare, anche oggi va deserta una commissione consiliare perché la maggioranza non garantisce il numero legale.  La commissione Ambiente era ancora una volta convocata per approvare il regolamento dell’Area Marina protetta, ma le fibrillazioni che continuano ad attraversare la destra algherese non hanno permesso che la commissione si tenesse. La volta scorsa era stato il partito di Fratelli d’Italia a non garantire il numero, ma poi prima del consiglio, grazie a una gita in spiaggia del sindaco, il malumore era in parte rientrato. Oggi, invece, è il gruppo di Noi con Alghero che, seppure con due assessori risulti ampiamente rappresentato in giunta, manifesta mal di pancia e non garantisce il numero facendo saltare la commissione.
Noi, e come noi tutti i cittadini algheresi, siamo abbondantemente stufi di mal di pancia, mal di denti e malumori vari. Il sindaco ne prenda finalmente atto. La città è in abbandono, ma lui è la sua maggioranza si preoccupano solo di bisticciare e di farsi dispetti. Così non si può continuare”.
Per Alghero, Futuro Comune, Sinistra in Comune, PD e M5S 

Alghero 2030, dalla Regione 900mila euro per nuovi progetti

ALGHERO – Si rafforza il programma di sviluppo Alghero 2030, che traccia la linea dello sviluppo basato sulle politiche delle opere pubbliche, della mobilità, infrastrutture e collegamenti, rigenerazione urbana e potenziamento dei servizi ai cittadini. Il Settore Programmazione si avvale ora di ulteriori fondi per elaborare e candidare progetti e per la spendita delle risorse che per la Sardegna saranno ingenti, proprio in questi settori strategici.  Dalla Regione arrivano 900 mila euro per dare continuità alle attività di progettazione che l’Amministrazione sta mettendo in campo con  investimenti sulla  rigenerazione urbana   ( ex caserma di Via Simon e del Forte della Maddalena e Torre di Garibaldi,  Museo Manno )  viabilità ( progetto area Don Bosco – Mariotti ) e con  la chiusura di opere strategiche quali la Circonvallazione della città e dell’ex Cotonificio. I fondi in arrivo dall’Assessorato alla Programmazione e Bilancio della Regione vanno a sostenere la progettazione dell’Ufficio Programmazione, che ha in agenda gli obbiettivi fissati dell’Amministrazione comunale sull’ottenimento delle risorse  dei  fondi del Pnrr,  del Programma Operativo FESR della Regione Sardegna per il periodo 2021 – 2027.

“Alghero si fa trovare pronta – afferma il Sindaco Mario Conoci – per fruire delle risorse e definire così  lo sviluppo del territorio per i  prossimi anni, proseguendo sulla strada intrapresa e facendo scelte strategiche e coordinate per affrontare in tempi rapidi le sfide dello sviluppo”.  Sul tavolo della maggioranza e dell’Amministrazione, dalla prossima settimana è  in programma il confronto sulle priorità progettuali e sulle scelte da attuare,  sulla base di un’ampia serie di opzioni  nei settori in cui è imminente la pubblicazione dei bandi: dalla viabilità, mobilità sostenibile, energia rinnovabile, alla rigenerazione e rifunzionalizzazione dei più importanti edifici pubblici.  Un percorso di rilancio economico del territorio che si compatta ulteriormente grazie all’impulso dell’Amministrazione, che ha voluto  una stretta  matrice di coerenza tra le priorità individuate dalla Regione Sardegna nel Programma Operativo FESR e le relative azioni di finanziamento, e gli obiettivi operativi e progettualità del programma di sviluppo  Alghero 2030.

“La politica accenda i riflettori su Abbanoa”

CAGLIARI – “La politica accenda i riflettori su Abbanoa”. L’ex sindaco di Alghero e Consigliere regionale di FI Marco Tedde prende posizione sul recente provvedimento dell’Antitrust che ha sanzionato Abbanoa irrogandole una sanzione di 5 milioni di euro per non avere adempiuto agli obblighi informativi e per non avere riconosciuto a favore degli utenti la prescrizione biennale su crediti fatturati dopo il 1° gennaio 2020.  Secondo l’Antirust questi comportamenti integrano una pratica commerciale scorretta in quanto “contrari alla diligenza professionale e idonei a falsare in misura apprezzabile la condotta del consumatore in relazione, peraltro, ad un servizio di interesse primario.”  “Sono accuse pesanti –attacca l’esponente di F.I- che censurano significativi profili di illiceità che secondo l’Autorità sarebbero “connotati da un significativo grado di offensività in ragione del mancato rispetto e/o per ostacolo all’esercizio dei principali diritti dei consumatori.”  Questi sono i motivi che hanno determinato l’Autorità a irrogare ad Abbanoa il massimo della sanzione prevista dal Codice del Consumo.

“Crediamo che i diritti dei cittadini siano da tutelare sempre, ma soprattutto in questo periodo in cui la pandemia e la complessiva situazione internazionale e nazionale stanno impoverendo ulteriormente le famiglie –sottolinea l’esponente politico-. Questo è il motivo per cui chiediamo espressamente al Governo regionale un supplemento di attenzione nei confronti della gestione Abbanoa e la verifica attenta della sussistenza delle accuse dell’Antitrust. I diritti dei cittadini debbono prevalere sempre sugli interessi economici degli enti pubblici e delle partecipate, e la politica deve vigilare con attenzione sulla tutela delle famiglie –chiude Tedde-.” 

Successo della manifestazione “In ricordo di Marta”

ALGHERO – Sport, intrattenimento e beneficenza producono risultati straordinari. La raccolta fondi della manifestazione del 15 e 16 luglio scorso, “In ricordo di Marta”, organizzata dai genitori  della bambina venuta a mancare poco tempo fa a causa di una grave malattia è stata un successo. Due giorni di attività con tornei estivi di calcio, pallavolo, basket, con eventi e animazioni e tanta solidarietà. Oggi Maria Luisa e Giampiero, i genitori di Marta, hanno voluto comunicare l’esito della raccolta: 35 mila euro da destinare alla ricerca sul neuroblastoma. “Una generosità straordinaria della nostra città, e non solo, che nel nome di Marta si è mobilitata ancora una volta”, ha commentato il Sindaco Mario Conoci che stamattina insieme  agli Assessori Giovanna Caria e Alessandro Cocco ha salutato l’esito della raccolta e ringraziato i genitori di Marta e le scuole e le associazioni sportive che hanno reso straordinario questo momento di solidarietà.