Oppi è ricoverato al Brotzu in condizioni stazionarie

ALGHERO –  Giorgio Oppi, consigliere regionale dell’Udc, è ricoverato in condizioni stabili e stazionarie all’ospedale Brotzu, Nonostante le voci di questa mattina su un suo probabile aggravamento, risulta avere invece alcuni parametri in miglioramento rispetto ai giorni scorsi. Il politico centrista, 82 anni,  circa due settimane era stato ricoverato all’ospedale Santissima Trinità per una pancreatite ma era stato trasferito in Rianimazione e intubato in seguito ad una insufficienza respiratoria. Ora, come detto, le condizioni sono stazionarie con alcuni parametri in miglioramento con l’auspicio che possa, a breve, superare ulteriormente migliorare.

Elezioni anticipate, si voterà domenica 25 settembre

ALGHERO – Manca ancora l’ufficialità, ma sembra che la data per le elezioni politiche anticipate sarà fissata domenica 25 settembre. Dunque non si attende neanche il mese di ottobre per indicare tagliare ulteriormente i tempi e permettere al nuovo Governo di scrivere e portare in Parlamento la finanziaria. Una corsa contro il tempo da parte di tutti i partiti con anche i primi rumors sui candidati locali compresi alcuni leader algheresi che, probabilmente, saranno in lizza nelle liste per Camera e Senato.

5S, Lega e Fi, stop a Draghi: è sfiducia. Disastro politico ed elezioni anticipate

ROMA – Governo Draghi al capolinea. Alla fine ha prevalso la linea di chi, per motivi di contingenze elettorali e per ripicca (per non parlare di vendetta politica), ha deciso di “staccare la spina” all’esecutivo del leader internazionale già alla guida della Bce. Ciò principalmente a causa delle scelte di 5 Stelle, Forza Italia e Lega. Ora il voto anticipato che sarà fissato i primi di ottobre con, tra l’altro, la finanziaria da approvare e soprattutto la condizione generale di forte criticità per la guerra, crisi e pandemia. Insomma, a dir poco, una scelta molto azzardata e per alcuni scellerata. D’altra parte tutto è iniziato con l’implosione dei 5 Stelle che quasi certamente porterà alla vittoria elettorale del Centrodestra.

Passa la fiducia al premier Draghi in Senato, ma con soli 95 voti favorevoli: il risultato più basso che il governo ha ottenuto in questa legislatura. Un numero esiguo per proseguire il cammino del governo. Il presidente del Consiglio annuncerà giovedì mattina nell’aula della Camera, all’inizio della discussione generale, la propria intenzione di andare a dimettersi al Quirinale. La seduta è convocata per le ore 9:00.

Mario Draghi non ha più la maggioranza. Alla fine di una giornata “di follia”, come la riassume il segretario del Pd Enrico Letta, il non voto in Senato da parte non solo del Movimento 5 Stelle ma anche del “centrodestra di governo”, come hanno continuato a definirsi fino all’ultimo Lega e Forza Italia, certifica la fine delle larghissime intese. Non c’è più quella unità nazionale che, nelle parole del premier in Aula, garantiva “legittimità democratica ed efficacia” all’esecutivo. La fiducia, tecnicamente

Dopo la Commissione Bilancio, salta anche quell’Ambiente

ALGHERO  – Dopo la Commissione Bilancio di ieri, presieduta da Antonello Muroni, è saltata, questa mattina, anche la Commissione Ambiente guidata da Christian Mulas. Dunque ancora problemi per il Centrodestra Sardista nonostante in entrambi i casi si tratti di argomenti molto importanti ovvero la definizione del documento contabile che andrà a programmare i prossimi mesi, con conseguente sblocco di fondi e interventi, e, quell’Ambiente, sul “disciplinare” dell’Area Marina Protetta riguardante diversi aspetti dell’attività da svolgere nell’Amp. In entrambi casi, vista l’assenza del rappresentante del rappresentante di Fratelli d’Italia, non si è raggiunto il numero legale per poter procedere coi lavori. Pare che il Sindaco Conoci, dopo aver nelle scorse settimane già detto che non avrebbe tollerato più atteggiamenti simili, abbia intenzione di non soprassedere ulteriormente e prendere dunque dei provvedimenti.

“Fratelli d’Italia fa saltare la commissione bilancio, danno per Alghero”

ALGHERO – “Niente da fare stasera, in commissione bilancio. Nonostante l’ordine del giorno fosse importantissimo e propedeutico all’approvazione del bilancio di previsione (tariffe, IMU, TARI, IRPEF ecc…), la commissione non si è potuta tenere, per la mancanza di una parte importante della commissione: la parte dei 𝗙𝗿𝗮𝘁𝗲𝗹𝗹𝗶 𝗱’𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮.

Questo atteggiamento sta creando e andrà a creare sicuramente dei ritardi dell’approvazione del bilancio di previsione e dello strumento di programmazione del comune.

Ricordiamo inoltre che, fino a oggi, quindi tutto il mese e a questo punto anche il mese di Agosto, data la situazione, il Comune di Alghero sta impegnando in dodicesimi (è quindi in esercizio provvisorio), dunque non può spendere i soldi che può avere a disposizione da un bilancio di previsione approvato. Questo è un danno per la comunità”

Mimmo Pirisi, capogruppo Pdς

Salta la Commissione Bilancio, “basta con le buffonate”

ALGHERO – La Commissione bilancio va deserta perché, tanto per cambiare, la maggioranza non è in grado di garantire il numero legale.  L’importanza dei punti all’odg (Approvazione Pef e tariffe TARI, addizionale Irpef e IMU) rende ancora più grave l’irresponsabilità di una maggioranza che, quando siamo oltre la metà dell’anno, non è stata ancora capace di approvare il bilancio di previsione 2022.
Oggi, quando finalmente sembrava fosse la volta buona per iniziare a parlare di bilancio, salta pure la commissione che avrebbe dovuto approvare gli atti precedentemente citati, che risultano propedeutici proprio per l’approvazione del previsionale.
Ora vista l’assenza del consigliere di Fratelli d’Italia ci si augura solo che Conoci non ci faccia assistere all’ennesimo ridicolo congelamento dell’assessore al turismo. Gli algheresi sono stufi delle buffonate; gradirebbero piuttosto una Amministrazione che lavori per risolvere i problemi di una città che il cdx continua, invece, a presentare sudicia, piena di fossi, con i parcheggi sempre più cari e con una viabilità impazzita”.
Per Alghero, Futuro Comune e Sinistra in Comune e PD

In Consiglio lo Ius Scholae, Arst, parcheggi e Bilancio

ALGHEO‌ – Il Consiglio Comunale è convocato, in sessione ordinaria, in seduta pubblica di prima convocazione, presso il Teatro Civico in Piazza del teatro, per il giorno mercoledì 20 luglio 2022, alle ore 17.00,  per discutere e deliberare sugli argomenti di cui al seguente ordine del giorno:

  1. Ordine del Giorno presentato dal Consigliere Sartore e più su “Ius Scholae”;
  2. Ordine del giorno presentato dal Consigliere Di Nolfo e più su “Parcheggi a pagamento – Tariffa riservata ai residenti e nati ad Alghero”;
  3. Ordine del giorno presentato dal Consigliere Bamonti su: “Trasporto pubblico ARST”;
  4. Approvazione verbale sedute Consigli Comunali del 20 e 22 giugno 2022;
  5. Documento Unico di programmazione (DUP) 2022/2024; Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2024 – Presentazione -;
  6. Tassa sui rifiuti (TARI) Adozione del Piano Economico Finanziario per il periodo 2022-2025 e individuazione dello schema regolatorio di riferimento;
  7. Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2024 – Tariffe TA.RI. 2022. Approvazione;
  8. Imposta Municipale propria (IMU) – Anno 2022. Conferma aliquote;
  9. Addizionale Comunale IRPEF – Anno 2022 – Conferma aliquote.

La sala è predisposta per garantire la presenza di un numero massimo di 40 persone, secondo le vigenti norme sanitarie

Si precisa che la partecipazione del pubblico sarà garantita mediante collegamento in diretta sul canale Youtube del Comune di Alghero.

Emergenza Sanità, Commissione il 25 luglio con Tedde e Pais

ALGHERO – “La sanità algherese sta continuando a vivere un momento difficile non solo per i tempi  lunghi  delle liste d’attese delle visite, ma soprattutto per la mancanza  di una programmazione aziendale da parte della direzione dell’Asl. Anche il servizio di emergenza-urgenza del 118 coordinato dall’Areus ad Alghero sta vivendo un momento di grande difficoltà perché una ambulanza medicalizzata deve garantire una assistenza sanitaria medica per una popolazione quadruplicata nel periodo turistico vacanziero. Il servizio che oggi garantisce il 118 in città, ha un organico di 5 medici e 5 infermieri,decisamente sottodimensionato per una corretta turnazione del servizio. Sos medici sulle ambulanze d’emergenza. Il presidente della commissione sanità Christian Mulas afferma: non si placa il dibattito legato alla diminuzione del numero delle ambulanze medicalizzate presenti sul territorio. Il vuoto in organico nelle ambulanze medicalizzate del 118 e del personale desta un’ enorme preoccupazione visto anche i numerosi interventi che questo servizio è chiamato prestare nel nostro territorio”. I medici, infermieri e autisti in servizio sono spesso costretti a turni massacranti, fino al doppio delle 38 ore settimanali. La rete è bucata in troppi Comuni, a cominciare dal Nuorese e dall’Oristanese, dove le «medicalizzate» ormai riescono a fatica a far fronte alle chiamate in arrivo nelle centrali di Cagliari e Sassari. Sono state oltre un milione e mezzo le telefonate, nel 2021 e circa 10,000 solo per Alghero. A essere sul piede di guerra sono anche le associazioni di volontariato, ingaggiate sempre dall’Areus: le loro ambulanze sono diventate sempre più solo mezzi di trasporto senza l’assistenza medica necessaria ma con volontari sempre più formati e specializzati. «Però purtroppo prosegue il presidente della commissione sanità Christian Mulas in prima linea  vanno medici infermieri e autisti che continuano a garantire il servizio del 118 anche con grande difficoltà per la carenza di personale.«Le telefonate per soccorso ad Alghero sono aumentate del 30-40% nel 2022, il carico di lavoro è più che raddoppiato. C’è una percentuale di pazienti positivi con patologie ordinarie, ci sono gli interventi specifici per il Covid e, ancora, i pazienti negativi, bisognosi di cure, oltre ai soccorsi di massima urgenza. Prima, per la paura del contagio, erano in molti a evitare gli ospedali. Adesso i pronto soccorso scoppiano: quotidianamente si ricevano dagli ospedali segnalazioni sul loro stato di criticità per cui viene richiesto di limitare l’arrivo di ambulanze, salvo codici rossi». Sono allo stremo delle forze gli operatori del 118 e farli lavorare in queste condizioni è assurdo».Se non è possibile riuscire ad avere una medicalizzata in più per Alghero,perché non pensare di creare un servizio sanitario territoriale speciale di supporto alla medicalizzata come “L’INDIA”, ovvero servizio infermieristico specializzato con autista e con l’ausilio di un operatore Oss specializzato per far fronte ai numerosi interventi che sono richiesti nel nostro territorio. Si spera che nella prossima legge di spesa della Regione, attesa entro luglio, sia previsto anche un finanziamento straordinario per incentivare i medici a partecipare ai corsi per la specializzazione in medicina territoriale dell’emergenza, condizione indispensabile per poter salire a bordo di una medicalizzata». A tale proposito il giorno 25 Luglio sarà convocata la commissione sanità per parlare ancora una volta del problema sanità. Ai lavori di commissione saranno invitati a partecipare, il Sindaco M.Conoci, il Presidente del Consiglio Regionale M.Pais, Onorevole M.Tedde membro della commissione sanità Regionale, il direttori generali Asl il direttoare generale Aou il direttore generale Areus 118″.

Christian Mulas, presidente commissione sanità Comune di Alghero

Presa d’atto del Pai, Di Nolfo: “Gioco delle tre carte, stortura normativa”

ALGHERO – Il Piano di Assetto Idrogelogico riguarda tutto il territorio comunale: dalle Borgate e l’Agro storico fino al centro, tutta la città. Ma soprattutto come si è detto più volte in consiglio comunale “è lo strumento di pianificazione che serve a salvare le vite in casi calamità naturali”. Ho spalato fango a Olbia e a Bitti, uno studio preciso del territorio era fondamentale prima e lo è ogni giorno di più perchè l’emergenza climatica è sempre più impellente – un giorno capiremo anche cosa possiamo fare tutte e tutti e tutti i giorni per fermarla – ma oggi voglio parlare di carte, di Alghero e di dovere dei Consiglieri Comunali.

In allegato due cartografie della stessa zona – Alghero centro dal Lungomare a Caragol/Carrabuffas, il Canalone per intenderci – e si riferiscono alle problematiche del Rio San Giovanni in parte tombato. Bene, la prima è stata approvata dal Consiglio Comunale nel 2019 mentre quella di sotto è stata mandata in Regione senza il passaggio in Consiglio. E’ vero che è stato utilizzato un altro metodo di studio tra le due cartografie ma è anche vero che della seconda non c’è traccia da nessuna parte, qui il link per verificare: https://bit.ly/3O5vlNY

Si tratta di una cartografia segreta, sconosciuta. Ditemi voi se potevo stare in aula ad avvallare tale stortura normativa, tale gioco delle tre carte solo con la mia presenza? Ma non scherziamo su, che gli atti normativi sono cosa serie – soprattutto quando hanno l’obbiettivo di salvare le vite delle persone – e lo sono anche quando si chiamano “presa d’atto”.

Valdo Di Nolfo, Capogruoppo Sinistra in Comune

Draghi dimissionario. Fatale la sfiducia dei 5 Stelle, elezioni anticipate in vista

ROMA – La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c’è più. È venuto meno il patto di fiducia alla base dell’azione di governo. Così il premier Mario Draghi in Cdm che, dunque, lascia la guida del governo. Questo a seguito della mancata fiducia in Parlamento da parte di quello che resta dei 5 Stelle guidati da Giuseppe Conte che, di fatto, è colui che è considerato il responsabile di questa assurda crisi che arriva nel momento più difficile per l’Italia dal dop-guerra ad oggi.  Un vero disastro per l’Italia vista anche la necessità di definizione dei progetti del Pnrr e soprattutto dell’elargizione dei fondi ai vari Enti Pubblici.

Ora le strade sono due: o Draghi fa un passo indietro, vista anche la maggioranza che tuttora sussiste e che sarà testata dal passaggio parlamentare visto il “congelamento” da parte di Mattarella delle dimissioni oppure si va al voto anticipato. Si parla di fine settembre o primi di ottobre. La situazione è oramai precipitata e non potrà  non avere riflessi anche a livello locale e pure regionale. Del resto, mai con in questo momento, il Centrodestra avrebbe la possibilità di vincere le elezioni e ciò porterà, ovviamente e anche giustamente, ad una crescente diffusa volontà alla candidatura da parte dei rispettivi rappresentanti dei vari partiti di Centrodestra, ma pure degli altre forze. Insomma un patatrac che smuoverà anche il placido scenario politico locale.