Salta l’ennesima Commissione, Conoci si deve dimettere”

ALGHERO / “Anche oggi, 27 gennaio, a causa delle assenze tra i commissari di maggioranza, niente numero legale nelle commissioni III e V convocate in forma congiunta per deliberare sul disciplinare dell’Area Marina protetta.
Evitiamo di dilungarci oltre nel commentare questo spettacolo indegno che va avanti da troppo tempo, senza che il primo cittadino intervenga in alcun modo. Ribadiamo unicamente che davanti a una situazione simile il sindaco Conoci dovrebbe avere la dignità di presentare le sue dimissioni.
Sul tema della commissione mandiamo un messaggio di solidarietà ai pescatori che hanno dovuto sorbirsi, ancora un volta, il brutto spettacolo di una maggioranza che continua a farsi gli sgambetti da sola davanti ai pescatori riuniti. A tal proposito tutti i gruppi consiliari della minoranza – Sinistra in Comune, P.D., Per Alghero, Futuro Comune e M5S – sostengono il documento sulla piccola pesca a firma del Comitato Cigarellu e dell’Associazione Imprese di Pesca Banchina Millelire”.

“Il Centrosinistra getta la maschera, interessati solo al proprio tornaconto”

ALGHERO – “È quanto meno bizzarro, oltreché per nulla costruttivo, continuare nell’infinito “gioco” di non permettere il regolare svolgimento delle riunioni di commissione, sfruttando le restrittive pieghe regolamentari, che con la sola assenza di un consigliere di maggioranza non permettono – se la minoranza diserta – il regolare svolgimento delle riunioni. Come è semplice intuire e facilmente comprensibile anche per i colleghi più riottosi, impedimenti lavorativi possono sempre capitare, come all’ordine del giorno può succedere che problemi di salute o familiari non permettano a questo o quel consigliere di presenziare ai lavori. Così è successo nei giorni scorsi, ma questo è quello che spesso è capitato anche in passato, in questa come nelle precedenti esperienze consiliari. Diventa pertanto inutile, se non per questioni puramente giornalistiche nella speranza di strappare un titolo ad effetto, continuare ad ostacolare strumentalmente i lavori. L’opposizione getta così la maschera dimostrandosi più interessata al proprio tornaconto politico che agli interessi degli algheresi, e questo risalta ancora di più alla luce delle lamentazioni, evidentemente strumentali,  di qualche giorno fa sull’importanza di dare alle commissioni più spazi e più organizzazione. Sarebbe decisamente più utile, tanto per la città quanto per la stessa opposizione, confrontarsi e dialogare, apportare modifiche o migliorie – se si è capaci e se vi è, come spesso sbandierata, la volontà di perseguire il bene comune – agli atti in discussione. Questa si che sarebbe una bella prova di maturità, sicuramente apprezzabile anche dagli algheresi. Per i giochetti, gli sgarbi e le comparse c’è sempre tempo. Stiano tranquilli poi sulla compattezza della maggioranza e si rinfreschino il ricordo di quando nello scorso mandato sfiduciavano regolarmente il sindaco Bruno in ogni consiglio comunale che è stato riunito per tre anni di fila ed improduttivamente esclusivamente in seconda convocazione”. Lo dichiarano con una nota i consiglieri dei gruppi di maggioranza di Centrodestra e Sardista, Forza Italia, Noi con Alghero, FdI, Lega Psd’Az e Riformatori Sardi, alla guida della città di Alghero. 

Alghero, “Palazzo Civico , lavori fermi: pensano solo a cose futili”

ALGHERO – “Come hanno confermato il sindaco in consiglio comunale e l’Assessore in commissione, i lavori di recupero e restauro del palazzo civico di via Columbano sono fermi da tempo. L’Amministrazione ha rotto i rapporti con il direttore dei lavori e avviato la risoluzione del contratto che legava il professionista e il comune.  Nel frattempo, ovviamente, il cantiere è bloccato.  Sul cartello di cantiere si legge che la fine dei lavori era prevista per il 22 gennaio 2022. Siamo, invece, già a gennaio del 2023 e purtroppo i lavori appaiono ben lontani dalla conclusione.  La speranza è che dopo che verrà nominato un nuovo direttore dei lavori i lavori possano riprendere al più presto, ma risulta piuttosto evidente l’enorme ritardo degli stessi.  L’Amministrazione Conoci ha avuto la fortuna di trovare tanti progetti pronti e tanti lavori avviati. Avrebbe dovuto quindi solo lavorare a testa bassa per portare avanti le opere per le quali la precedente Amministrazione di centrosinistra aveva trovato i finanziamenti e invece, come già successo per la piscina coperta e per l’ex cotonificio anche per il palazzo comunale è tutto completamente arenato.  Nei fatti praticamente tutte le opere pubbliche, che erano state avviate in città dalla precedente giunta di centrosinistra, sono purtroppo sostanzialmente ferme o nella migliore delle ipotesi vanno avanti con enorme lentezza.  La sensazione triste, ma sempre più concreta, è che il sindaco e la sua maggioranza si preoccupino solo delle cose futili e frivole e non dedichino invece piena attenzione e completo impegno a quelli che sono i loro compiti più importanti”.
Pietro Sartore (Lista Civica  – Per Alghero)

Consiglio Comunale in Aeroporto. Martedi altra convocazione |tutti i punti

ALGHERO – Doppia convocazione del Consiglio Comunale di Alghero. Domani, giovedi 26 gennaio, la massima assise cittadina parteciperà alla manifestazione in difesa della Continuità territoriale dell’Aeroporto di Alghero. Appuntamento al Cinema Miramare previsto per le 10.00 a cui parteciperanno tutti i principali Enti, attori e stakeholder del territorio oltre che il Consiglio Regionale della Sardegna. Altra convocazione del Consiglio Comunale per i 31 gennaio con diversi punti all’ordine del giorno come da link sottostante al documento integrale.

CONVOCAZIONE_CONSIGLIO_COMUNALE_31.01-01.02.stamped (1)

 

 

 

Verso il voto, Fratelli d’Italia: presentazione nuovo coordinamento di Sassari

SASSARI – Fratelli d’Italia si mette in moto in viste degli importanti appuntamenti elettorali che fra un anno impegneranno tutti i sardi (Regionali) e anche, per le Comunali, i residenti di Sassari e Alghero. Ed ecco la presentazione del nuovo Coordinamento Cittadino di Fratelli d’Italia di Sassari, presso l’Hotel Grazia Deledda, sabato 28 alle ore 17:00.  All’incontro interverranno l’ On. Salvatore Deidda  Presidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, il Senatore Antonella Zedda Vice Capogruppo al Senato e Coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, l’Avv. Marco Porcu Assessore regionale alla Difesa dell’ Ambiente e l’On. Barbara Polo deputato e Coordinatore Provinciale di Fratelli d’Italia di Sassari che presiederà i lavori. Saranno inoltre presenti rappresentanti istituzionali e dirigenti di Fratelli d’Italia.

 

Alghero, saltano le Commissioni: “Conoci ritrovi i suoi consiglieri smarriti”

ALGHERO – “Anche oggi, come oramai consolidata consuetudine, saltano le commissioni per mancanza del numero legale a causa delle assenze tra i consiglieri di maggioranza. Le commissioni I e VI era convocate in forma congiunta per discutere diversi punti tra cui il regolamento oggetti smarriti, ma è oramai evidentissimo che Conoci dovrebbe piuttosto preoccuparsi dei consiglieri smarriti.
Siamo anche noi stanchi di fare continui comunicati per segnalare la mancanza di numero, ma è giusto che i cittadini siano informati su quanto sta avvenendo.
In realtà basterebbe che qualcuno informasse il sindaco che non può continuare a far finta di nulla, ma deve decidersi a prendere atto che non ha più una maggioranza, presentando le sue dimissioni o in alternativa andare urgentemente al programma Chi l’ha visto per vedere se lo possono aiutare a ritrovare i suoi consiglieri smarriti”.
Per Alghero, Futuro Comune, Sinistra in Comune e PD

Rilievi radio-attivi, replica di Pirisi (Pd) all’Udc

ALGHERO – “Constatiamo con sorpresa che, dopo 4 anni, una forza politica dell’attuale amministrazione comunale, prova a prendere le difese della Direzione del Parco e dunque chiarendo in maniera inequivocabile la provenienza politica del management del Parco. Già avere la comprensione di questo fatto sarebbe, agli occhi della cittadinanza e degli abitanti del territorio, fonte di chiarezza anche per le dovute responsabilità oggettive.

Per quanto riguarda invece il tema trattato e le giustificazioni prodotte mi riservo, proprio per la complessità dell’argomento e per non chiuderlo con poche righe, di dettagliare una puntuale e specifica risposta con dati alla mano e con minuziosa spiegazione per far sì che tutti quelli che leggono, possano tranquillamente capire ciò che sta avvenendo all’interno del Parco di Porto Conte.
Mi preme comunque, per concludere, fare una considerazione al gruppo politico che ha scompostamente risposto alla mia nota comunicando che, sia il mio partito, il mio ruolo e anche la mia storia politica non ha bisogno, così come maldestramente riportato nella nota, di “letture da parte di altri” o suggerimenti di parte per rispondere o argomentare su un tema che, la stessa forza politica cerca di difendere l’indifendibile. Su ciò si dovrebbe studiare con più attenzione prima di firmare un documento, ma questo, come ho detto all’inizio, sarà oggetto di risposta puntuale utile anche a chi oggi cerca di difendere l’operato del Direttore”.

Mimmo Pirisi Capogruppo PD Alghero

Alghero, salta ancora una Commissione: “Ora basta, è indecenza: diano le dimissioni”

ALGHERO – “Oggi, 23 gennaio, saltano non una ma addirittura tre commissioni consiliari per mancanza numero legale a causa delle assenze dei commissari di maggioranza. 
La I, la IV e la V commissione erano, infatti, convocate in forma congiunta per approvare il regolamento sul garante dei detenuti.  Le assenze dei commissari di maggioranza non hanno però permesso che le commissioni si tenessero: nessuna di esse aveva i numeri.
La contemporanea assenza di componenti dei gruppi di fratelli d’Italia, di Noi con Alghero e, cosa ancor più incredibile, dello stesso gruppo del Sindaco (PsdAz-Lega) ha così fatto saltare i lavori e ha rappresentato ancora una volta in modo plastico il fatto che i mal di pancia diffusi tra i componenti della maggioranza stanno impedendo il normale svolgimento dell’attività del consiglio e delle commissioni. 
Come consiglieri di opposizione ci scusiamo pubblicamente con gli ospiti che erano stati invitati a partecipare ai lavori, ma crediamo sia evidente a tutti che non è più possibile per noi fare da “foglia di fico” alla maggioranza e pertanto non potevamo per l’ennesima volta coprire col nostro senso di responsabilità la superficialità dei commissari della destra algherese. 
Il sindaco piuttosto non può continuare a tenere la testa sotto la sabbia, se non è in grado di risolvere i bisticci all’interno della sua maggioranza ne prenda atto e rassegni le dimissioni, tanto ad Alghero praticamente nessuno se ne accorgerà; tra un sindaco fantasma e nessun sindaco non cambia molto”.
Per Alghero, Futuro Comune, Sinistra in Comune, PD e M5stelle
L’INTERVENTO DI PIETRO SARTORE: 

Stop centraline radioattività a Capo Caccia, Pirisi contro il Parco

ALGHERO – “Le cronache di questi giorni ci consegnano una Direzione del Parco che ricorda molto la storia letteraria del Dottor Jekyll e mister Hyde.  Il nostro Direttore Mariani ci sta sempre più abituando a decisioni che, se prese coerentemente e in maniera costante, non susciterebbero perplessità, ma che, ultimamente, lasciano molto a desiderare.  La vicenda che sta riguardando il promontorio di Capo Caccia, per il quale la Direzione del Parco, chiede che venga sospesa la gara d’appalto per l’istallazione di una stazione di monitoraggio radioattivo necessario per l’Italia e per l’intera Europa (tra l’altro nello stesso punto dove è presente un altro punto di raccolta dati che verrebbe sostituito senza nessuna aggiunta di struttura nuova e utilizzata in remoto senza nessuna presenza umana), con motivazioni inspiegabili e prese a corrente alternata.

In sintesi si chiede il rispetto di norme ambientali e vincolando il tutto a pareri necessari (Vinca) per tutta quella fascia costiera presenti da tanti anni.

Tutto ciò ci fa riflettere e ci fa fare più di una considerazione:

  • Ci chiediamo perché a Capo Caccia si tenta il blocco dell’appalto chiedendo il rispetto delle norme ambientali autorizzazioni comprese tra l’altro in un sito già presente ed utilizzato da anni in quel settore mentre poco lontano da lì a punta giglio nessuna presa di posizione e nessuna richiesta (considerato che si tratta di zone con lo stesso interesse ambientale con la stessa necessita di pareri autorizzativi).
  • Ci chiediamo se è stato valutato da chi guida il parco che, tale opera rientra nelle priorità Nazionali e Comunitarie e che c’è una ragione di stato e una salvaguardia della salute dei cittadini comunitari a cui neanche il Parco può far finta di niente o scavalcare.
  • Ci si chiede, se l’amministrazione comunale, con il sindaco in testa, si sia reso conto che questo diniego espone il parco, Alghero e la sua amministrazione all’isolamento nazionale e allo screditamento del nostro territorio con motivazioni che hanno poco di legittimo e molto folcloristico.
  • Per ultimo, ma non di minor importanza, ci chiediamo se una decisione del genere non doveva perlomeno essere condivisa (se mai si potesse condividere) con l’assemblea del parco che è l’unica titolata a dare un parere sull’argomento.

Attendiamo risposte, se ce ne saranno.

Mimmo Pirisi Capogruppo PD Alghero

Monica Chessa ritorna alla guida della Lega di Alghero

ALGHERO – Monica Chessa è la nuova segreteria della Lega di Alghero. Aveva guidato il partito in Riviera del Corallo in passato, ma per alcune scelte del Carroccio aveva interrotto il suo percorso da segretaria, e attuale responsabile del dipartimento regionale Pari opportunità.  A seguito del congresso cittadino è stata nuovamente indicata alla guida della Lega catalana.  Del direttivo fanno parte anche  Gadoni e Angius.  Alcuni rumors, dopo questo cambio al vertice della Lega, danno per certi alcuni riflessi sull’assetto della Giunta Conoci in particolare, ovviamente, nella casella occupata dal partito in dote all’assessore Giorgia Vaccaro,