“Turismo a picco, ordinanza di Solinas fallimentare”

ALGHERO – “Quella della Regione sardoleghista si sta dimostrando, nei fatti, una ordinanza pasticcio, inapplicabile, intempestiva, dannosa e che forse neanche I nostri governanti hanno capito del tutto, vista la nota esplicativa e interpretativa che, frettolosamente, si sono prodigati ad emettere.Infatti, per chi volesse domani (o comunque per il fine settimana) raggiungere la Sardegna, teoricamente vi sarebbe la possibilità di fare il test sierologico prima di partire, però nei fatti le 48 ore di tempo prescritte risulterebbero impossibili da rispettare, perché la maggior parte dei centri specialistici  chiedono almeno 3 giorni lavorativi per fare il test ed avere l’esito”. Cosi i consiglieri comunale di Centrosinistra riguardo l’ordinanza del Presidente Solinas

“All’arrivo in Sardegna non vi è, peraltro, nessun tipo di controllo e neppure nessun tipo di informazione su cosa fare. Nessuno che si preoccupi di orientare e informare chi sbarca nell’Isola, nessuno che contatti chi arriva in Sardegna per spiegargli che fare.Se comunque un passeggero fosse, ostinatamente, onesto e volesse mettersi in regola con l’ordinanza burla dopo essere arrivato nella nostra Regione, potrebbe sempre provare a chiamare il numero verde per denunciare la sua presenza in Sardegna e chiedere che vengano a somministrargli il test. Nulla da fare neanche in questo modo: il numero verde è perennemente occupato, le linee completamente intasate.A quel punto unica soluzione per i più caparbi resterebbe quella di chiamare i centri privati indicati dal presidente Solinas”.

“Ad Alghero, per esempio, ne abbiamo uno. Certo poi però viene automatico riflettere sul fatto che il sabato e la domenica il centro chiude e dunque anche per i più risoluti l’unica scelta rimasta è dire addio al weekend in Sardegna.Rispetto ai prenotati, le presenze effettive in Sardegna agli arrivi negli aeroporti sardi pare in questi giorni siano davvero poche. Pochissime. Forse il vero obiettivo dell’ordinanza sardoleghista era questo. Lo hanno raggiunto. Contro i sardi.”

Virus in Sardegna, 27 nuovi casi: dato in calo

 CAGLIARI – Sono 2.991 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 27 nuovi casi, 20 rilevati attraverso attività di screening e 7 da sospetto diagnostico.  Resta invariato il numero delle vittime, 140 in tutto. 

In totale sono stati eseguiti 162.836 tamponi, con un incremento di 1.818 test rispetto all’ultimo aggiornamento. Sono invece 88 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+2 rispetto al dato di ieri), mentre sono 17 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.373. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.364 (+4) pazienti guariti, più altri 7 guariti clinicamente.

Sul territorio, dei 2.991 casi positivi complessivamente accertati, 489 (+1) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 297 (+2) nel Sud Sardegna, 176 (+5) a Oristano, 269 (+7) a Nuoro, 1.760 (+12) a Sassari

Nuovo Porto, Conoci-Piras e tecnici: riparte l’iter

ALGHERO – Si è svolta ieri alla presenza del Sindaco Mario Conoci, dell’assessore all’Urbanistica Emiliano Piras, del dirigente del settore Urbanistica Ing. Fois e del tecnico incaricato per la redazione del P.R.P., Ing. Ritossa, con i tecnici della Regione, la prima riunione di tavolo di indirizzo per la redazione del Piano Regolatore del Porto del Comune di Alghero.

Uno strumento di pianificazione di fondamentale importanza per il futuro delle infrastrutture portuali di Alghero e Fertilia su cui l’amministrazione comunale, insieme alla Regione, hanno iniziato a lavorare in stratta sinergia e incessantemente per arrivare a garantire una migliore razionalizzazione delle concessioni e finalmente dare gli indirizzi affinché si possano sviluppare le progettualità finalizzate allo sviluppo, che portino effetti positivi all’economia, al turismo, alla pesca e al diporto della nostra città.

Già fissato per i primi di ottobre il secondo incontro che dovrà proiettare l’azione pianificatoria nella fase dei tavoli di coordinamento, fondamentali per la redazione del progetto, dove sono previsti momenti di confronto, partecipazione e co – pianificazione soprattutto con gli operatori portuali.

Camera di Commercio, ecco la nuova giunta camerale

SASSARI – Dopo l’elezione del presidente della Camera di Commercio di Sassari, Stefano Visconti, è arrivato oggi, il momento per la nascita della giunta camerale per il prossimo mandato. Sono cinque i componenti che affiancheranno il neopresidente Maria Amelia Lai (espressione di Confartigianato) che avrà il ruolo di vicepresidente, Giovanni Conoci (Confindustria), Benedetto Fois (Cna Gallura), Matteo Luridiana(Confagricoltura) e Paolo Murenu (Confcommercio) per una nuova governance pronta a partire sotto i migliori auspici che nascono da un clima di piena collaborazione e progettualità condivise per il futuro. Per rappresentare un valido sostegno dinamico e costante al fianco delle imprese del nord Sardegna. Soprattutto in un momento difficile come quello che sta attraversando il sistema delle imprese.

La giunta camerale è espressione diretta del consiglio per i settori dell’Agricoltura, del Commercio, dell’Artigianato e dell’Industria, un consiglio che risulta essere altra fondamentale componente del sistema di governance dell’Ente di Via Roma. Fondamentale così come nei presupposti operativi delineati dal presidente Stefano Visconti sin dall’avvio del suo mandato. “Sarò un primus inter pares” ha tenuto a sottolineare a suo tempo, a dimostrazione di uno schema operativo che vede il coinvolgimento di tutti, dagli organi esecutivi fino alla struttura amministrativa che comprende gli uffici camerali di Sassari e Olbia e l’Azienda speciale Promocamera.

Non a caso il varo del nuovo esecutivo ha coinciso in un momento di conoscenza diretta con tutto il personale dell’ente che quotidianamente svolge un ruolo di assoluta importanza al fianco delle imprese del territorio.

“Perché siamo una squadra nella quale ognuno sarà chiamato a rivestire un compito nell’interesse generale del territorio – ha tenuto a sottolineare il Presidente della Camera di Commercio, Stefano Visconti nel corso del primo incontro ufficiale dell’esecutivo con i dipendenti camerali– dalla giunta quale organo esecutivo delle nostre azioni strategiche, al consiglio con cui il confronto sarà costante e propositivo, a tutti quelli che ogni giorno lavorano per la nostra Camera. Questa azione coungiunta, siamo convinti, farà la differenza.”

Acquacoltura nel golfo di Alghero: dubbi di Fi

ALGHERO – “Riflettiamo sull’opportunità di ubicare due concessioni demaniali in specchi acquei antistanti il litorale algherese.” Il Gruppo consiliare di Forza Italia interviene manifestando preoccupazione sulla notizia relativa alla concessione di due specchi acquei per complessivi diciassette ettari davanti al litorale algherese per allevare molluschi e oloturie. Concessioni probabilmente impattanti visivamente e costituenti impedimento alla navigazione. Secondo il Gruppo di Forza Italia l’utilizzo di questi specchi acquei cittadini meritano riflessioni più profonde che non vennero fatte nel 2016 e nel febbraio del 2019 allorché vennero presentate le istanze di concessione.

“Siamo certi della validità imprenditoriale delle iniziative, ma nutriamo qualche dubbio sulla opportunità della ubicazione così come assentita. Crediamo che sia opportuno che la nuova Giunta regionale  di centrodestra focalizzi l’attenzione sulle due concessioni, valorizzando e sostenendo le iniziative ma preliminarmente verificando se le aree demaniali concesse sono quelle più utili alle imprese e più pertinenti sotto il profilo ambientale -chiude il Gruppo di FI-.”

“Grazie Alghero e agli algheresi”

ALGHERO – Michaela Onuferova ha voluto ringraziare Alghero e gli algheresi per la vicinanza mostrata nei tragici momenti di alcuni giorni fa quando il marito Heinz Uwe Feiler è stato colto da malore al Lido di Alghero. Nonostante i soccorsi, il turista non ce l’ha fatta, cessando di vivere nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Civile di Sassari. Oggi la Signora Michaela è stata ricevuta a Porta Terra dal Sindaco Mario Conoci, dal Vicesindaco Giovanna Caria e dall’Assessore al Turismo Marco Di Gangi.  

“Ringrazio tutti coloro che hanno preso parte ai soccorsi e alle fasi della rianimazione – ha detto stamattina al Sindaco  – sono davvero commossa da tanta generosità degli algheresi”. Il 13 settembre, ultimo giorno di vacanza ad Alghero della coppia, Heinz Uwe Feiler aveva deciso di fare il bagno introno alle 19,00, prima di andare via. Le poche bracciate gli sono state fatali, ha perso i sensi ed è stato recuperato poco dopo dal titolare dello stabilimento balneare Magic Beach, Antonello Pinna. La signora ha voluto ringraziare le tante persone che hanno preso parte ai soccorsi con prontezza e generosità.  

“Cinzia Leoni, Anna Cadeddu, Alessandra Chessa, Antonello Pinna ( tutti delle stabilimento balenare ), Antonio Pais, Roberto Pinna, Gianni Pais,  il personale medico del 118, gli operatori. Hanno fatto l’impossibile per salvare Heinz”, ha detto. La coppia, lei originaria della Repubblica Ceca, lui tedesco, trascorre da diversi anni le vacanze ad Alghero, sempre nello stesso hotel del litorale e nello stesso stabilimento balneare. Hanno intessuto inevitabilmente una rete di amicizie e di relazioni che probabilmente continuerà anche in futuro, se il desiderio di Michaela di comprare casa ad Alghero si avvererà.

Tempio, giovane con cocaina: denunciato

ALGHERO – I carabinieri tempio pausania. nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere nel centro della città gallurese, i militari del nucleo operativo e radiomobile, insospettiti da un giovane che tentava di nascondersi alla vista della pattuglia tra le colonne dei portici di corso Matteotti, hanno deciso di controllarlo. così, dopo l’identificazione, il giovane è stato perquisito. Indosso, infatti, sono stati rinvenuti sei involucri di sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di grammi 5,8. pertanto, per il giovane 25enne, è scattato il deferimento in stato di libertà alla competente Procura della Repubblica, rispondendo di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La Fondazione assume i dipendenti “storici”

ALGHERO – “Si è concluso positivamente l’iter per l’assunzione dei nove dipendenti “storici” della Fondazione Alghero, che dicono addio a una condizione di precarietà lavorativa che in alcuni casi perdurava anche un quarto di secolo, tra contratti atipici stipulati prima con l’ex Azienda autonoma di soggiorno e turismo, poi con il Comune di Alghero e infine con la Fondazione”, cosi dalla Fondazione Alghero tramite nota stampa.

“Sin dal suo insediamento, il management aveva fissato tra le priorità la necessità di sanare una situazione estremamente rischiosa, anche dal punto di vista giuridico, e scongiurare un contenzioso dall’esito sicuramente disastroso per le casse del Comune di Alghero. L’iter è iniziato a novembre 2019, pochi giorni dopo l’insediamento del Cda, con la firma di un “accordo di prossimità” con le organizzazioni sindacali. Questo ha consentito di completare il percorso grazie al quale da lunedì 14 settembre la Fondazione Alghero ha finalmente nove dipendenti a tempo indeterminato, superando una situazione di precariato che andava avanti sin dalla sua nascita”.


Grazie all’azione congiunta della struttura, delle organizzazioni sindacali, dei legali e grazie alla rinuncia a un’azione legale da parte dei lavoratori, si è giunti lo scorso 4 di giugno ad un accordo di conciliazione davanti all’Ufficio provinciale del lavoro.

«È stato il passo decisivo per un percorso che finalmente, attraverso un bando concorsuale e l’espletamento delle selezioni, ha permesso di garantire una maggiore operatività ed economicità a un ente strategico per Alghero, per la promozione turistica del territorio e per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale e naturale», dichiara il presidente della Fondazione, Andrea Delogu. «Abbiamo risolto una annosa vicenda», dichiara il vicepresidente Pier Paolo Carta. «Tra contratti di somministrazione, lavoro interinale e altre forme contrattuali precarie e senza le dovute certezze, alcuni lavoratori prestavano servizio per il sistema amministrativo che fa capo a Porta Terra anche da 25 anni», rileva.

«L’assunzione delle figure professionali previste dalla pianta organica della Fondazione, e necessarie per poter operare, costituirà un risparmio almeno per due motivi», sottolinea ancora Delogu. «In un’azienda pubblica gli interinali possono essere al massimo il 10% degli assunti – spiega – mentre in Fondazione costituivano il 100% e questo per anni ha esposto le casse comunali a un rischio enorme». Ma soprattutto «le assunzioni attraverso procedure concorsuali ha comportato un risparmio di 48mila euro l’anno per le sole nove figure attualmente in organico – aggiunge – evitando il costo sopportato sinora rivolgendoci alle agenzie interinali». Un’economia che, conclude Delogu, «consentirà senza nessun aggravio di costo l’assunzione di ulteriori figure professionali necessarie per lo sviluppo e la crescita della Fondazione»

Tari, differite le scadenze: tutte le date

ALGHERO – La Giunta Conoci ha deliberato nella seduta di oggi un ulteriore differimento dei termini di pagamento delle rate della Tari dalle attuali scadenze, i cui beneficiari sono le utenze non domestiche, escluse le attività che non sono state interessate da provvedimenti di chiusura secondo i codici Ateco (quali ad esempio supermercati, farmacie, negozi di generi alimentari – compresi panetterie, macellerie, salumi e formaggi, ortofrutta, pescherie, banche ed istituti di credito ed agenzie di assicurazione, case di cura e riposo, ospedali, distributori di carburante, servizi di vigilanza, servizi di pulizia e disinfestazione, edicole, tabacchini).

Le rate in scadenza il:

  • 16/09/2020 1° rata
  • 16/10/2020 2° rata
  • 16/11/2020 3° rata
  • 16/12/2020 4° rata

Sono posticipate al

  • 16/10/2020 1° rata
  • 16/12/2020 2° rata
  • 16/02/2021 3°rata
  • 16/04/2021 4° rata

Lotta ai veicoli abbandonati ad Alghero

ALGHERO – Parte la campagna di rimozione delle auto abbandonate in città. L’Amministrazione, con gli Assessorati all’Ambiente, alle Finanze e con la Polizia Locale mette in agenda la procedura di liberazione delle strade dalla presenza di veicoli abbandonati per garantire decoro e pulizia. Una stima fatta dalla Polizia Locale ha censito circa 120 auto abbandonate in molte parti della città. Sulla base dell’attività di controllo e censimento svolto, si sta avviando l’iter necessario per arrivare alla rimozione con l’affidamento dei veicoli abbandonati, cioè privi di parti essenziali per la circolazione, ad una depositeria e provvedere alla successiva rottamazione.

Svolte le indagini per risalire al proprietario e le successive attività di verbalizzazione e notifica, molte di queste procedure sono giunte quasi al termine, si inizierà con le prime azioni di rimozione e consegna a una depositeria che provvederà, decorsi i termini di legge, alla demolizione. Si ricorda ai proprietari che è vietato l’abbandono degli autoveicoli sia in area pubblica che privata e che c’è obbligo di procedere alla rottamazione del proprio autoveicolo mediante consegna ad un centro di rottamazione autorizzato.

Già inviati gli atti, si procederà per gradi: il percorso per rimuovere e mandare a demolizione mezzi abbandonati è complesso. In molti casi si tratta di veicoli con presenza di fermi amministrativi, o fallimenti, che ne impedirebbero la demolizione. Una scelta, questa, consigliata: ai costi di rimozione della Polizia Municipale, infatti, si aggiungeranno quelli di deposito, oltre alla sanzione. L’Amministrazione comunale, infatti, provvederà al recupero forzoso delle somme anticipate per l’intervento sostitutivo rivalendosi sul proprietario.