Playoff volley, Web Project Sottorete vince l’andata delle finali

ALGHERO – Buona la prima – La Web Project Sottorete vince l’andata delle finali playoff del campionato di serie D – 3 a 0 sull’ASD Sirio Orosei. Siamo arrivati alla finale dei playoff del campionato di serie D maschile e la Web Project Sottorete ha risposto “presente” a gran voce vincendo con un netto tre a zero l’andata della finale contro la ASD Sirio Orosei. La gara è fatta dagli algheresi che dominano incontrastati i primi due set mostrando carattere, cuore ed esperienza. La squadra di Orosei commette diversi errori frutto anche di una tattica preparata dal mister Guido e che la squadra catalana è riuscita ad esprimere perfettamente. I primi due set si concludono con il risultato di 25 a 21 e 25 a 16.

Nel terzo set i ragazzi di mister Guido passano in vantaggio per 10 a 2. Subito dopo, complici diversi errori della squadra algherese e una Sirio Orosei riorganizzata e rinvigorita dai punti messi a segno, passa in vantaggio nella metà del set. La Web Project Sottorete è stanca, avendo giocato a mille all’ora nei primi due set e la prima parte del terzo. I ragazzi catalani però riescono a ricompattarsi e a chiudere con grinta e voglia di vincere per 26 a 24.

Il passaggio in serie C si deciderà domenica prossima. Il primo maggio si giocherà il ritorno della finale ad Orosei contro la Sirio. Alla Sottorete, in virtù della vittoria per tre a zero all’andata, basterà vincere un set nella gara di ritorno per festeggiare la promozione in serie C. Ma questo non significa che si possa prendere sottogamba il fondamentale impegno necessario per raggiungere la promozione. La ASD Sirio Orosei vorrà riscattarsi di questa sconfitta e venderà cara la pelle in una gara che deciderà il destino di entrambe le squadre, chi in serie C, chi in serie D.

Così Mondino Demartis alla fine della gara: “Stiamo lottando per raggiungere la C. Sono felicissimo perché ci siamo vendicati della sconfitta subita contro la Sirio in campionato in casa. Ora dobbiamo giocarcela ad Orosei ma possiamo farcela. Ho un messaggio per tutti i giovani atleti. Noi siamo dei veterani e abbiamo bisogno di giovani per continuare l’avventura pallavolistica algherese. Venite a giocare con noi, vi divertirete”.

Giuseppe Nettuno subito dopo la conclusione della gare: “La partita è andata bene, siamo calati nel finale ma ora dobbiamo pensare all’ultima gara ad Orosei che dobbiamo assolutamente vincere.” Daniele Demartis così a fine gare: “La partita è andata bene, la temevamo, però siamo stati in campo con voglia di vincere. Il terzo set lo abbiamo vinto con il brivido ma l’abbiamo recuperato. Ora andremo ad Orosei con il coltello tra i denti con un bel bottino, un tre a zero in casa ma non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia”.  La partita di ritorno, come di consueto, sarà visibile in diretta sulla pagina facebook della ASD Polisportiva Sottorete.

Tennis, Next Generation: grande vittoria di Concu

ALGHERO – Grande soddisfazione per il tc Alghero, il nostro atleta Alessandro Concu  vince al tc Cagliari , le prestigiose Next Generation under 18 seconda tappa della macro-area centro nord, tabellone composto da 56 iscritti , provenienti dalla Sardegna, Toscana, Lazio e Umbria. Dopo aver superato in semifinale Romano del tc Ronchi per 6/2 6/3, vince in finale contro Capasso del tc Pontedera,  per  6/3 6/1 in una partita senza storia dall’inizio alla fine, conquistando punti importanti per il passaggio alla classifica di 2.7. Ennesimo risultato positivo per il Tennis Club Alghero grazie all’ottimo lavoro svolto dallo staff tecnico.

Nella foto di copertina il nostro atleta Alessandro Concu.

5° Rally Costa Smeralda: vittoria di Mannino e Giannone

PORTO CERVO – Combattuto e ricco di colpi di scena; contornato da tante emozioni: così è stato il 5° Rally Storico Internazionale Costa Smeralda che si è concluso ieri, sabato 9 aprile celebrando la vittoria dell’equipaggio siciliano formato da Natale Mannino e Giacomo Giannone i quali, su Porsche 911 SC hanno avuto la meglio sulla Fiat Ritmo 130 TC di Matteo Luise e Melissa Ferro e sulla Lancia Stratos di Dino Tolfo e Luigi Cazzaro che hanno completato il podio assoluto.

Il duo portacolori della RO Racing, alla prima esperienza sugli asfalti della Gallura, ha preso il comando nella prima speciale e con una condotta di gara perfetta l’ha mantenuto sino alla fine amministrando il vantaggio accumulato e, quando gli avversari si sono fatti minacciosi, andando a ristabilire i ranghi con un secondo scratch nella tappa del sabato. Per loro, oltre ai premi d’onore tra cui i famosi piatti della Cerasarda, anche il treno di pneumatici messo in palio da Pirelli e le due tute Martini Racing offerte da Sparco. Di altissimo livello è stata la prestazione di Luise con la Fiat Ritmo 130 TC in una gara che gli si addice particolarmente, gradimento ribadito con la firma in entrambi i passaggi di “Lo Sfossato”. Per i portacolori del Team Bassano, oltre alla vittoria nel 4° Raggruppamento anche due coperture Pirelli e due paia di scarpe omologate Sparco, con quest’ultima che ai terzi classificati, Tolfo e Cazzaro, ha offerto due paia di guanti in abbinata alle due gomme; un po’ in ombra nella prima tappa, il duo veneto della Lancia Stratos si è prontamente riscattato nella seconda andando anche a metter il proprio sigillo sull’ultima speciale “Calangianus” aggiudicandosi anche la vittoria in 2° Raggruppamento. La classifica generale vede al quarto posto un convincente Sergio Farris Jr che si è ben distinto alla guida della Porsche 911 SCRS in versione Gruppo B, risultando assieme a Giuseppe Pirisinu il primo equipaggio sardo in classifica. Posizione numero cinque per la vettura gemella di Ermanno Sordi e Maurizio Barone, soddisfatti di una prestazione convincente e, alle loro spalle un’accoppiata di SC Gruppo 4 con quella di Beniamino Lo Presti e Claudio Biglieri che ha avuto la meglio sulla “gemella” di Adriano Beschin ed Alessandro Frau. Ottava posizione per l’Opel Ascona SR 2.0 di un efficace Alessandro Mazzucato con Enrico Gallinaro alle note, e soddisfatti all’arrivo in nona posizione assoluta, anche Damiano Zandonà e Simone Stoppa con la Renault 5 GT Turbo. A chiudere la top ten grazie ad un’altra eccellente prestazione sono Massimo Giudicelli e Paola Ferrari su Volkswagen Golf Gti.

Nel 1° Raggruppamento nuovo successo per Antonio Parisi e Giuseppe D’Angelo con la Porsche 911 SC con la quale hanno preceduto la vettura gemella di Giuliano Palmieri e Lucia Zambiasi.

Vittoria, la seconda stagionale, per Ivo Droandi e Carlo Fornasiero nel Trofeo A112 Abarth dove precedono Marcogino Dall’Avo e Manuel Piras, secondi, e Marco Gentile con Vincenzo Torricelli a completare il podio.

LE DUE TAPPE – Nella prima giornata di gara sono Mannino e Giannone su Porsche 911 SC della RO Racing a piazzare il primo scratch seguiti da un incisivo Luise, secondo con la Fiat Ritmo 130 TC, e da “Il Valli” con Stefano Cirillo sulla Ford Sierra Cosworth, nome nuovo nei rally storici, che si mette in evidenza con il terzo tempo. Attardato Lombardo a causa di una toccata che lo relega a 24”9 dalla vetta, ma che gli dà anche lo stimolo per reagire e andare a firmare le successive tre prove riducendo il distacco a fine tappa a 5”6 da Mannino che chiude la giornata al comando. Dopo le due Porsche 911 in classifica figura la Sierra di “Il Valli”, con al quarto posto la Ritmo di Luise e al quinto la Porsche 911 di Sergio Farris Jr e Giuseppe Pirisinu, primo equipaggio sardo. Nel 1° Raggruppamento è la Porsche 911 S di Antonio Parisi e Giuseppe D’Angelo a chiudere al comando precedendo la vettura gemella di Giuliano Palmieri e Lucia Zambiasi. Tra i possibili protagonisti fermi anzitempo, Tiziano Nerobutto e Giulia Zanchetta si sono dovuti arrendere sulla seconda prova per la rottura di un braccio della sospensione dell’Opel Ascona 400; dopo un “tempone” nella prima, stop anticipato anche per la Opel Corsa GSI di Bottazzi e Magnani.

Nel Trofeo A112 Abarth sono Droandi e Fornasiero a chiudere la prima tappa al comando precedendo Dall’Avo e Piras e Gentile con Torricelli.

Si riparte di buon’ora al sabato per la seconda tappa e subito un colpo di scena: la Sierra di “Il Valli” non ne vuole sapere di mettersi in moto e la gara perde un equipaggio che aveva le carte in regola per un risultato importante. Luise stupisce una volta di piazza lo scratch nel primo passaggio de “Lo Sfossato” tirandosi in scia la Lancia Stratos di Tolfo e Cazzaro, decisamente più incisivi rispetto alla prima frazione di gara. Lombardo paga 13”, ma ancor peggio gli va nella successiva “Calangianus” dove accusa un forte ritardo a causa di problemi meccanici e deve fermarsi. Mannino vince la prova e accumula secondi di vantaggio su Luise, stabile secondo e Tolfo in terza posizione. Nel frattempo si ritirano anche Delladio e Musti a causa di una toccata contro un rail della loro Porsche 911.

Dopo il riordino a Tempio Pausania, Luise piazza un altro esaltante scratch su “Lo Sfossato” tirandosi in scia Farris e Tolfo: il già vincitore del 2° Costa Smeralda Storico è saldamente secondo a 17”9 da Mannino che sente la vittoria sempre più vicina e non va a prendere rischi nell’ultima prova che viene vinta da Tolfo consolidando la terza posizione.

Sferzato dal forte vento di maestrale per tutta la durata della manifestazione, il Molo Vecchio di Porto Cervo ha fatto da palcoscenico ad un evento di spessore perfettamente organizzato dall’Automobile Club di Sassari che è riuscito a riportare, in abbinata al rally e alle due regolarità, il marchio Martini unito a quelli di Sparco e Pirelli a completare la livrea dell’ammiratissima Kymera Evo37 con la quale Miki Biasion e Tiziano Siviero hanno deliziato pubblico e media riportando la memoria agli anni d’oro del Rally Costa Smeralda, come ricordato anche nelle interviste a Cesare Fiorio presente a Porto Cervo tra i tanti ospiti, tra i quali anche il Presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani e l’Assessore regionale al turismo Gianni Chessa che, una volta di più, ha ribadito il valore e l’importanza di questa manifestazione quale esclusiva vetrina per quel territorio straordinario e ricco di peculiarità che la Sardegna.

In chiusura, il Presidente Giulio Pes di San Vittorio di AC Sassari, rivolge il ringraziamento a RAS – Regione Autonoma della Sardegna, al Consorzio Costa Smeralda, Smeralda Holding, Martini, Sparco, Pirelli, Surrau; all’Automobile Club d’Italia, ACI Storico, al Sindaco di Arzachena Roberto Ragnedda e a tutti i comuni interessati dal passaggio del rally.

Rally Costa Smeralda, 2° atto campionato auto storiche

PORTO CERVO – Il Campionato Italiano Rally Auto Storiche è pronto a vivere il suo secondo appuntamento stagionale nelle due tappe del 5° Rally Storico Internazionale Costa Smeralda. La manifestazione  organizzata e curata dall’AC Sassari che si fregia delle rinnovate collaborazioni con Sparco e Pirelli, si disputerà nelle due giornate dell’8 e 9 aprile con otto prove speciali che ricalcheranno il percorso dell’edizione 2021.

Oltre cento iscritti attesi sugli asfalti della Gallura, compresi nei quattro raggruppamenti del rally storico, nei due round di regolarità con Sport valevole e nella gara a media che aprirà il Tricolore di specialità oltre ad essere tappa del FIA Regularity Trophy. Ad arricchire ulteriormente la manifestazione smeraldina, il Martini Rally Vintage, che vedrà accodarsi in gara tredici esemplari di vetture in livrea Martini Racing.

4°RAGGRUPAMENTO | Guardando agli iscritti, tra le fila del “quarto” saranno in diversi, pronti al confronto come Ermanno Sordi insieme a Maurizio Barone sulla Porsche 911 SCRS Gruppo B e Enrico Canetti insieme a Cristian Pollini, sulla Opel Corsa GSI J2,  entrambi con i colori del Team Bassano. Pronto anche Alessandro Bottazzi e Ilaria Magnani su altra Opel Corsa J2 con i colori della scuderia siciliana RO Racing. Torna sugli asfalti sardi anche Matteo Luise con Melissa Ferro sempre al suo fianco, sulla Fiat Ritmo 130 TC con la quale vinse l’edizione 2019. Tra i nomi più noti del quarto raggruppamento quello di Edoardo Valente insieme a Jeanne Francoise  Revenu con la Lancia 037 della Key Sport Engineering. Nonostante compaiano nell’elenco dei protagonisti in gara, non potranno essere al via della gara sarda Lucky e Fabrizia Pons e la loro mitica Lancia Delta HF Integrale, vincitori dell’edizione 2020.

3°RAGGRUPPAMENTO | Tutto da seguire il terzo raggruppamento con la presenza fissa di Beniamino Lo Presti che insieme a Claudio Biglieri andrà in cerca del bis di vittorie al “Costa Smeralda” sulla Porsche 911 SC, sapendo di doversela vedere con il capofila attuale Tiziano Nerobutto. Il driver trentino, qui navigato da Giulia Zanchetta con la sua Opel Ascona 400, già secondo assoluto nel 2019, si presenterà a Porto Cervo da leader di categoria. A volersi inserire non mancheranno le Porsche 911 SC di Natale Mannino con Giacomo Giannone e, di Adriano Beschin, campione in carica del 3°Raggr., con Alessandro Frau alle note.

2°RAGGRUPPAMENTO | Con il numero 1 sulla fiancata della Porsche Carrera RS, i più attesi sicuramente saranno Angelo Lombardo e Rosario Merendino vincitori dello scorso anno proprio con la vettura della Ro racing. Il pilota di Cefalù sbarcherà in Sardegna con in tasca la prima vittoria tricolore al Vallate Aretine, intenzionato a ribadire la sua leadership, nel raggruppamento e in gara. Concentrato a proseguire al meglio la sua stagione nel CIRAS ci sarà anche Lorenzo Delladio, che la scorsa edizione chiuse ai piedi del podio con la Porsche 911 Carrera RS Gruppo 4 del 2° Raggruppamento, affiancato quest’anno da Claudia Musti. Da seguire anche le corse di Dino Tolfo navigato da Luigi Cazzaro sulla mitica Lancia Stratos della Key Sport e di Pietro Corredig che concluse sesto assoluto al rally sardo sempre con Sonia Borghese sulla BMW 2002 della Scuderia ACU.

1°RAGGRUPPAMENTO | Immancabile il confronto tra le vetture di 1° dove Massimo Giuliani, vincitore di categoria nel 2021, con Claudia Sora e la Lancia Fulvia Coupé della Scuderia Palladio Historic Asd, dovrà vedersela con le Porsche 911 S di Antonio Parisi con Giuseppe D’Angelo – di Giuliano Palmieri con Lucia Zambiasi, di Roberto Perricone, insieme a Alessandro Scrigna e, di Cesare Bianco con Stefano Casazza. Sempre del “primo” in gara anche la Lancia Fulvia Coupé di Fabrizio Pardi – Anna Canale e, la Fiat 125 Special di Leopoldo Di Lauro – Giovanni Nuvoli.

Tanti equipaggi locali pronti a dire la loro sulle strade di casa. Primo fra tutti il driver di Oschiri Tomaso Budroni che lo scorso anno stupì primeggiando nel 4°Raggruppamento in settima posizione assoluta sulla Peugeot 205 Rallye, navigato stavolta da Marco Garrucciu. Atteso allo start anche l’algherese Sergio Farris Jr che, si affiderà nuovamente alle note di Giuseppe Pirisinu, alla guida di una Porsche 911 SC Gruppo B; attenzione rivolta anche alla prima volta di Roberto Testoni e Giuseppe Deriu sulla Lancia Delta HF Integrale. Sette in lizza per il Trofeo Abarth A112 Yokohama tra queste gli attuali leader Ivo Droandi e Carlo Fornasiero, già vincitori al “Costa Smeralda” 2020.

PROGRAMMA IN BREVE | Dalle 8 fino alle 11.30 di domani venerdì 8 aprile, si terranno le operazioni delle verifiche tecniche presso il Cervo Conference Center. Dalle 13, sempre dal Molo Vecchio, la partenza della prima tappa del rally a cui si accoderanno le due regolarità e il Martini Rally Vintage, e rientro previsto a partire dalle 19.25. Day 1 con due giri sulle prove di “San Pasquale” (13,64 km) [P.S.1 14.03; P.S.3 16.36] e di “Aglientu” (12,41 km) [P.S.2 14.51; P.S.4 17.24]. La seconda frazione di gara partirà alle 8 del Sabato 9 per terminare alle 16.50 con le premiazioni come da tradizione sulla pedana dell’arrivo, mentre per gli equipaggi del “Vintage” sarà la cena di gala all’Hotel Cala di Volpe a chiudere il prestigioso evento. Una seconda tappa che metterà in scena i tratti cronometrati di “Lo Sfossato” (11,80 km) [P.S.5 9.58; P.S.7 13.52], e “Calangianus” (11,97 km) [P.S.6 11.29; P.S.8 15.23],da ripetere due volte. Otto sfide cronometrate per 99,64 chilometri cronometrati su 466,63 dell’intero percorso.

Come sempre aggiornamenti sul sito ufficiale di ACI Sport e sulla pagina ufficiale della serie tricolore Rally Auto Storiche con interviste e approfondimenti che saranno poi trasmessi nella settimana seguente la gara, su ACI Sport TV (canale 228 SAT, ch 402 DT, www.acisport.it, Facebook @ACISportTV) e all’interno del Magazine ACI Sport sulle numerose reti areali.

#CIRAS 2022 | 11-12 marzo| 12°Historic Rally delle Vallate Aretine; 8-10 aprile | 5°Rally Storico Costa Smeralda; 6-8 maggio | Targa Florio Historic Rally 2022; 28 -29 maggio | 17°Rally Storico Campagnolo; 17-18 giugno | 11°Rally Lana Storico; 3-4 settembre | 26°Rally Alpi Orientali Historic; 22-24 settembre | XXXIV Rally Elba Storico; 13-15 ottobre | 37°Sanremo Rally Storico.

[L’edizione 2021 Rally Costa Smeralda è stata vinta da Angelo Lombardo e Rosario Merendino sulla Porsche Carrera RS di 2° Raggruppamento.]

Maggiori informazioni sul CIRAS e sulle gare titolate sono disponibili nella pagina dedicata al Campionato tramite i vari canali social del Campionato [Pagina Facebook Rally Auto Storiche] e sul sito acisport.it.

CLASSIFICHE CIR AUTO STORICHE – TOP ASSOLUTA

TROFEO NAZIONALE CONDUTTORI RALLY (ASSOLUTO): Davide Negri (Subaru Legacy) – Angelo Lombardo (Porsche Carrera Rs) – Tiziano Nerobutto (Opel Ascona 400) 30pt; Alberto Salvini – Beniamino Lo Presti Antonio Parisi (Porsche 911 S) 26 pt

4°Raggr.: Davide Negri (Subaru Legacy) 30pt; Mauro Lenzi (Peugeot 205) 20pt; Ermanno Sordi (Porsche 911 SCRS) 18pt

3°Raggr.: Tiziano Nerobutto (Opel Ascona 400) 30pt; Beniamino Lo Presti (Porsche 911 SC) 26pt; Alessandro Mazzucato (Opel Ascona) 24pt

2°Raggr.: Angelo Lombardo (Porsche Carrera RS) 30pt; Alberto Salvini (Porsche Carrera RS) 26pt; Sergio Galletti (Porsche Carrera RS) 22pt

1°Raggr.: Antonio Parisi (Porsche 911 S) 26pt; Giuliano Palmieri (Porsche 911 S) 22pt; Massimo Giuliani (Lancia Fulvia Coupé) 18pt

Web Project Sottorete parte a Cagliari per i play off

ALGHERO – Iniziano i playoff del campionato di serie D maschile per la Web Project Sottorete. Sabato 2 aprile alle 18 presso il Pala Longino dei Trinitari a Cagliari gli algheresi si contenderanno il passaggio del primo turno contro la G.S. Aquila Ca, terzi classificati del girone A del campionato di serie D.  Il passaggio del turno si deciderà in due partite, andata e ritorno e in caso di punteggio di parità si disputerà un set secco a 15 in casa della Web Project Sottorete per il miglior piazzamento conseguito nel proprio girone, essendo arrivata seconda in classifica. Chi passerà il primo turno, nel secondo e decisivo turno affronterà la vincente della gara tra la Polisportiva Sirio Orosei  prima classificata del girone B e Airone Tortolì quarta classificata del girone A. La vincitrice della finale sarà promossa in Serie C.

Così il presidente della Web Project Sottorete Stefano Ogno: “Sabato partiamo determinati per fare bene, non abbiamo mai giocato contro questa squadra anche se abbiamo potuto vedere da qualche partita in diverse dirette online che, forse, hanno un livello di gioco meno tecnico rispetto a quello del nostro girone, ma i playoff sono sempre un’incognita, le squadre danno sempre il massimo, punto su punto. Noi dobbiamo scendere in campo per fare bene e vincere.”. La partita, come di consueto, sarà visibile in diretta sulla pagina facebook della ASD Polisportiva Sottorete

15/16 Aprile, grande tennis ad Alghero

ALGHERO – “Il grande tennis ad Alghero. Il Presidente della Federazione Tennis Angelo Binaghi ha scelto la nostra città e la Sardegna per ospitare l’incontro Italia-Francia della Billie Jean King Cup. Grazie al supporto della Regione voluto dal Presidente Solinas e dall’assessore Chessa questo evento avrà luogo il 15 e 16 aprile nel nostro Tennis Club Alghero”, così il sindaco di Alghero  Mario Conoci

Sport, 1milione per le società dilettantistiche

CAGLIARI – Per la ristrutturazione, il recupero e la manutenzione straordinaria di impianti sportivi già esistenti e per l’acquisto delle relative attrezzature, a favore delle società e associazioni iscritte all’Albo regionale delle società sportive dilettantistiche (SSD) e per le Associazioni sportive dilettantistiche (ASD) è stato inserito un ulteriore finanziamento di 1 milione di euro.

Lo ha stabilito l’assessore regionale allo Sport, Andrea Biancareddu. Si tratta di impianti pubblici e per questo, si intende valorizzare ed incrementare il patrimonio degli enti pubblici, coniugato con le finalità di promozione e sviluppo dell’attività sportiva.

Sono state individuate, fino a concorrenza della somma disponibile di 1 milione di euro, le richieste delle società, concessionarie di impianti sportivi di proprietà di enti pubblici, con maggiore anzianità di costituzione.

Data l’esiguità dello stanziamento di bilancio, l’investimento massimo per ogni richiesta approvata è di 160 mila euro in proporzione alla richiesta complessiva.

Le SSD e ASD dovranno risultare scritte all’Albo regionale delle società sportive ed essere titolari di una concessione onerosa o gratuita, o in fase di rinnovo, che consenta l’utilizzo di un impianto sportivo di proprietà di enti pubblici, da cui derivi l’onere di manutenzione ordinaria e straordinaria, in capo al concessionario, e la conseguente possibilità per il medesimo di intervenire sul bene pubblico.

Le spese ammesse sono quelle riferite agli interventi di ristrutturazione, recupero e manutenzione straordinaria degli impianti, la zona spettatori, i servizi igienici e le aree accessorie. Non sono, invece, considerate ammissibili le spese relative ad interventi per la manutenzione straordinaria ed il recupero di aree destinate a bar, punti ristoro o similari. Sono stati approvati i progetti di manutenzione straordinaria degli impianti della ASD Rarinantes di Cagliari, della ASD Abrorea, della ASD GS Aquila di Cagliari, ASD Esperia di Cagliari, ASD Cus Cagliari (per il rifacimento del manto di hockey su prato di proprietà dell’Università), ASD Bocciofila Marghine di Borore, ASD Tennis Club Cagliari, la ASD Polisportiva Silanus e all’ASD Yacht Club di Cagliari

Rugby, Amatori Rugby Alghero contro Biella Rugby 21 a 23

ALGHERO – Termina 21-23 la XIV giornata di campionato. Amatori Rugby Alghero ha affrontato con grinta e determinazione la seconda in classifica Biella Rugby. Una partita mozzafiato ricca di azioni interessante da entrambe le parti. Le due squadre si erano già affrontate lo scorso novembre con un punteggio finale di 36-8. I giallorossi, reduci dalla sconfitta domenica scorsa con la capolista a Torino avevano voglia di rivalsa e l’hanno dimostrato. Lavorando intensamente durante la settimana, hanno provato ad improntare un gioco competitivo, che è riuscito a mettere il Biella Rugby in più di un occasione in difficoltà. Alcuni errori hanno permesso agli ospiti di avere la meglio, complice un forte vento che non ha reso sempre possibile calciare tra i pali portando a casa il risultato. Molti gli spettatori sugli spalti che hanno scaldato gli atleti giallorossi con calore e affetto. Un punto in classifica, sempre in sesta posizione ma pronti a ripartire;  prossimo appuntamento in casa domenica 10 Aprile con Rugby Parabiago, campo sportivo di Maria Pia ore 14:3

Rally Storico Costa Smeralda, presentazione di successo

PORTO CERVO – C’erano piloti, manager, giornalisti, appassionati: un centinaio di ospiti, tutti assieme ad assistere alla presentazione della quinta edizione del Rally Storico Internazionale Costa Smeralda che si è tenuta oggi nell’esclusiva ambientazione di Casa Martini a Pessione (TO).

Un evento organizzato in maniera superlativa al quale ha presenziato il Presidente dell’Automobile Club d’ Italia, Angelo Sticchi Damiani che dopo il saluto del Presidente di ACI Sassari Giulio Pes di San Vittorio ha elogiato il cammino fatto fin ad ora del Rally Storico Costa Smeralda. Ha preso poi la parola la responsabile delle relazioni istituzionali di Martini, Barbara Herlitzka la quale ha illustrato il cammino del marchio nel motorsport iniziato nel 1968 evidenziano gli inimitabili successi ottenuti nel settore del rally. Dalle parole del Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna, Michele Pais e dell’Assessore al Regionale Turismo Giovanni Chessa sono arrivate conferme del peso e valore a livello promozionale riconosciute alla manifestazione, oltre ad un incitamento a proseguire sul cammino tracciato dal 2018 da ACI Sassari.

La presentazione ha successivamente aperto le porte alle caratteristiche della gara che oltre ai protagonisti del rally vedrà anche quelli delle regolarità sport e a media grazie all’intervento di Tiziano Siviero che ha illustrato i punti salienti del percorso, oltre a rinverdire ricordi – e fasti – delle sue partecipazioni al rally smeraldino assieme a Miki Biasion ed entrambi hanno tirato la volata a Giuseppe “Geppi” Cerri recordman di vittorie grazie alle tre siglate assieme a Dario Cerrato.  Ricordi che hanno alzato il sipario su un’altra delle novità 2022: il Martini Rally Vintage che porterà al seguito del rally una ventina di vetture in livrea Martini Racing alcune delle quali facenti parte della Fondazione Gino Macaluso per l’auto storica come confermato dalle parole della Presidentessa Monica Mailander. Ulteriore legame col passato, le rinnovate collaborazioni con Sparco e Pirelli che con entusiasmo hanno deciso di supportare la manifestazione, come confermato da Niccolò Bellazzini, Brand Manager Sparco: «Il ritorno di Martini Racing come sponsor di un rally importante e blasonato come il “Costa Smeralda” non poteva che essere accompagnato anche da Sparco, storico partner dell’azienda di Pessione nella mitica golden age dei rally negli anni 80-90-2000. Crediamo fortemente nella rideclinazione di quella mitica stagione in una chiave “restomod”e la nostra collezione heritage in co-branding con Martini ne è la dimostrazione. Il rally costa Smeralda 2022, perciò, non sarà solo una gara di auto storiche ma un evento in cui iconicità, stile, modernità e progresso la faranno da padrone. Gli ha fatto eco Terenzio Testoni, Activity Manager di Pirelli: “La partecipazione a un evento che riesce brillantemente a mettere insieme storia, leggenda e attualità del Rally, è per Pirelli inevitabile e naturale, direi. Siamo da sempre in questa disciplina del Motorsport e tutt’ora siamo impegnati attivamente su tutte i campionati e le iniziative più importanti, dal WRC al FIA Star Driver dedicato ai giovani. Per le gare storiche abbiamo la gamma di pneumatici più completa, che gomma oggi come nel passato le vetture più iconiche e potenti, quelle del gruppo B”.

Un insieme di interventi che hanno suscitato forti emozioni in chi tra i presenti quelle indimenticabili edizioni del Costa Smeralda dal 1978 al 1994, tutte sponsorizzate Martini, le ha vissute sul campo di gara e chi ne ha solo sentito parlare. Un emozionante mosaico completato dalle parole del Presidente Pes di San Vittorio che in chiusura ha ringraziato, oltre ai presenti, l’affiatato staff che permette lo svolgimento in maniera esemplare di tale evento, lasciando poi i presenti con un alone di curiosità e mistero, dato che più volte era stata annunciata un’anteprima che aveva tutto il sapore della sorpresa, svelata qualche istante più tardi da Luca Betti che, prima con le parole e poi, facendola ammirare in tutto il suo splendore, ha presentato un esemplare della Kimera EVO37 in livrea Martini Racing che nelle mani di Miki Biasion e Tiziano Siviero sarà l’apripista del rally in programma a Porto Cervo venerdì 8 e sabato 9 aprile.

Calcio, Alghero merita di più. Parte la sfida: parla Baldino

ALGHERO – L’idea è già “sul tavolo”. Facile o meno, si proverà a portarla avanti. Quale? Far rinascere una squadra di calcio di Alghero che possa militare, almeno, a partire dalla “Promozione”. Come? O, come accade dappertutto, col contributo di qualche imprenditore oppure anche tramite l’attivazione di un azionariato popolare. Una sfida non facile che, però, alcune persone hanno già raccolto e vogliono provare a portare avanti tra cui è presente anche Antonio Baldino, già da tempo nel calcio, allenatore di futsal con l’Audax.

“Non è possibile e più sopportabile che Alghero non abbia una squadra di calcio nei campionati isolani di rilievo”, commenta Baldino e continua “senza perdere il contatto con la realtà, coi piedi per terra, noi vogliamo comunque lottare per provare a raggiungere l’obiettivo prefissato e poi chissà, nessuno ci impedisce di sognare e soprattutto ricordare quando la nostra città aveva una decina di squadre di ottimo livello, con giovanili di grande valore e almeno due o tre compagine in categorie di grande importanza fino agli anni di Mauro Giorico in cui si raggiunse la serie C”. E chiude. “Sono tempi lontani, ma non arcaici, dunque non possiamo arrenderci e vogliamo, almeno provare, a tracciare la strada per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

E poi Baldino si racconta. “Quando nel 2017 iscrissi l’Audax C5 alla C2 regionale alcuni mi davano del pazzo, che non avrebbe funzionato il futsal in città. Così mi associai all’Audax per provare a copiare i paesi latino-americani o il Brasile, che nelle scuole calcio insegnano il futsal e giocano 4+1 e poi arrivati alla categoria giovanissimi decidono se continuare o proseguire nel calcio A11. Un’altra idea che mi spinse in questo mondo era creare un’altra squadra che funzionasse da serbatoio per la prima squadra: primo si dava la possibilità ai giovani di 16 anni di fare esperienza e le così dette “ossa” giocando in una C2 di calcio A5, secondo con le 2 squadre trovavano spazio entrambi i tesserati, terzo chi veniva squalificato poteva giocare tranquillamente nell’altro campionato, quarto chi doveva ristabilirsi da un infortunio poteva riprendere conoscenza nei 2 campionati. Ad oggi arriva una ottima notizia dalla nuova riforma che prevede da luglio 2022 la possibilità del doppio tesseramento per i giocatori dilettanti. Esempio giocare con X in promozione e giocare con Y nella C2 di calcio A5″.

Cosa pensa dello stato del Mariotti?

“Che nonostante la politica parla da anni di farci un centro intermodale, un centro commerciale o palazzoni l’area del Mariotti debba rimanere tale, cioè stadio. Rispettare il sig Carlo Mariotti che cedette gratuitamente al comune di Alghero i propri terreni sia per lo stadio che per il cimitero. Stadio per i tantissimi calciatori algheresi (tra cui genitori o parenti) che hanno dato lustro allo sport algherese e per la città. Il Mariotti da anni funge come area rifornimenti per il rally WRC, è stato usato come centro Hub e potrebbe fungere una volta risistemato nel salotto della città. Rifatto in sintetico dare la possibilità a tutti i pallonari di giocarci, di fare il museo del calcio algherese, dare la possibilità ai nonni di poter passeggiare con i nipoti e raccontargli i gol o gli oltre 2000 aneddoti, far giocare i nipoti nell’area attrezzata, organizzare vari eventi, sagre e concerti”.

Pensi che l’Alghero calcio possa risorgere?

“Con la struttura a disposizione credo proprio di sì. Basterebbe oggi per ripartire far sedere al tavolo rotondo 5/6 imprenditori e sostenere la società con un azionariato popolare di €200 a persona. Una sorta di abbonamento che permetterà nelle gare casalinghe di avere il posto in tribuna e un caffè omaggio”.