Emergenza imprese e nuovi mutui

Cagliari 3 giugno 2020. La commissione Bilancio, presieduta dall’onorevole Valerio De Giorgi (Misto), ha espresso all’unanimità parere favorevole alla deliberazione della giunta regionale n.23/1 del 29 aprile 2020, concernente la costituzione, tramite la Banca europea per gli investimenti, di un apposito fondo denominato “Emergenza imprese”. L’iniziativa, che rientra tra quelle intraprese dall’esecutivo regionale per fronteggiare l’emergenza Covid-19, regola l’erogazione di prestiti a favore delle imprese “di qualsiasi dimensione e appartenenti a tutti i settori economici” con un’attenzione particolare per quelle del comparto turistico, alle quali sono riservate il 40 per cento delle risorse disponibili che ammontano, per il momento, a 200 milioni.

L’illustrazione del provvedimento è stata curata dall’assessore della Programmazione, Giuseppe Fasolino, che, sollecitato anche dagli interventi e dalle richieste di chiarimento dei consiglieri, Cesare Moriconi (Pd); Michele Cossa (Riformatori); Eugenio Lai (Leu); Fausto Piga (FdI); Dario Giagoni (Lega); Gianfranco Satta (Progressisti); Giuseppe Meloni (Pd); Michele Ennas (Lega); Alessandro Solinas (M5S), ha precisato, nel dettaglio, le modalità di intervento e l’efficacia dello strumento finanziario che prevede un importo massimo erogabile di 5 milioni di euro con interessi zero. La commissione, in sede di parere, ha dunque accolto i suggerimenti dell’assessore riguardo l’allungamento dei tempi di restituzione dei prestiti (da 15 a 20 anni) e del preammortamento (qualora intervenga il via libera della Unione Europea) da 24 mesi a 36 mesi, nonché la possibilità di un incremento delle risorse regionali destinate al fondo costituito con la Bei.

Successivamente la commissione ha proceduto all’elezione dei due segretari dell’ufficio di presidenza: Stefano Schirru (Psd’Az, in rappresentanza dei gruppi di maggioranza) e Eugenio Lai (Leu, per i gruppi delle minoranze).

Il parlamentino del Bilancio ha dunque approvato, con lievi modifiche rispetto al testo esitato dalla Giunta, il Disegno di legge n. 157 “rinegoziazione dei mutui con la Cassa depositi e prestiti e misure straordinarie per gli Enti Locali in materia di programmazione unitaria”.

L’assessore del Bilancio, in sede di illustrazione del provvedimento – che norma la rinegoziazione dei mutui in essere con la CDP («si otterrebbe un risparmio immediato di 27 milioni di euro per effetto dell’allungamento dei tempi di restituzione e per l’abbattimento degli interessi») – ha fatto appello perché il Dl arrivi all’esame del Consiglio con procedura d’urgenza. Appello accolto solo parzialmente dai gruppi della minoranza che, pur dando l’assenso al testo di legge, hanno chiesto i termini per la presentazione della relazione di minoranza (dieci giorni), rimettendosi però alla decisione delle conferenza dei presidenti dei gruppi, per il ricorso all’articolo 102 del regolamento interno che, come è noto, dispone l’immediata iscrizione all’ordine del giorno dei lavori dell’ Aula.

Pistola, droga e soldi: arrestato 28enne a Tempio

TEMPIO – Ieri mattina, durante uno dei servizi finalizzati al controllo del territorio e al contrasto dei reati inerenti le sostanze stupefacenti, appositamente intensificati a seguito della fine della fase del lockdown relativa all’emergenza COVID-19, i Carabinieri del Norm della Compagnia di Tempio Pausania hanno tratto in arresto un 28enne di Tempio Pausania, G.T., trovato in possesso di una pistola con matricola abrasa, cartucce di vario calibro, un ordigno esplosivo rudimentale c.d. bomba-carta, un’ingente quantità di sostanza stupefacente di varie tipologie e un’ingente somma di denaro in contanti.

I militari, notato più volte il ragazzo nel centro gallurese, verificatene le frequentazioni e dopo aver effettuato dei mirati pedinamenti e osservazioni, lo hanno fermato e perquisito, trovando nella sua abitazione una pistola con matricola abrasa, più di 50 cartucce di vario calibro, esplosivo, 500 grammi circa di marijuana, 400 grammi di hashish, 100 grammi di ketamina, bilancini, materiale per il confezionamento, un vero e proprio registro ove annotava il resoconto dell’attività di spaccio con nomi e corrispondenti somme di denaro e circa 55.000 euro in contanti, per contare i quali si avvaleva di una macchina conta soldi, anch’essa sequestrata.

Sul telefono del ragazzo sono stati scoperti anche dei gruppi whatsapp mediante i quali i partecipanti segnalavano la posizione delle forze dell’ordine, onde consentire ai malviventi di sfuggire ai controlli. Il soggetto è stato ristretto presso la casa circondariale di Sassari-Bancali, in attesa dell’udienza di convalida. 

Sassari, accordo per mercatino piazzale Segni

SASSARI – Due mattine, il lunedì e il sabato, sempre in piazzale Segni, con le postazioni suddivise tra produttori, alimentari e non alimentari. È questo l’accordo raggiunto oggi tra l’Amministrazione comunale e l’associazione Nazionale ambulanti e Confcommercio ambulanti. Ieri il sindaco Gian Vittorio Campus aveva firmato la nuova ordinanza con la quale definiva le aree mercatali e le regole per fruirne in totale sicurezza, in funzione della tutela degli interessi collettivi e della salute pubblica, tenendo conto delle modalità di verifica degli accessi all’area mercatale, dei percorsi interni e dei controlli rivolti a evitare gli assembramenti e ad assicurare il fondamentale obbligo del distanziamento interpersonale. Un documento propedeutico all’incontro di oggi, durante il quale sono state ascoltate le esigenze degli operatori e si è trovata di concerto la soluzione migliore.
Pronti a ripartire lunedì mattina, dunque, con il numero di stalli consentiti dalle norme di sicurezza, assegnati proporzionalmente tra le diverse categorie: produttori, alimentari e non alimentari. Durante l’incontro è stata anche raggiunta una intesa tra l’Amministrazione e i rappresentanti degli ambulanti per un rilancio del settore e per una rivisitazione di concerto di tutte le aree mercatali nel comune di Sassari. Tra le proposte sul tavolo anche la possibilità di realizzare aree mercatali costiere nel periodo turistico.

Maggioranza in panne, salta la Commissione

CAGLIARI – Salta per la mancanza del numero legale la riunione della Seconda commissione, convocata questa sera alle 15.30 per svolgere una serie di audizioni in materia di scuola e lavoro (accordo sulla cassa integrazione). Il presidente Alfonso Marras (Riformatori) per ben tre volte ha dovuto constatare l’assenza dei componenti appartenenti ai gruppi della maggioranza e incalzato dagli esponenti delle minoranze ha dovuto prima rinviare alle 16.32 e quindi alle 17.15, per annunciare poi, non senza disappunto, la convocazione della commissione a data da destinarsi. 

Dure le proteste dei consiglieri dei gruppi delle opposizioni. «Sono indignata e perplessa – ha dichiarato Laura Caddeo dei Progressisti – per la scarsa attenzione che la maggioranza riserva alla commissione e ai suoi lavori». Franco Stara (Progressisti) ha evidenziato “l’assenza di rispetto per la commissione nella sua interezza ed in particolare nei riguardi degli ospiti, invitati in audizione su temi assai rilevanti e pertinenti, come lo sono la situazione della scuola e l’attuazione dell’intesa sulla cassa integrazione”. 

Gli altri due consiglieri della minoranza Piero Comandini (Pd) e Desirè Manca (M5S) hanno invece invitato esplicitamente il presidente della commissione a rassegnare le immediate dimissioni: «Non è la prima volta che il presidente Marras viene abbandonato in solitudine dalla sua traballante maggioranza di centro destra». I gruppi del centrosinistra e dei 5 Stelle hanno quindi preannunciato la convocazione di una conferenza stampa, domani (giovedì 28 maggio) alle 10.30, per denunciare “l’incresciosa situazione di crisi in seno alla Seconda commissione consiliare”

Destinazione Santa Teresa, 50 imprenditori uniti

ALGHERO – Oltre 50 imprenditori di Santa Teresa hanno scelto di unire le forze per promuovere la destinazione turistica: l’idea è nata per affrontare l’emergenza economica legata al Covid19 ma l’obiettivo è quello di proseguire in futuro Migliorare l’attività di accoglienza del visitatore puntando sempre di più sulla qualità di tutti i servizi proposti e sul turismo esperienziale; creare una struttura associativa fondata sulla collaborazione e la condivisione di obiettivi e strategie; lavorare per rafforzare la divulgazione verso l’Italia e i Paesi esteri del “brand” Santa Teresa, in modo da raggiungere una platea sempre più vasta di potenziali vacanzieri. 

Questi sono gli obiettivi a medio-lungo termine di Santa Teresa Gallura Experience, la neonata associazione che raccoglie oltre 50 imprenditori locali. I quali hanno deciso di lavorare insieme, sfruttando la considerevole forza insita in un numero così elevato di attività. 

I problemi generati dalla pandemia del Coronavirus hanno dato un nuovo impulso al settore ricettivo del paese gallurese: “Durante la quarantena abbiamo capito che nei mesi seguenti avremmo dovuto affrontare una crisi senza precedenti, dovuta all’epidemia del Covid19 – spiega Maurizio Sini, portavoce dell’associazione – allora abbiamo pensato di unirci in modo da sopportare meglio la probabile botta economica in arrivo. Abbiamo dovuto abbandonare le nostre reciproche zone di comfort per lavorare in questo progetto di rilancio del nostro paese”. Nell’immediato, sono state studiate delle massicce azioni di comunicazione sui social network: è stata aperta una pagina Facebook e un profilo Instagram, entrambi denominati Santa Teresa Gallura Experience. Le attività sulle piattaforme internet servono, in primo luogo, per dare visibilità, prestigio e “good reputation” alla destinazione turistica; ma anche, sin da subito, per proporsi sui social come punto di riferimento per coloro che intendono passare la vacanza a Santa Teresa. Un vero e proprio “link” tra il visitatore e le aziende.

“Non ci fermeremo qua, naturalmente – assicura Maurizio Sini – abbiamo molti ambiziosi progetti per il futuro. I social sono solo una delle idee che abbiamo formulato. È stata la più urgente da attivare, diciamo. Ma stiamo lavorando, già adesso, in ottica estate 2021 per proporci al mercato con una forza e una modalità inedite. Ci riusciremo un passo per volta, con calma ma con determinazione”. 

L’associazione comprende attività di ogni tipo, tutte legate in vario modo al turismo: servizi di trasporto, ristoranti, hotel, locali, diving, agenzie immobiliari, agenzie di viaggio, escursionisti in bici, in canoa, in barca; guide turistiche, una cooperativa per la gestione dei siti archeologici, agriturismi, maneggi, boutique, b&b e molto altro.  “Ci inorgoglisce molto – conclude Sini – aver creato un gruppo così numeroso. Questo è un bel traguardo. Le potenzialità sono notevoli, rimanendo uniti potremo raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati”.

Nella foto Santa Teresa

S.I.

Covid in Sardegna, solo un caso a Oristano. Trend in netto calo

ALGHERO – Sono 1.345 i casi di positività al virus Covid-19 accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza (ieri ne erano stati conteggiati 1.344). Si registra l’unico incremento nella provincia di Oristano. È quanto rilevato dall’Unità di crisi regionale nell’ultimo aggiornamento. In totale nell’Isola sono stati eseguiti 36.710 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto 88, di cui 10 in terapia intensiva, mentre 403 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 648 pazienti guariti (+22 rispetto al dato precedente), più altri 86 guariti clinicamente. Non si registrano nuovi decessi (complessivamente 120). Sul territorio, dei 1.345 casi positivi complessivamente accertati, 246 sono stati registrati nella Città Metropolitana di Cagliari, 97 nel Sud Sardegna, 58 (+1) a Oristano, 78 a Nuoro, 866 a Sassari.

Sassari, il consigliere Deiana lascia la Lega

SASSARI – La Lega perde un altro consigliere comunale. Dopo i tre eletti ad Alghero r duranti in Aula, col simbolo del Carroccio, neanche un giorno, visto io repentino abbandono di tutti e tre, adesso anche uno dei due eletti a Sassari lascia il partito di Salvini.

La Lega andrà avanti con la sua linea nell’attività in Consiglio comunale e regionale”, interviene così Francesco Ginesu, il capo gruppo della Lega al Consiglio comunale di Sassari, in merito alla scelta del collega Daniele Deiana di abbandonare il partito di attuale maggioranza relativa a livello regionale e nazionale.

“Il mio collega ha deciso di lasciare il partito autosospendendosi, per poi comunicare qualche giorno dopo di voler lasciare anche il gruppo consiliare della Lega – prosegue-. Non mi sento di esprimere commenti in quanto sono scelte personali che non riguardano la mia persona o il partito”, spiega il consigliere Francesco Ginesu, unico rimasti a Sassari.

“Prendiamo atto di questa scelta e gli auguriamo un buon lavoro ovunque scelga di collocarsi in futuro – aggiunge- . La Lega continuerà la sua attività in Consiglio comunale attraverso la mia persona, seguendo la linea che fino ad oggi ha caratterizzato la nostra azione politica”.
A Sassari resta così un solo consigliere comunale della Lega, ma il partito prosegue compatto nel portare avanti le idee con le quali si è presentato ai propri elettori ed orientato agli eventi futuri. Conclude poi Ginesu dichiarando che “difficilmente gli equilibri del Consiglio comunale cambieranno nei prossimi giorni, tanto meno a causa di questo fatto”.

Sant’Antioco riparte covid-free, vacanze in sicurezza

SANT’ANTIOCO – La Giunta del Comune di Sant’Antioco delibera il “Piano Operativo per la Gestione della stagione turistica 2020-2021”. Nasce una “Cabina di regia e coordinamento” finalizzata principalmente alla garanzia della sicurezza nel territorio dei residenti e dei turisti, composta dal Sindaco e dall’Assessore al Turismo, dai Responsabili dei Servizi al Cittadino, della Polizia Municipale e dei Servizi Tecnici e Ambientali, dal medico competente del Comune di Sant’Antioco dott. Gianfranco Agati, dal Presidente della Confcommercio Sud-Sardegna, il dott. Alberto Bertolotti, e dall’esperto di Destinazioni turistiche, Josep Ejarque, che ne prenderanno parte a titolo gratuito. E ancora, la delibera prevede di adeguare il Piano Strategico di Sviluppo Turistico, già ampiamente avviato ma ancora in fase redazionale, alle nuove norme comportamentali rese necessarie dalle misure di contenimento del virus che potranno rimanere valide anche nelle fasi successive a quella di emergenza, nell’ottica di una fase di rilancio 2021 che vede Sant’Antioco configurarsi come meta COVID FREE. Infine: una strategia di comunicazione e promozione online basata sul turismo trasformativo che pone al centro la persona, per mantenere vivo il contatto con il cliente fedele e rilanciare l’immagine di Sant’Antioco quale meta turistica COVID FREE già da giugno 2020, individuando un soggetto con esperienza pluriennale nel settore del Social media marketing inserito nei circuiti del mercato turistico nazionale.

L’isola di Sant’Antioco si prepara ad accogliere i vacanzieri, in questa stagione turistica diversa, segnata da un’emergenza sanitaria che metterà alla prova il comparto turistico con nuove regole, protocolli e limitazioni. Ma il Comune di Sant’Antioco c’è ed è pronto ad affrontare la nuova sfida: «Questa è la nostra risposta al “post pandemia” sul versante del turismo, a noi tanto caro – commenta il Sindaco Ignazio Locci – la Cabina di regia dovrà interfacciarsi con i nostri operatori turistici, da chi si occupa di ricettività a chi offre servizi vari, compresa la ristorazione o la balneazione. Adottiamo questa strategia per mettere le basi, quando Stato centrale e Regione comunicheranno quali misure dovranno essere adottate. Intendiamo, dunque, avviare un percorso condiviso con tutta la nostra rete di attività produttive. L’Isola di Sant’Antioco è costellata di ampi spazi all’aria aperta, numerose spiagge, cale e calette, molteplici percorsi naturalistici di pregio. Puntiamo a fare di Sant’Antioco una destinazione turistica COVID-FREE,  sicura e alla portata di tutti»

Ecografo e tamponi, dono all’Aou di Sassari

SASSARI – Un ecografo palmare “VScan General Electric” e 96 kit diagnostici Pcr rapida per Covid: è la donazione ricevuta nei giorni scorsi dal reparto di Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso dell’Aou di Sassari. A portare in dono il prezioso materiale sono stati i rappresentanti della ditta Jumbo spa Trony Sardegna. «Si tratta, da una parte, di attrezzatura utile alla nostra attività quotidiana – afferma Paolo Pinna Parpaglia della Medicina d’Urgenza – e, dall’altra, il kit dei tamponi consentirà di arricchire le disponibilità di materiale per i controlli sui pazienti e operatori».

Ieri, invece, l’unità operativa di Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso ha effettuato una colletta fra gli operatori e il ricavato è stato destinato alla casa della Fraterna Solidarietà di Sassari. «L’iniziativa – riprende Paolo Pinna Parpaglia – condivisa da tutta la struttura, vuole essere un piccolo gesto di riconoscenza per la solidarietà che abbiamo ricevuto in questi giorni. È intenzione della struttura ripetere l’iniziativa in futuro».

Insieme per Ploaghe regale mascherine

PLOAGHE – Mascherine distribuite gratuitamente a tutte le famiglie ploaghesi. Come gruppo consiliare di minoranza “Insieme per Ploaghe” abbiamo voluto compiere un gesto, che in questo difficile momento rappresenta sia un piccolo aiuto concreto che un segnale di vicinanza alla nostra popolazione. Nelle prossime ore distribuiremo a tutti i nuclei familiari del nostro Comune un kit con tre mascherine tipo chirurgico. L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla donazione effettuata dalla ditta Ambiente e Risorse e come Gruppo Consiliare abbiamo voluto dare il nostro apporto e sostegno per far sì che le mascherine potessero essere consegnate nelle cassette postali a tutti i cittadini di Ploaghe. Per evitare contatti e per garantire la totale sicurezza le buste sono state confezionate in ambienti sanificati e nel pieno rispetto di tutte le norme.

“Abbiamo pensato di fare una cosa utile – affermano i consiglieri Gian Filippo Sechi, Giuseppe Sini, Mario Solinas e Pier Mario Tedde– in un momento nel quale c’è anche difficoltà nel reperire le mascherine. La nostra popolazione si sta comportando in maniera encomiabile e vogliamo prima di tutto ringraziarla per i sacrifici che sta facendo. Questo è un piccolo modo per farlo, per sentirci sempre di più tutti assieme una comunità che condivide sia i momenti belli che le difficoltà come quella che stiamo vivendo e che speriamo possa finire presto.”