Perde il depuratore, fetore e traffico in tilt

ALGHERO – Lunga coda di auto e traffico in tilt in via degli Orti nella mattina di oggi. A causa della fuoriuscita di acque nere dal depuratore del Mariotti, si è creato una sorta di fiumiciattolo nell’intersezione con via Azuni, ciò ha richiesto delle modifiche al traffico.

Il fetore si è subito propagato in tutta l’area. A quel punto, per poter permettere anche gli interventi riparatori, i Vigili del Fuoco hanno dovuto bloccare la strada in direzione la Pietratia prima del Palazzo della Sanità. Questo, come detto, per sistemare il danno nella struttura comunale ed agevolare il traffico permettendo il transito solo su un senso di marcia.

Non sono ancora chiare le motivazioni di questa maxi perdita di liquido maleodorante e sicuramente non ottimale per ambiente e salute. Anche l’incidente di questa mattina certifica, qualora ce ne fosse bisogno, di realizzare al più presto la “Circonvallazione” utile a decongestionare il traffico oramai caotico in quasi tutte principali arterie del centro.

Nella foto i vigili del fuoco questa mattina in via degli Orti

S.I.

Sassari: furti in negozi, due arresti

SASSARI – Ieri, lunedì 11 novembre, tra la mattina e il pomeriggio, la Polizia locale del Comune di Sassari ha arrestato due giovani, entrambi di ventitré anni, per reati predatori contro lo stesso centro commerciale. Per i due questa mattina si svolgeranno le udienze di convalida.

Il primo è stato tratto in arresto di mattina. Alle 11 la centrale operativa del Comando di via Carlo Felice ha ricevuto una richiesta di intervento da un’attività commerciale di viale Italia, più volte presa di mira dai ladri nell’ultimo periodo. L’allarme è scattato dopo che il ragazzo, impossessatosi di merce per cinquecento euro, aveva cercato di scappare.

Gli agenti hanno notato il ventitreenne in viale Italia, mentre tentava di fuggire inseguito da un dipendente della struttura. Il giovane ha anche aggredito fisicamente l’addetto alla sicurezza, ma è stato immediatamente bloccato dagli agenti della Polizia locale. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di rapina impropria.

Nel pomeriggio un nuovo furto nello stesso centro commerciale. Il ragazzo si era già reso responsabile in passato di numerosi altri reati nella stessa attività. Gli addetti alla sicurezza, che lo hanno riconosciuto, hanno richiesto l’intervento del Comando; il sistema di videosorveglianza installato nell’esercizio commerciale ha ripreso il giovane mentre si impossessava di numerosi profumi per poi dirigersi verso l’auto in cui lo attendeva il complice. Nel frattempo gli agenti, arrivati sul posto, avevano già individuato l’auto e così i due giovani sono stati immediatamente fermati; è scattato l’arresto per il ladro seriale, mentre il complice è stato denunciato a piede libero.

Nel centro commerciale, anche a seguito di questi numerosi furti, è stata rafforzata l’attenzione da parte del personale addetto alla sicurezza. I due arresti eseguiti ieri rappresentano il frutto del rafforzamento dei presidi di vigilanza della Polizia locale in città, con l’obiettivo di contribuire ad aumentare sia la sicurezza reale, sia la percezione di sicurezza urbana nella comunità locale.

Nella foto viale Italia Sassari

S.I.

Cagliari, controlli e sanzioni nel weekend

CAGLIARI – Continua con costanza l’attività pianificata dai Comandi della Polizia Locale, della Guardia di Finanza e dei Carabinieri, sul fronte del contrasto al commercio ambulante abusivo, alla prevenzione dei fenomeni riconducibili a comportamenti incivili ed al degrado urbano, nel centro storico della città.

In quest’ultima settimana di controlli effettuati dal personale della polizia municipale, dagli uomini delle fiamme gialle e dagli uomini e le donne dell’Arma svolti dalle prime ore del mattino sino alla tarda sera e durante la notte, oltre alle tante sanzioni per la sosta vietata di diversi veicoli in ZTL o area pedonale, si è riscontrata l’assenza di ambulanti abusivi con soddisfazione degli operatori di Polizia impegnati nei controlli che hanno constatato l’osservanza del regolamento per il Commercio su Aree  Pubbliche Scoperte.

Invece sono stati sanzionati 5 esercizi commerciali che disponevano la loro merce all’esterno dei locali destinati alla vendita, occupando abusivamente il suolo pubblico; per loro oltre la sanzione pecuniaria scatterà anche la segnalazione per la sospensione dell’autorizzazione. Nel corso dei servizi di presidio del territorio, le pattuglie impegnate hanno preventivamente fatto opera di informazione capillare a tutte le attività interessate informando gli esercenti dell’emanazione della recente ordinanza sindacale n. 69 e dando loro le principali informazione in essa contenute.

Nonostante ciò, nei controlli predisposti sabato notte di diversi esercizi commerciali alimentari con superficie al di sotto dei 150 mq ancora aperti dopo le 21.00, è stato accertato che 2 restavano ancora aperti nonostante avessero nella loro offerta commerciale giornaliere bevande alcoliche; per loro è scattata la sanzione amministrativa di 500 euro e verrà inoltrata la segnalazione agli uffici comunali competenti per i provvedimenti di sospensione del titolo abilitante alla vendita come previsto dell’ordinanza.

Altri due esercizi sono invece stati sanzionati perché al controllo emergeva che diffondevano musica con un volume troppo elevato. Le attività di controllo proseguiranno costantemente con appositi servizi predisposti secondo una precisa programmazione predisposta dai Comandi della GdF, della Polizia Locale e dell’Arma dei Carabinieri al fine di consentire che il centro storico cagliaritano assuma pieno decoro anche ai fini di un sempre miglior apprezzamento da parte dei residenti, dei frequentatori e delle migliaia di turisti che visitano la città.

Nella foto Cagliari di notte

Fdi Sassari, stop accattonaggio molesto

SASSARI – Il Circolo Territoriale Audax di Fratelli d’Italia di Sassari, raccogliendo le numerose segnalazioni e la sempre più crescente preoccupazione, da parte di tanti cittadini sassaresi, riguardo la presenza in città di episodi di accattonaggio molesto, ricorda all’amministrazione comunale, l’esistenza di un’ ordinanza, la n° 41 del 16/6/2016, che ordina il divieto di accattonaggio molesto, al di fuori dei luoghi di culto, centri commerciali, incroci, case di cura, ospedali e su tutto il territorio comunale. 

Purtroppo, nonostante tale ordinanza, tra le strade cittadine, diventa sempre più frequente incontrare chi, talvolta con fare insistente e fastidioso, chiede pochi spiccioli per gli usi tra i più disparati. 
Il Circolo FdI Audax, chiede pertanto un’azione più incisiva della Giunta comunale e una presenza più capillare da parte della Polizia locale, di tutte le forze dell’ordine e una maggior sinergia tra le Autorità di pubblica sicurezza, volte a reprimere una pratica che i cittadini sassaresi ormai stanno dimostrando di mal sopportare. 

Nella foto Pietro Pedoni

S.I:

Stintino, morto un sub residente ad Alghero

ALGHERO – Tragedia nel mare del Nord-Ovest Sardegna. Un 41enne, Carlo Ponti, nato a Torino e residente ad Alghero, è morto durante un’immersione nelle acque di Stintino. L’uomo si era immerso in mare dalla spiaggia della Pelosa, quando è stato colto da un malore. In suo soccorso sono arrivati sul posto una motovedetta della Guardia Costiera salpata da Porto Torres, i sommozzatori dei vigili del fuoco di Sassari e la squadra operativa del 118. Purtroppo non c’è stato niente da fare i soccorsi sono stati inutili. La Procura di Sassari ha disposto che il corpo venisse trasportato nell’istituto medico dove sarà sottoposta ad autopsia per stabilire le cause esatte della morte.

Sassari, crolla muro: strada chiusa

SASSARI – Venerdì, in tarda serata, il Settore Infrastrutture della Mobilità del Comune di Sassari, allertato dai vigili del fuoco, ha chiuso al transito, di mezzi e pedoni, la strada vicinale consortile Rizzeddu Gioscari, tra i numeri civici 26 e 28. L’interruzione si è resa necessaria a causa del crollo di un tratto di muro a secco privato, piuttosto alto; caduto sulla carreggiata, ha creato una situazione di pericolo per la pubblica incolumità.

Viene meno, dunque, il collegamento che, partendo dalla strada provinciale Sassari Ittiri, conduce verso la strada vicinale Sette Funtani proseguendo verso via Milano, ma anche verso via Gioscari, e termina in via Verona. Per riaprire la strada si dovrà attendere l’intervento di verifica delle condizioni generali del muro e il ripristino dei requisiti di sicurezza, operazioni a carico del proprietario del muro. Intanto la strada dovrà restare chiusa

Costruttore di Castelsardo evade 1milione di euro

PORTO TORRES – I finanzieri della Tenenza di Porto Torres, coordinati dal Comando Provinciale di Sassari, hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di un costruttore edile di Castelsardo che ha permesso di ricostruire ricavi non dichiarati ai fini IRES ed IRAP per oltre 1.100.000 euro, un’evasione di I.V.A per circa 90.000,00 euro, nonché IRES evasa per circa 40.000,00 euro. 

L’attività si inquadra in un più ampio contesto operativo scaturito da un monitoraggio delle società che operano nel settore del recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica che hanno omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi pur avendo ricevuto denaro per lavori eseguiti. 

Privati e condomini, infatti, al fine di poter ottenere agevolazioni fiscali sotto forma di detrazione d’imposta, sono obbligati a saldare gli importi dei lavori edilizi attraverso i cosiddetti “bonifici parlanti”, con indicazione dei riferimenti della legge che prevede tali agevolazioni e dei dati fiscali del committente e dell’esecutore delle opere. 

Nella foto i finanzieri di Sassari


Sogeaal, ex-direttore a processo

ALGHERO – L’ex direttore generale della Sogeaal, società di gestione dell’aeroporto di Alghero, Mario Peralda e altri quattro indagati accusati di abuso d’ufficio in concorso per avere acquistato, tra luglio del 2015 e maggio 2016, due macchinari radiogeni destinati al controllo dei bagagli per un valore di 436mila euro, sono stati rinviati a processo dal Gup Maria Rita Serra.  

Il processo, che si aprirà il 26 febbraio prossimo, come informa l’agenzia Ansa, vedrà a giudizio anche l’ex direttore della centrale della Regolazione aerea Enac, Alessandro Cardi, 65 anni, originario di Saronno ma residente a Roma; Giovanni Tolu, 48 anni, nativo di Civitavecchia e residente a Olbia, manager di esercizio della Sogeaal; l’amministratore delegato e responsabile vendite della Smith Detection Italia srl, Fabrizio Masciocchi, 49enne, di Saronno, residente a Cernusco sul Naviglio; Gerolamo Salis, 49 anni, di Roma, direttore vendite della Smith Detection Italia.

Assistita dall’avvocato Gianfranco Meazza si è costituita parte civile la società Gilardoni, che all’epoca dei fatti era affidataria di Sogeaal delle apparecchiature per il controllo della sicurezza aeroportuale con un contratto di appalto noleggio. Secondo l’inchiesta della Procura, gli imputati avrebbero concluso l’acquisto dalla società americana Smith di due macchinari EDS standard 2, ovvero obsoleti e fuori norma, visto che il regolamento europeo 1998/2015 impone che “tutti i sistemi EDS acquistati a partire dal 1 settembre 2014 devono soddisfare lo standard 3”. Inoltre l’acquisto sarebbe stato concluso “non ponendo in essere alcun bando di gara, al costo complessivo di 436mila euro Iva esclusa”. Azioni che secondo l’accusa avrebbero “procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale alla Smith Detection Italia e un contestuale danno alla ditta Gilardoni”.

Nella foto gli uffici Sogeaal

S.I.

Solinas a Schengen, è allarme mafia nigeriana

CAGLIARI – La “quarta mafia”, la piovra nigeriana, particolarmente violenta e dedita al traffico di esseri umani, organi e droga, sta cercando di mettere radici anche in Sardegna. Non mancano, in questo senso, segnali allarmanti, e il pericolo è testimoniato dagli esiti di brillanti operazioni delle forze dell’ordine che hanno consentito lo smantellamento di cellule presenti e ben organizzate sul territorio. Occorre dunque vigilare e potenziare le azioni di controllo e repressione.

E’ l’appello lanciato dal Presidente della Regione Christian Solinas al Comitato Schengen che, guidato dal Presidente On.le Eugenio Zoffili, ha iniziato stamane, con un incontro a Villa Devoto, la sua visita in Sardegna. La Sardegna, da sempre immune per motivi culturali e antropologici da fenomeni malavitosi legati alla mafia tradizionale, è apparsa invece vulnerabile all’infiltrazione della malavita organizzata proveniente dalla Nigeria, capace di instaurare uno stretto controllo territoriale.

La recente operazione Calypsonet ha messo a nudo una ramificazione basata sulla presenza di capi-bastone che gestivano per conto della cupola mafiosa il controllo delle zone loro assegnate, con un sistema di reclutamento di tipo iniziatico e rituale, capace di creare negli adepti un fortissimo legame psicologico e una cieca obbedienza agli ordini dei capi criminali. È stata accertata la presenza di gruppi dei cosiddetti Black cats, derivazione dei sanguinari Black Axe, mafiosi che al momento della loro iniziazione si identificano con un tatuaggio sulla spalla (raffigurante appunto un gatto nero) e profonde lacerazioni sull’addome.E’ certo che, oltre alle attività di controllo del traffico di droga, la mafia nigeriana gestisca una vera e propria tratta di donne che in totale schiavitù vengono costrette alla prostituzione, nonché un orrendo traffico di organi umani.

Il Presidente Solinas ha ricordato come di recente l’Ambasciata Nigeriana in Italia abbia lanciato l’allarme sulla presenza di una criminalità organizzata strutturata sul modello di sette segrete, importate anche sul territorio italiano e in Sardegna con l’invio di uomini che giungono sul nostro territorio mediante gli sbarchi clandestini, soprattutto nelle coste del Sulcis Iglesiente, favoriti dalla condizioni meteorologiche spesso agevoli e dalla brevi distanze che separano le coste sarde da quelle nordafricane. L’appello rivolto dal Comitato dal Presidente Solinas, dunque, e’ stato chiaro e pressante: una vigilanza stretta sulla nostra Isola. Appello raccolto dal Presidente Zoffili e dall’intera delegazione presente a Cagliari; il quadro tracciato dal Presidente della Regione sarà dettagliatamente illustrato al Parlamento e al Governo. Domani è previsto infatti un incontro del Comitato con il Ministro dell’Interno.

Nella foto il Presidente Solinas

S.I.

Degrado urbano, sequestrata facciata palazzo

SASSARI – Questa mattina gli agenti della Polizia locale del Comune di Sassari hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo di tutta la facciata di un intero palazzo, compresi balconi e cornicioni, in via Dolcetta, nel centro della città. Già alcuni mesi fa l’ufficio comunale “stati di pericolo” dell’Amministrazione aveva eseguito un primo sopralluogo da cui era emerso il distacco di calcinacci nella parte che affaccia sulla strada pubblica, con la presenza di fessurazioni e il cattivo stato di manutenzione delle pareti, con il rischio di cedimento di porzioni di edificio, con pericolo per le persone.

A seguito del sopralluogo, era stata emanata un’ordinanza sindacale con cui si intimava all’amministratore del condominio la messa in sicurezza di emergenza dell’immobile entro sette giorni e la messa in sicurezza definitiva entro novanta giorni, da realizzarsi con il ripristino delle strutture deteriorate, oltre a quant’altro di utile e necessario a garantire la pubblica e privata incolumità.

La Polizia locale, accertato che i lavori di messa in sicurezza del non erano stati eseguiti, ha inoltrato alla Procura della Repubblica del Tribunale di Sassari un’annotazione di indagine configurando a carico del condominio responsabilità in ordine all’inosservanza del provvedimento del Comune di Sassari che intimava, appunto, la messa in sicurezza dell’immobile. Gli agenti hanno accertato, inoltre, che la caduta di porzioni di calcinacci avevano provocato ingenti danni a un mezzo parcheggiato nell’area sotto il fabbricato.

Il pubblico ministero ha ravvisato una responsabilità penale del condominio, per aver omesso di realizzare i lavori necessari per rimuovere il pericolo e per non aver ottemperato alle prescrizioni impartire dal Comune per ragioni di pubblica sicurezza. Il Gip del Tribunale di Sassari, su richiesta del pubblico ministero, ha disposto il sequestro preventivo di tutta la parte frontale muraria dell’edificio, compresi balconi e cornicioni, e del tratto di suolo sottostante necessario a prevenire il pericolo. La Polizia locale questa mattina ha dato esecuzione al decreto.

Si tratta di un provvedimento molto importante che va a rafforzare gli interventi portati avanti dall’Amministrazione comunale a favore del decoro della nostra città e che dimostra che i proprietari di immobili ammalorati assorbono un obbligo giuridico, oltreché morale, che impone loro di eseguire con puntualità i necessari interventi di manutenzione e di conservazione dei fabbricati di cui hanno la disponibilità.

Recentemente il Comune si è sostituto ad alcuni proprietari inadempienti, affrontando i costi dell’esecuzione di lavori improcrastinabili di messa in sicurezza di emergenza su immobili ubicati nel centro storico; anche nella circostanza i proprietari inadempienti sono stati denunciati e, contestualmente, sono stati emessi i provvedimenti ingiuntivi che impongono agli stessi proprietari il rimborso dei costi anticipati dalla pubblica amministrazione.