Alghero, droga: 15 avvisi di garanzia

ALGHERO – La Polizia di Alghero ha notificato quindici avvisi di garanzia, emessi il 10 giugno dal procuratore capo della Repubblica Giovanni Caria. Il provvedimento è scattato al termine di complesse indagini sullo spaccio di sostanze stupefacenti in città, condotte dalla squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato.

Indagini che avevano interessato diverse persone, già noti agli investigatori, di cui undici algheresi, due sassaresi, un cagliaritano ed un oristanese. L’attività investigativa, denominata “Operazione Mandingo” risalente al 2015, aveva consentito di arrestare, in flagranza di reato, tre persone, con il complessivo sequestro di oltre 700grammi di cocaina destinata al mercato cittadino.

Ordigno bellico all’Asinara

ASINARA – Un grosso ordigno bellico è stato trovato nel Golfo dell’Asinara, adagiato a 35 metri di profondità, a 5 miglia dalla costa, dai Vigili del fuoco del Nucleo sommozzatori di Sassari, di base nel distaccamento di Porto Torres. La bomba è stata individuata durante una normale attività di addestramento: è di forma cilindrica e ha un diametro uniforme di 50 cm, per una lunghezza di 1,5 metri. È provvisto di spoletta di detonazione, ma privo delle alette stabilizzatrici. La presenza dell’ordigno è stata segnalata alla Guardia costiera che avvierà gli accertamenti del caso per poi decidere come procedere per la rimozione.

Nella foto l’ordigno bellico nel mare dell’Asinara

S.I.

Alghero, morto in auto: grande dolore

ALGHERO – Altra tragedia ad Alghero. Questa mattina sulla strada per Fertilia, nelle vicinanze di Villa Segni, all’interno di un’auto parcheggiata è stato trovato il cadavere di un uomo (Simone Solinas molto noto per le sue collaborazioni lavorative con discoteche, locali e palestre). Il 40enne stava svolgendo il ruolo di custode della struttura ex-Villa Segni, divenuta da settimane il locale notturno Touch. L’allarme è stato fatto scattare da alcuni passanti che hanno chiamato il 118. I medici giunti sul posto non hanno potuto fare altro che registrare il decesso dell’uomo. Sono in corso indagini e accertamenti sanitari per comprendere le cause della morte. Grande dolore sui social e tra amici e parenti di Silanos da tutti considerato una brava persona e ottimo lavoratore.

S.I.

Il maestrale alimenta roghi: resta allarme

CAGLIARI – Il maestrale continua a soffiare sulla Sardegna, in particolare nel Nord-Ovest, con forti raffiche su Alghero, tenendo alto il pericolo degli incendi. Nelle prossime ore le raffiche si intensificheranno, portando a termine l’abbassamento delle temperature, scese di sei-otto gradi sui valori massimi. “Dal promontorio presente sulla Gran Bretagna entrano sul Mediterraneo infiltrazioni di aria fredda – spiega Alessandro Gallo, esperto di Meteonetwork Sardegna – La Sardegna risente quindi del maestrale, in particolare sulle coste occidentali, dove le raffiche toccheranno punte di 30-35 nodi, circa 50-60 kilometri orari. All’interno dell’Isola, invece, il vento si attende debole di prima mattina e moderato al pomeriggio”.

Oggi nel golfo di Cagliari le sferzate di maestrale si sono fatte sentire, causando anche un incidente in mare ad un canoista: catapultato in acqua da una raffica ha raggiunto uno scoglio dove ha atteso i soccorsi. “La rotazione dei venti – annuncia l’esperto – è attesa per il prossimo fine settimana con provenienza sud est. Tra martedì 16 e mercoledì 17, invece, non si escludono anche deboli precipitazioni, in particolare sul centro nord della regione. Per le temperature non ci sono significative variazioni con valori nella media di stagione. Da venerdì 19, però, i valori termici saranno in graduale ripresa per il previsto ingresso dell’anticiclone africano con punte nel weekend intorno ai 36-38 gradi sull’entroterra, 34-35 sulle zone urbane e 32 sulle coste”.

Nella foto un canadair in azione

S.I.

Incendio a Fertilia, Conoci sul posto

ALGHERO – “Un ringraziamento a  tutti gli uomini in campo oggi a Fertilia per l’intervento che ha permesso  spegnere l’incendio con estrema tempestività”. Il Sindaco Mario Conoci si è recato oggi a Fertilia per seguire le operazioni di spegnimento del rogo che ha interessato la parte finale del Lungomare Rovigno e che ha richiesto l’intervento di Vigili del Fuoco, Corpo Forestale, Forestas, Barraccelli, Protezione Civile. L’incendio, alimentato dal forte vento, ha interessato circa un ettaro di macchia mediterranea, fino a lambire la stessa strada confinante con le abitazioni. Le operazioni  di spegnimento, durate oltre un’ora,  hanno richiesto l’intervento di un elicottero del Corpo Forestale.

Sardegna in fiamme, caccia ai responsabili

CAGLIARI – “Stiamo seguendo in tempo reale l’evoluzione della situazione grazie alla presenza sul posto dell’assessore dell’Ambiente, che mi tiene  costantemente aggiornato e  che coordina e sovraintende su mia delega agli interventi di concerto con tutte le autorità preposte. L’apparato regionale di protezione civile e contrasto agli incendi è stato attivato tempestivamente e stiamo operando grazie all’impegno e alla piena cooperazione degli uomini e dei mezzi in campo per limitare gli gli esiti devastanti delle fiamme e mettere in sicurezza il territorio”. Lo dichiara il presidente della Regione Christian Solinas, commentando le notizia sugli incendi che hanno devastato la Sardegna nella giornata di ieri.

“Voglio esprimere un plauso ed un ringraziamento a tutti gli operatori del Corpo Forestale e di Vigilanza ambientale, di Forestas, del Corpo Nazionale dei Vigli del fuoco e ai tanti volontari delle associazioni di protezione civile sarde che in queste ore davvero difficili hanno gestito al meglio le criticità con impegno e abnegazione. Siamo ora impegnati – conclude Solinas – a ricercare le cause ed i responsabili di questo disastro oltre che a verificare i margini per ristorare gli ingenti danni subiti dalle comunità colpite”.

Nella foto gli incendi nella zona di Tortolì

S.I.

Sardegna in fiamme, solidarietà Lega

CAGLIARI – “Esprimo tutta la mia solidarietà e vicinanza agli abitanti dei centri colpiti dagli incendi degli ultimi giorni e a tutti coloro che stanno lottando contro il fuoco, che sta devastando i nostri territori e che purtroppo non accenna a diminuire la sua portata distruttiva” . Così il capogruppo regionale della Lega Dario Giagoni sui devastanti incendi che hanno colpito la Sardegna.

“Rabbia e preoccupazione si accompagnano alla consapevolezza che sia ancora più forte la necessità di trasmettere il rispetto per l’ambiente, di vigilare per fermare coloro che colpiscono volutamente il nostro territorio e di investire risorse su mezzi e uomini.Un personale ringraziamento agli uomini ed alle donne dell’apparato regionale antincendio e di protezione civile ed ai Sindaci ai quali garantisco fin da ora assoluta collaborazione per qualsiasi richiesta. 

Furto Arst: giovani denunciati

SASSARI – Nella mattinata odierna i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Sassari hanno denunciato in stato di libertà M.S., classe ’99 di Tortolì e M.S.P., classe ’00 di Sassari per i reati di ricettazione e tentato furto aggravato.

All’alba il personale della stazione ferroviaria di Sassari aveva segnalato al 112 il furto di alcuni biglietti e abbonamenti ARST nonché il tentativo di qualcuno di introdursi in un bar, attualmente non in esercizio, adiacente alla biglietteria. 

La prima pattuglia intervenuta sul posto, dopo una prima ispezione dei luoghi, si è immediatamente attivata nelle ricerche degli autori del fatto, ritenendo che potessero essere ancora nelle vicinanze.

In effetti, poco distanti dalla stazione, i militari hanno individuato due giovani che si aggiravano con fare sospetto, i quali sono stati fermati per essere identificati e sottoposti a perquisizione personale.

La ricerca di eventuale refurtiva ha sortito esito positivo in quanto entrambi sono stati trovati in possesso di un consistente numero di biglietti e abbonamenti ARST, per un valore complessivo di circa 5000 euro, esattamente corrispondenti a quelli rubati poco prima.

Nel contesto è stata inoltre inviata sul posto una squadra della Sezione Operativa specializzata nei rilievi tecnici, al fine di raccogliere ulteriori elementi probatori. All’esito del sopralluogo, l’irruenza del malfattori è apparsa ben evidente dai vetri rotti a calci per sfondare la porta d’ingresso al fine di introdursi del locale. Sul posto sono stati raccolti, quindi, altri elementi utili alle indagini. 

Essendo trascorsa la flagranza di reato, i due giovani sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura di Sassari per i reati di ricettazione e tentato furto.

Sono comunque tuttora in corso attività investigative finalizzate a ricostruire nel dettaglio la dinamica dei fatti, con la direzione delle indagini da parte della Procura della Repubblica di Sassari.

Sardegna, martedi di incendi

CAGLIARI – Afa e vento caldo: è stata anche ieri una dura lotta contro gli incendi. La battaglia più lunga nella campagne di Villanova Monteleone a poca distanza dalla litoranea Bosa-Alghero: in campo anche gli elicotteri del Corpo forestale e il Super Puma. Le operazioni sono state dirette dal personale del Corpo forestale della Stazione di Alghero, coadiuvato dal personale della Stazione forestale di Villanova Monteleone, da 3 squadre di Forestas provenienti dai cantieri di Alghero e Villanova e da una squadra dei vigili del fuoco proveniente da Alghero. Intervenuti anche i carabinieri di Sassari per regolamentare la viabilità.

L’incendio, divampato nella mattinata, ha interessato macchia mediterranea per una superficie di circa un ettaro: operazioni di spegnimento dall’alto concluse alle 15.15. Vasto anche il rogo di Uta: in fiamme eucalipteti e mandorleti per una superficie di 15 ettari. Gli elicotteri si sono allontanati per fine intervento alle ore 14.40. Incendi anche nel Sulcis da San Giovanni Suergiu (macchia mediterranea per circa 2 ettari) alle campagne di Carbonia. Fuoco anche a Villagrande Strisaili: investito dalle fiamme un uliveti di circa duecento metri quadrati. Roghi e intervento degli elicotteri tra pascoli e cespugli in località Nuraghe su Tilibirche. E incendio anche alle porte di Sassari in località Santa Barbara: a fuoco sei ettari di terreno con le operazioni di spegnimento concluse intorno alle 18.

Nella foto uno degli interventi della giornata di ieri

S.I.

Incendio tra Alghero e Bosa

ALGHERO – Incendio tra Alghero e Bosa. L’allarme è scattato intorno alle 14. A “Sa Rocca Pinta”, il luogo preciso del rogo, a valle di Villanova Monteleone, si sono precipitati due elicotteri: uno partito dal comune dei marghine e l’altro da Fenosu. L’azione repentina ha fermato le fiamme ed evitato anche che ci potesse essere l’evacuazione della vicina, e sempre molto frequentata, spiaggia della Speranza. Per fortuna non si registrano gravi problemi, se non uno stop, poi rientrato, traffico sulla litoranea.

S.I.