Il Labirinto, Guido Croci ad Alghero

ALGHERO – Lunedì 23 settembre alle ore 19,30 presso lo storico caffè L’Ambat (bastioni Colombo 1) l’autore Guido Croci, ex Direttore Generale dell’Università degli studi di Sassari appassionato di scrittura, presenterà assieme al professor Fabio Bacchini e alla professoressa Margherita Solci la trilogia noir pubblicata con Pendragon.

Con il recente “Il peso dell’amore” (2019), Croci chiude la trilogia che ha per protagonista il raffinato e caustico detective Francesco de Stisi, ex insegnante, amante di Montaigne, del cinema e della buona cucina. Francesco De Stisi era un professore di lettere. Ora è un investigatore privato. E’ così bravo a ritrovare persone scomparse perché le persone gli interessano. Gli interessa capire cosa pensano, come vivono, come si comportano di fronte all’amore, all’odio, ai soldi. Gli interessa capire perché fuggono, perché uccidono, e perché si lasciano morire. E soprattutto è uno che non ha più nulla da perdere. 

“Il peso de”amore” è un romanzo su tre casi giudiziari che coinvolgono delle giovani donne: la figlia di un boss della malavita fuggita a Parigi con il suo fidanzato; la nipote di un senatore sposatasi in segreto con un anziano professore spagnolo; la sorella di un famoso industriale alle prese con un amico dalle ardue pretese. Tre intriganti rebus investigativi che mettono in gioco il più nobile dei sentimenti, il quale, come si dimostrerà, può risultare anche il più gravoso.Già autore di sei romanzi, Guido Croci ha pubblicato con Pendragon i romanzi Humane (2002), Victor (2006), Lilì, la vita è tutta qui (a quattro mani con Clelia Cristina Contini, 2007), Un gatto rosso mattone (2008), Il peso della giovinezza (2008), Il peso della bellezza (2018), e l’ultimo, Il peso dell’amore (2019)

Nella foto Guido Croci

S.I.

Politica e populismi, Occhetta ad Alghero

ALGHERO – “Ricostruiamo la politica” è il titolo del libro di Francesco Occhetta che sarà presentato Giovedì 19 Settembre alle 18:15 nella sala conferenze Lo Quarter ad Alghero. Interverranno, oltre all’autore, il professor Tonino Baldino, direttore diocesano dell’Ufficio per i Problemi sociali e il Lavoro, ed il Vescovo Padre Mauro Morfino, al quale saranno affidate le conclusioni. Introdurrà i lavori Giuseppe Manunta, direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, mentre l’intervista sarà curata da Alessandro Porcheddu, segretario regionale UCSI.

Nel libro la riflessione di padre Occhetta muove dai problemi dell’oggi, analizzando anzitutto il contesto storico e politico che contraddistingue le democrazie contemporanee e in particolare quella italiana, calandosi nelle problematiche dei populismi verso cui sembrano dirigersi molte democrazie liberali occidentali. E’ dall’interno di questo frangente storico che padre Occhetta torna ad interrogarsi su quale possa e debba essere il ruolo dei cattolici nella vita pubblica.

Francesco Occhetta è un gesuita, scrittore della rivista La Civiltà Cattolica e consulente spirituale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana (UCSI). Dopo la laurea in giurisprudenza a Milano, ha conseguito la licenza in teologia morale a Madrid e il dottorato presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma. E’ specializzato in diritti umani all’Università degli Studi di Padova. Ha completato la sua formazione a Santiago del Cile. Giornalista professionista dal 2010, è consulente spirituale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana (UCSI). Tra le sue pubblicazioni: Le radici della democrazia. I principi della Costituzione nel dibattito tra gesuiti e costituenti cattolici (2012); La giustizia capovolta. Dal dolore alla riconciliazione (2016). Il lavoro promesso. Libero, creativo, partecipativo e solidale (2017).

Nella foto Occhetta

S.I.

Alghero, recital per la Diada

ALGHERO – L’11 settembre di 1714 significò la fine della Guerra di Successione nella Catalogna e l’inizio di un’època nella quale si persero le libertà secolari. La “Diada Nacional de Catalunya” ricorda la sconfitta e la perdita delle libertà, in una giornata, l’undici settembre, per la affermazione nazionale.

Dal momento della sua creazione, l’anno 2009, la rappresentazione della Generalitat di Catalunya nella città catalana di Sardegna, ha commemorato la “Diada” de l’11 settembre con attività culturali e di approfondimento storico. Soltanto l’esecuzione dell’articolo 155 da parte de lo stato spagnolo ha impedito la realizzazione degli eventi della Diada Nacional del 2018, conseguenza della chiusura delle Delegazioni catalane all’estero.

Adesso, con la ripresa delle attività, l’Ofici de l’Alguer de la Delegazione del Governo della Generalitat de Catalunya in Italia, è lieto di organizzare e invitare a tutti i cittadini al recital poetico musicale “Emparaulant la vida” di Sílvia Bel, accompagnata della musica e del canto flamenco di Juan Manuel Galeas & Company. Sílvia Bel, reconosciuta attrice catalana di teatro, cinema e televisione, offrirà un spettacolo che è un recital di poesia catalana contemporanea e allo stesso tempo un concerto.

Nella foto Silvia Bel

S.I.

Diputació e Generalitat più vicine

ALGHERO – incontro a Porta Terra del Sindaco Mario Conoci  con la delegazione catalana presente in città ospite dell’Obra Cultural per le tradizionali Festes del 31 Agosto.

Il Sindaco ha ricevuto Josep Tarín, Consigliere della Diputació de Barcellona, delegato per la mobilità e parchi naturali, Jordi Padrós, coordinatore delle aree parco della stessa  Diputació, Xavier Roget, responsabile della commissione bilaterale e Oriol Ponsatí – Murlà , direttore  de l’Institució Lletres Catalanes della Generalitat de Catalunya.  

Insieme a loro, Pino Tilocca e Antonio Torre, presidente dell’Obra Cultural e delegato dell’Institut d’Estudis Catalans di Alghero. 

Mario Conoci ha ribadito la volontà dell’Amministrazione di sostenere e approfondire i rapporti con la Catalogna, in special modo le relazioni culturali ed economiche tra le due comunità. 

Il Sindaco di Alghero al riguardo sarà presente, ospite d’onore,  al prestigioso appuntamento con l’inaugurazione  del corso di studi 2019/2020 dell’Institut d’Estudis Catalans di Barcellona, previsto per il mese di Ottobre.

Villa Edera, venerdi di letture

ALGHERO – Venerdì 23 agosto sempre con inizio alle ore 19,30 ritornano le “Letture d’estate a Villa Edera”, Rassegna diretta da Neria De Giovanni col patrocinio del Comune di Alghero, Assessorato alla Cultura e turismo.

Incontro con la poesia di Concetta Casu dal volume “Amati Amando” e Domenico Marras di “Poesie di paesi e pastori”, entrambi I libri pubblicati dalla Nemapress. Neria De Giovanni e Antonio Maria Masia dialogheranno con gli autori. Antonello Colledanchise interverrà in veste di cantautore.
“Amati amando” di Concetta Casu  raccoglie le poesie scritte nell’intero anno del 2018 fino alla prima parte del 2019. Pensieri ed emozioni della vita di tutti i giorni, con particolare riferimento alla sofferenza ed alla malattia, ma con un’ottica di speranza e fiducia nel futuro, dovuta anche alla grande fede in Dio e nell’amore. 

Il libro è corredato da venti tavole a colori, omaggio di tre artisti internazionali, Carlo Cecchi, Alberta Grossi ed Alberto Olivetti, che le hanno dedicate a queste liriche. colpiti dalla liricità e profondità del pensiero. 
“Poesie di paesi e pastori” di Domenico Marras presenta in versi quadretti di vita quotidiana soprattutto del paese di Uri di cui è originario il poeta insieme a considerazioni esistenziali aperte alla riflessione di tutti. 

Antonello Colledanchise, noto poeta e cantautore  di Alghero, interpreta alcune sue poesie in algherese da lui stesso musicate che ripropongono delicati sentimenti familiari e acute analisi sociali. 
Le “Letture d’estate a Villa Edera” ( BeB , via Biasi n.21, Alghero) registrano un crescente successo e gradimento di pubblico dimostrando la necessità di momenti e spazi di aggregazione culturale per la cittadinanza.
Anche l’incontro del 23 agosto si concluderà con un social dinner e brindisi con Ivan Perella direttore di Villa Edera e Umberto Perella dello staff. Ingresso libero fino  ad esaurimento posti. INFO : 3388386584

Nella foto uno degli incontri a Villa Edera

S.I.

Cala del Vino al Museo della Tonnara

STINTINO – Si trova tra l’insenatura di Porticciolo e la spiaggia di Porto Ferro. Situata a Nord di Alghero, Cala del vino, per la sua particolare conformazione, è utilizzata ancora oggi dai pescatori come riparo e ancoraggio delle barche. Alla sua storia è dedicata la conferenza dal titolo “Cala del vino e le tonnare della costa algherese”, in programma sabato 13 luglio alle ore 19 al Mut, Museo della Tonnara di Stintino. Basandosi su documenti del Seicento e del Settecento, Roberto Barbieri, naturalista, parlerà delle antiche attività di pesca in quella parte di costa. A Porticciolo, è stata in uso, infatti, una tonnara, e un’altra tonnara veniva armata a Capo Galera, nella rada di Alghero.

La programmazione del Mut continua domenica 14 luglio alle ore 19 con la presentazione del libro “Radici di ginepro” di Gabriella Ghisu, edito da Carlo Delfino nel 2017. È un percorso nostalgico quello dell’autrice, che evoca le proprie radici famigliari, ma è anche un affresco storico del periodo bellico e postbellico italiano. Durante la serata sono previste alcune letture dell’autrice, introdotta da Antonella Masala, e le esibizioni del balletto di Sassari “Emmeleia”, diretto da Floriana Mura e del Coro polifonico di Uri, diretto dal maestro Debora Guerrini. In sala anche l’editore Carlo Delfino.

Nella foto Cala del Vino

S.I.

Letture d’Estate a Villa Edera: programma

ALGHERO – Il parco di Villa Edera, B&B di Alghero in via Giuseppe Biasi, 21, ospiterà come di consueto per il mese di agosto la Rassegna “Letture d’estate a Villa Edera”, scrittori e poeti, con la direzione artistica di Neria De Giovanni, direttore del portaleletterario.net e della Nemapress Edizioni.  Ad inaugurare gli eventi, venerdì 2 agosto saranno Sas paraulas- Le parole magiche, credenze e superstizioni in Sardegna e Angeli e spiriti maligni in Sardegna, gli ultimi volumi che Neria De Giovanni ha scritto con don Marcello Stanzione, il più famoso angelologo italiano.

L’incontro sarò aperto dal flauto “magico” del Maestro Mauro Uselli e introdotto dall’archivista Alessandra Derriu che dialogherà con Neria De Giovanni. Il 10 agosto alle ore 20,30 ci sarà il consueto incontro di poeti, giunto alla ottava edizione, per la notte di San Lorenzo, in ricordo di Giovanni Pascoli che a questa notte ha dedicato una famosissima poesia. Come nelle precedenti edizioni, gli scrittori leggereanno le loro poesie. Hanno già dato la propria adesione: Antonello Colledanchise, Tiziana Meloni, Raffaele Ciminelli, Giuseppe Sechi, Angela Baldino, Fatime Fiku, Cinzia Paolucci, Margherita Lendini, Marco Balbina, Marisa Castellini, Massimiliano Fois, Sergio Bolgeri, Carla  Casula, Antoni Canu.

Il 16 agosto sarà la volta di Antonio Maria Masia, presidente del Gremio dei sardi di Roma, e presidente del Premio di poesia di Ittiri con il suo libro Antiga limba, poesie e prose in sardo con traduzione in italiano dello stesso scrittore. Letture in sardo a cura dell’autore e in italiano di Alessandro Pala Griesche. 

Gavino Ruggiu ,  interpreta la canzone identitaria sassarese

Il 23 agosto sarà la volta di Concetta Casu, autrice di Roma, con il libro di poesie “Amati amando” che gode delle illustrazioni di tre artisti di fama internazionale e “Poesie di paesi e di pastori” di Domenico Marras: Neria De Giovanni ne parla con gli Autori.  

Antonello Colledanchise interpreta la canzone identitaria algherese.La Rassegna “Letture a Villa Edera 2019” chiuderà il 30 agosto con due scrittrici Nemapress: “La magia dei ricordi nascosti” di Maria Teresa Petrini e “Il mare segreto delle stelle” di Marella Giovannelli: Neria De Giovanni dialoga con le Autrici. 

Chiude la Rassegna il flauto traverso del Maestro Mauro Uselli. 
Tutti gli incontri, tranne la Notte dei poeti, avranno inizio alle ore 19,30 e si chiuderanno alle ore 20,30 con un brindisi con l’Autore offerto da Ivan Perella, direttore di Villa Edera.  Ingresso libero ad esaurimento posti.

S.I.

Mediterraneu, finalisti alla Silicon Valley

ALGHERO – “Tre giovani, giovanissimi algheresi andranno alla Silicon Valley per completare un percorso che ha visto trenta di loro formarsi per un lungo periodo e ormai già pronti per far crescere il territorio, mettendo insieme innovazione, ambiente, urbanistica, calati perfettamente nel contesto della comunità locale. Li ho visti all’opera, sviluppare progetti belli, attuabili, sostenibili, innovativi e confrontarsi con altri 12 ragazzi provenienti da tutte le aree del mediterraneo”. Cosi l’ex-sindaco Mario Bruno che informa sul progetto evidenziando anche che ieri ha sentito al telefono l’attuale Primo Cittadino Mario Conoci, “sono certo darà continuità e impulso all’iniziativa”.

“Il Progetto Mediterraneu sembrava un sogno: ha dato l’opportunità ai giovani di Alghero che ne hanno fatto domanda di sviluppare competenze trasversali e ha stimolato alla creazione di idee capaci di favorire la nascita di progetti utili per il territorio. E utili per i giovani stessi che sono cresciuti nella cultura d’impresa.  I 12 finalisti, dopo un percorso di incubazione all’interno della Rumundu Academy, presenteranno i loro lavori sabato prossimo. I primi tre andranno in Silicon Valley”.

“E io sono strafelice. Ci sono alcune cose infatti che non posso non sottolineare, perché vedere i progetti compiuti, soprattutto quelli che riguardano i ragazzi della città, fa immensamente piacere, anche perché pensati, perseguiti, realizzati collettivamente.  Ringrazio il presidente di Terzo Pilastro, Emmanuele Emanuele, il fondatore di Rondine, Franco Vaccari, l’animatore di Rumundu Stefano Cucca.”

Nella foto i ragazzi del progetto

S.I.

Marco Travaglio ad Alghero

ALGHERO – Il Fatto in Sardegna 10 anni dopo “Voi domandate, noi rispondiamo”. Appuntamento da Alghero questa domenica 30 giugno a Lo Quarter a partire dalle ore 21.00. Ci saranno, il noto giornalista e diretto del “Fatto Quotidiano” Marco Travaglio e Giorgio Meletti (giornalista) con l’avvocato e uomo di sinistra Elias Vacca. A 10 anni dalla nascita il tour dei giornalisti del Fatto nelle piazze d’Italia per confrontarsi con i lettori. L’ingresso all’evento è gratuito fino a esaurimento posti.

Nella foto Vacca e Travaglio in un precedente incontro ad Alghero

S.I.

Università e Biblioteca da rilanciare |video

ALGHERO – Una città che partecipa ambisce ad essere “Capitale della Cultura” non può permettersi di avere una biblioteca che non apre anche la sera. Non può avere una sola università con la stessa che ha da tempo necessità di essere riqualificata. Inoltre per rilanciare questo comparto sarebbe utile realizzare un evento come ad esempio un festival della letteratura connesso ovviamente ad altri segmenti artistici. Idee e proposte del buon senso e della logica avanzate in questi giorni da Andrea Columbano, candidato con Forza Italia alle elezioni comunali di questa domenica. Giustamente, secondo il giovane esponente azzurro, la situazione attuale non è congrua e idonea per poter valorizzare un settore che, invece, se non sostenuto, anch’esso, rischia di essere relegato in un angolo e non produrre, anche in termini turistici, quei feedback attesti da tempo.

Nella foto e video Andrea Columbano candidato in Forza Italia

S.I.