Fabri Fibra (il Vasco del Rap), un’esplosione di musica e parole: super show ad Alghero

ALGHERO – Fabri Fibra è il Vasco Rossi del rap. E non solo per la citazione di “Vita spericolata” contenuta nel brano, intitolato non a caso, “Come Vasco” dall’album “Squallor”, ma per la sua storia (musicale e personale), per la sua musica e per il modo di stare sul palco, il ferreo anticonformismo, per una vera gavetta e soprattutto la volontà di abbattere a colpi di testi scritti con grande maestria la diffusa italica ipocrisia. In casi come questi, rari in Italia, soprattutto oggi, il genere di appartenenza viene sgretolato dalla potenza delle parole e della musica. Nel primo caso, come detto, siamo davanti ad un vero “Maestro del verso”, un poeta moderno, che ricorda, la grande scuola romana di Colle der Fomento e soprattutto Onda Rossa Posse e dunque Militant A degli immensi Assalti Frontali e anche quella del nord con in testa Bologna e i Sangue Misto. Un “flow” diretto, mai scontato e dalla scrittura mai banale e scontata. A questo si aggiunge la musica con uno show che si rifà alla proposta basica ma devastante di alcuni tra i più grandi di sempre come Beastie Boys e Run Dmc ovvero “one mic, or more, e one dj” (in questo caso il dj Double S). L’essenziale che, però, nei casi dei più bravi basta e avanza. Ed è cosi anche per il rapper di Senigallia che, tramite le sua scaletta, ripercorre la storia anche dei 2mila presenti e festanti al concerto di Alghero. Un live, rientrante nella programmazione predisposta dalla Fonadzione Alghero e in questo caso Shining Production potente, esplosivo che ha fatto saltare, cantare e ballare tutti, giovani e meno che si sono ritrovati, ancora una volta, alla grande cerimonia in onore della buona musica e, perchè no, del divertimento.

Nelle foto di MAURO MADAU le immagini del concerto di ieri ad Alghero

 

  1. Intro (cielo)
  2. GoodFellas / Brutto Figlio Di / Sulla Giostra
  3. Cronico
  4. La pula bussò (Tradimento reloaded)
  5. Fenomeno
  6. Demo nello stereo
  7. Propaganda
  8. Stelle
  9. Pamplona
  10. Rap In Guerra
  11. Applausi Per Fibra
  12. Rap in vena
  13. Non crollo
  14. Non fare la puttan*
  15. Come Vasco
  16. Bugiardo
  17. Cocaine
  18. Verso altri lidi
  19. Yoshi
  20. Caos
  21. Fotografia
  22. Calipso
  23. Vip In Trip
  24. La soluzione
  25. Panico
  26. Stavo pensando a te
  27. Luna piena
  28. Tranne te
  29. Dalla A Alla Z

Ritorno alla grande per il classico “Ferragosto di Alghero”

ALGHERO – Un ritorno alla grande del “Ferragosto di Alghero”. Città pacificamente invasa da decine di migliaia di persone che si sono riversate sul Lungomare Barcellona, nell’area portuale, sui bastioni, nelle spiagge della riviera per assistere al tradizionale spettacolo dei fuochi pirotecnici. La macchina dei controlli è stata impegnata in diversi settori, in particolare sul fronte della viabilità e del presidio del territorio: Polizia Locale, Capitaneria di Porto, Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e i Barracelli in servizio notturno. Un week end che ieri ha visto il picco delle presenze per i fuochi organizzati in collaborazione con la Fondazione Alghero che hanno colorato il cielo di Alghero come da tradizione, quest’anno con un impatto sonoro che non ha superato il livello dei decibel stabilito dalla legge, così come assicurato dalla ditta che li ha realizzati.
“Alghero è sempre più attrattiva e lo dimostrano i dati dell’accoglienza nel territorio, e ieri la città ha onorato la tradizione con successo e con ogni attenzione affinché tutto procedesse nel verso giusto”, precisa il Sindaco di Alghero Mario Conoci, che ringrazia “tutti coloro che si sono impegnati per rendere possibile la grande festa popolare: dalle forze di polizia e militari al personale del servizio di igiene urbana, a tutti coloro che con il loro impegno hanno garantito il divertimento di tantissimi”. Per l’azienda che gestisce il servizio di pulizia della città, ieri sera e stamani fin dalle prime ore del mattino si è trattato di un superlavoro, specialmente nell’area interessata dall’evento. Fino alle 2 di notte, diversi addetti hanno lavorato allo svuotamento dei cestini portarifiuti, mentre dalle prime ore del mattino è iniziata la pulizia e il lavaggio con l’idro- pulitrice delle zone con maggiori presenze. Un dato che esplicita meglio il carico antropico è quello del ritiro della frazione umida di ieri, che ha toccato quota 700 quintali, ben oltre ogni previsione. “Alghero che ritorna ad essere la capitale del turismo che è stata – conclude il primo cittadino –  vuol dire lavoro ed economia ma questo deve anche essere coniugato col rispetto della città e del territorio”.

Spettacolo ad Alghero, 40 anni di storia new wave e rock per l’addio dei Litfiba

ALGHERO – Era da tempo che non si vedeva cosi tanta gente festosa, adulta, ad un grande evento. Certo, quest’anno Alghero, così come molte località sono state prese d’assalto, ma un conto sono le passeggiate, ristoranti, locali, cene tra amici, etc, altro discorso è ritornare a condividere un momento conviviale e culturale come un vero concerto. Suonato da una band con batteria, basso, chitarra, tastiere e voce. Cose che parevano superate, d’antan, antiche e invece tutt’altro. Il concerto dei Litfiba, all’interno del programma predisposto dalla Fondazione Alghero in questo caso con Insula Events, è stato, ad oggi, quello con più pubblico (5.000 ingressi) e probabilmente lo sarà fino alla fine della stagione. C’è da considerare che era una data del tour dell’addio, dopo 40 anni di storia della musica non solo italiana, ma bisogna anche evidenziare che c’era, e c’è, voglia di musica, quella vera, suonata e perfino rock o perfino oltre. Musica che entusiasma e, a prescindere dalla sua realizzazione (con strumenti classici o elettronica) che ha una storia, fa emozionare, non fugace, ma che resta impressa per molto per sempre. 

E i Litfiba rappresentano anche tutto questo. Non da oggi, anzi, in particolare nei loro esordi che, come noto ai suoi fans, con la “triade” Desaparecido, 17 Re e Litifiba 3 e l’ep Eneide e poi l’eccezionale live Aprite i vostri occhi, hanno impresso un’impronta non cancellabile nella storia della musica moderna. Consci di questo immenso valore, ma nonostante l’assenza dei maestri fondatori Aiazzi alle tastiere e Maroccolo al basso, oltre che il compianto Ringo de Palma alla batteria, ricordato nel concerto di Alghero, i Litfiba degli ultimi lustri ovvero Piero Pelù e Ghigo Renzulli, hanno costruito un live d’addio esplosivo ed emozionante con cui è stata ripercorsa la storia pluridecennale della band fiorentina. Instanbul, Tex, Woda Woda, Apapaia, Bambino, Paname (contro la guerra del tiranno Putin) e la chiusura come un uragano con Resta. Un ultimo concerto in Sardegna che resterà nella storia e non solo perchè non ne seguiranno (salvo sorprese) degli altri nei prossimi anni, ma anche perchè, come detto, a parte qualche necessario aggiustamento legato ai punti bar, acqua e ristori, e l’eccessivo caldo afoso, è stata una grande bellissima cerimonia in onore della musica. 

Foto di Piero Pelù nel concerto di Alghero di MAURO MADAU

Martedi all’Anfiteatro di Maria Pia: Massimo Pericolo e Big Mama

ALGHERO – La 24^ edizione del festival Abbabula è sbarcata ad Alghero con 5 date top ospitate nel rinnovato anfiteatro intitolato a Ivan Graziani e inserite nel cartellone dell’Alguer Summer Festival, organizzate in collaborazione con Shining Production e Fondazione Alghero. Domani, 02 agosto, la seconda serata in programma con lo straordinario Massimo Pericolo e la dirompente Bigmama (apertura affidata a Ribi): due interpreti e autori unici nel loro essere ma capaci di sovvertire, sconvolgere e coinvolgere le generazioni che hanno davanti.

Si continua poi con Ernia e Lowred (04 agosto), passando per gli Psicologi e Bandito (06 agosto) e via sino alla conclusione affidata a “Pensieri e Parole”, l’omaggio a Lucio Battisti di Peppe Servillo e a “Cartas de Amor” di Franca Masu, in programma il 9 agosto a lo Quarter.

Folla in tripudio per la prima algherese: sul palco Tananai e Villabanks – Mavie ha aperto il concerto – hanno dato forma e spazio all’entusiasmo di una giovane e colorata platea, in quella che rappresenta solo la prima tappa di una lunga estate in musica che parlerà la lingua di Abbabula, alla scoperta dei fenomeni musicali del momento (italiani e local).

Biglietti disponibili online sui circuiti di biglietteria elettronica TicketOneMailticket, nei punti vendita Box Office Sardegna, presso l’Atelier#3 (via Carlo Alberto 84) ad Alghero e la sede di Sassari della cooperativa Le Ragazze Terribili (via Roma 144) dove è disponibile la formula “carnet” che permette di acquistare i ticket per spettacoli diversi usufruendo di un prezzo speciale ridotto.

Location ideale per i grandi eventi, sarà accessibile attraverso due ingressi: uno riservato al pubblico in Viale Primo Maggio, fronte spiaggia, e uno in via Viale Burruni per l’ingresso vetture all’interno del parcheggio dedicato ( circa duecento gli stalli disponibili). L’anfiteatro algherese è raggiungibile grazie ad un servizio bus navetta – attivo in tutte le giornate dei concerti – con partenza da via Catalogna alle 19.30 e alle 20.30 e rientro – orientativamente per l’una di notte, in ogni cso al termine dello show al costo A/R di 5 euro. Info 079/982030 e 345/0800405.

All’interno dello spazio saranno disponibili diversi punti ristoro dedicati al food & beverage a disposizione del pubblico.  Cancelli aperti a partire dalle ore 20 di ogni singola serata; biglietteria arena aperta a partire dalle ore 19.30. Ingresso gratuito per bambini sino a 7 anni di età, ridotti dagli 8 agli 11 anni. Per prenotazioni ridotti e spazio disabili infoline 079/278275

Dopo 10 anni ripartono i grandi live a Maria Pia: le parole di Delogu

“ALGHERO – “Ieri all’anfiteatro Ivan Graziani si respirava un’atmosfera fantastica, sentire tantissimi giovani cantare dalla prima all’ultima strofa delle canzoni di Tananai e di Villabanks dava sensazioni splendide! L’anfiteatro restituito alla città è un luogo bellissimo che può e deve diventare uno spazio di aggregazione per tutti!
Grazie al sindaco Mario Conoci all’Assessore Antonello Peru, al Dirigente Gianni Balzano e alla Geometra Ingrid Crabuzza che hanno raggiunto. In 4 mesi l’obiettivo di rendere fruibile dopo 10 questi spazio!
Grazie a tutto il Team della Fondazione che ha lavorato al 110% in quest ultimo periodo ( in realtà superano sempre il 100% ma stavolta hanno dato ancora di più!!
Grazie a Barbara, Rosanna, Gabriella e a tutte le ragazze terribili per aver creduto in Alghero e aver portato qui il loro Festival Abbabula!
Grazie a Fulvio De Rosa e Valerio Bonalume della Shining Production, impeccabili organizzatori!
Grazie soprattutto a tutte le ragazze e ai ragazzi per lo spettacolo che ci hanno offerto ieri, di gioia, di educazion”.

Andrea Delogu, presidente Fondazione Alghero 

Grandi eventi, riapre l’Anfiteatro a Maria Pia: ecco tutte le informazioni

ALGHERO – A distanza di circa dieci anni l’Anfiteatro Ivan Graziani di Maria Pia, rinnovato e riqualificato grazie all’intervento dell’Amministrazione comunale di Alghero, riapre agli spettacoli ed ai grandi eventi. 15 i concerti programmati tra agosto e settembre, quattro i festival che si alterneranno proponendo i nomi più popolari dell’estate 2022, gli idoli dei teeneger, le stelle nascenti del panorama trap e rap nazionale e i grandi nomi della musica italiana, il ritorno di uno dei live più impattanti, quello dei Subsonica, fino al rock energico di Gianna Nannini e dei Litfiba.

Si parte sabato 30 luglio con l’attesissimo concerto di Tananai e il dj set di Villabanks: cancelli aperti a partire dalle ore 20 e biglietteria all’interno dell’anfiteatro disponibile a partire dalle ore 19.30. A seguire, Massimo Pericolo e Big Mama (2 agosto)Ernia (4 agosto)Psicologi  (6 agosto)Irama  (8 agosto)Madame + Chiello  (10 agosto), la Zarro Night feat Il Pagante  (12 agosto)Litfiba  (13 agosto) , Fabri Fibra  (16 agosto), Rkomi  (20 agosto), Gianna Nannini (24 agosto),  Subsonica (26 agosto), FulminacciGaia e Mr.Rain (9 settembre)Ariete Venerus e Angelina Mango (10 settembre)La Rappresentante di ListaDitonellapiaga e Caffellatte (11 settembre). Spazio anche alla grande comedy italiana con l’atteso spettacolo di cabaret di Andrea Pucci (21 agosto).

Sarà la Fondazione Alghero, in collaborazione con Shining Production, Cooperativa Le Ragazze Terribili, Roble Factory, Insula Events a gestire l’area esterna al Pala Congressi. Due gli ingressi autorizzati: il primo riservato al pubblico direttamente sul Viale Primo Maggio, fronte spiaggia, l’altro in corrispondenza della rotatoria per Fertilia e Viale Burruni per l’ingresso all’area parcheggi (circa duecento gli stalli interni disponibili). Per raggiungere l’Anfiteatro Ivan Graziani nei giorni di apertura dei cancelli sarà disponibile dal centro città un bus navetta con partenza da Via Catalogna alle ore 18.30 e 19.30 e rientro al termine dei concerti (prezzo euro 5), prenotazioni +39 079982030 e +39 345 0800405.
Il programma completo con tutti i dettagli dei singoli eventi del cartellone #algheroexperience e le informazioni per l’acquisto dei biglietti dei vari concerti e spettacoli sono disponibili su www.algheroturismo.it e presso l’Atelier #3 | Alghero Turismo Bookshop in Via Carlo Alberto, 84 tutti i giorni dalle ore 18 alle 21 ed il sabato anche la mattina dalle ore 10 alle ore 13.

Al via ad Alghero il Festival Abbabula, apre Tananai a Maria Pia

ALGHERO – La 24^ edizione del festival Abbabula si prepara a sbarcare ad Alghero con 5 date top inserite nel cartellone dell’Alguer Summer Festival organizzato in collaborazione con Shining Production e Fondazione Alghero e ospitato nel rinnovato anfiteatro intitolato a Ivan Graziani.

Si comincia il 30 luglio con Tananai e Villabanks, poi Massimo Pericolo Bigmama (02 agosto), quindi Ernia e Lowred (04 agosto), passando per gli Psicologi e Bandito (06 agosto) e via sino alla conclusione affidata a “Pensieri e Parole”, l’omaggio a Lucio Battisti di Peppe Servillo e a “Cartas de Amor” di Franca Masu, in programma il 9 agosto a lo Quarter.

Una lunga estate in musica che parlerà la lingua di Abbabula, alla scoperta dei fenomeni musicali del momento (italiani e local).

Biglietti disponibili online sui circuiti di biglietteria elettronica TicketOneMailticket, nei punti vendita Box Office Sardegna, presso l’Atelier#3 (via Carlo Alberto 84) ad Alghero e la sede di Sassari della cooperativa Le Ragazze Terribili (via Roma 144) dove è disponibile la formula “carnet” che permette di acquistare i ticket per spettacoli diversi usufruendo di un prezzo speciale ridotto.

Location ideale per i grandi eventi, sarà accessibile attraverso due ingressi: uno riservato al pubblico in Viale Primo Maggio, fronte spiaggia, e uno in via Viale Burruni per l’ingresso vetture all’interno del parcheggio dedicato ( circa duecento gli stalli disponibili). L’anfiteatro algherese è raggiungibile grazie ad un servizio bus navetta – attivo in tutte le giornate dei concerti – con partenza da via Catalogna alle 18.30 e alle 19.30 e rientro al termine dello show al costo A/R di 5 euro. Info 079/982030 e 345/0800405.

All’interno dello spazio saranno disponibili diversi punti ristoro dedicati al food & beverage a disposizione del pubblico.  Cancelli aperti a partire dalle ore 20 di ogni singola serata; biglietteria arena aperta a partire dalle ore 19.30. Ingresso gratuito per bambini sino a 7 anni di età, ridotti dagli 8 agli 11 anni. Per prenotazioni ridotti e spazio disabili infoline 079/278275.

Nella foto Ernia

Vibes and Waves, giovedi New Candys e Fenech

SASSARI – Il “Vibes and Waves” è una travolgente onda in musica che s’alza al tramonto e sommerge di suoni e vibrazioni positive tutta la baia di Porto Ferro, trasportando in pubblico in viaggi sonori alla ricerca del gusto e dello spunto che possono fare la differenza.

Il prossimo 28 luglio, a “timonare la baia” alla scoperta di un nuovo approdo sonoro illumina dal tramonto, ci saranno i New Candys, un colpo da maestro che regala a Porto Ferro uno dei fenomeni più intriganti dell’intero panorama musicale internazionale, poggiato sull’equilibrio piacevolmente instabile fra alternative rock e psichedelia. Ad aprire il loro concerto, toccherà invece a Fenech.

New Candys nascono a Venezia circa 13 anni fa. Sono la voce e chitarra Fernando Nuti, la chitarra e i cori di Andrea Volpato, il basso di Alessandro Boschiero e la batteria, le percussioni e il sampler di Dario Lucchesi. Cinque album all’attivo. Il 2011 salgono sul palcoscenico del Mi Ami Festival di Milano. Un concerto dopo l’altro. Li intervista John Vignola su “Twilight”. Sono già piccolo fenomeno di nicchia. Il secondo disco porta in dote gli applausi di Butler dei Primal Scream ed esibizioni in tutta Europa. Terzo album nel 2017. Entra a far parte del gruppo Andrea Volpato. Sbarcano in Australia, ancora negli States, nei Balcani per la prima volta e in Messico. “Vyvyd” è il loro quarto disco, miraggio e masterizzazioni sono da Grammy Award. L’Italia impazzisce, i supporti li diffondono, Iggy Pop li manda in radio. LA consacrazione di uno stile unico e di un mood talmente affascinante da superare generi e confini pur di abbracciare le platee di tutto il mondo. Porto Ferro compreso.

Il festival “Vibes and Waves” – creatura generata dall’animo di Danilo Cappai, operatore socioculturale e anima del Baretto, con Marco AlessandriniGiuseppe Cappio e Francesco Melis – mette in pausa il nastro e aspetta di riaccendere l’impianto per un finale in grande stile: il 26 agosto con A/LPACA & Ultima Thule.

Il “Vibes and Waves” è evento giunto alla sua quinta edizione, organizzato dallo staff del Baretto e dell’omonima Associazione e realizzato grazie alla partecipazione della Fondazione Banco di Sardegna ed al presente supporto di centinaia e centinaia di fan che in questo festival hanno trovato la risposta alla loro ricerca, alla loro estate da trascorrere fronte palco.

Maria Pia, rivive l’Anfiteatro in attesa di altri servizi. Sabato il primo evento: parla Delogu |video

ALGHERO – Sabato 30 luglio, dopo oltre 10 anni, ritornerà a vivere l’Anfiteatro del Palazzo dei Congressi di Maria Pia (intitolato a Ivan Graziani). Un’area che negli anni delle amministrazioni Tedde propose, grazie al rapporto virtuoso tra l’Amministrazione Conunale (con l’assessore Constatino che “inventò” i grandi eventi insieme al suo successore, ora sindaco, Mario Conoci),  alcune importanti agenzie nazionali e organizzatori locali e poi anche all’allora neonata Fondazione Meta (guidata dall’attuale presidente, Andrea Delogu), alcuni tra i nomi più importanti della musica internazionale andando a strutturare importanti flussi turistici grazie anche ai voli Ryanari con collegamenti con Inghilterra e Germania. Un’arena che, se avesse continuato ad ospitare eventi musicali e non solo (danza, cabaret, etc) sarebbe, ad oggi, uno delle location più importanti d’Italia e oltre.

Invece, quella straordinaria area, a due passi dal mare, tra Alghero e Fertilia, tra due porti e a pochi minuti dall’aeroporto, è stata abbandonata. Ora, per scelte, già indicate in campagna elettorale e più volte sottolineate ad esempio da Algheronews, l’anfiteatro ritorna a vivere. E non solo quello. Infatti, cosa anch’essa già indicata da tempo e su cui l’amministrazione Bruno stava lavorando alla fine del suo mandato, sarebbe utile recuperare l’intero spazio esterno che potrebbe offrire un vero parco sul mare con punti per la ristorazione, area pic-nic, musica (per band e artisti locali) e giochi per i bambini. Insomma, come diciamo da tempo, Mari Pia, sempre nel rispetto delle prerogative ambientali e paesaggistiche, deve diventare il luogo per decentrare l’offerta di alcuni servizi rispetto al centro città a partire dall’intrattenimento musicale, culturale e svago.

Nel frattempo, come detto, sabato scorso c’è stato il passaggio ufficiale della struttura dal Comune alla Fondazione Alghero. Alla presenza degli assessori Peru, Cocco, Caria e del Sindaco Conoci e presidente della F0ndazione Alsghero Delogu, c’è stata la consegna dell’opera che è stata ultimata nei tempi previsti. E proprio questo sabato con uno degli idoli dei giovani d’oggi ovvero Tananai vedrà il ritorno della musica, luci, pubblico, insomma della vita di un luogo che per Alghero, in attesa di un recupero (almeno parziale del Palacongressi) e dell’area adiacente (con anche qualche nuova struttura ricettiva), può, deve e dovrà rappresentare tanto.

 

 

“Cinema delle terre del mare” ad Alghero, al via il festival

ALGHERO – Taglio del nastro, sabato 23 luglio, per l’edizione 2022 di “Cinema delle terre del mare”, il festival della Società Umanitaria di Alghero che propone quest’anno quattro intense giornate di musica, incontri, performance e proiezioni vista mare nelle spiagge più suggestive della Riviera del Corallo, nel centro storico de l’Alguer.

E proprio da piazzale Lo Quarter che alle 21,30 comincia il viaggio di quest’anno, con un concerto dedicato alle grandi musiche di Ennio Morricone. Sul palco il Luigi Frassetto Quartet, con un repertorio capace di spaziare tra le melodie immortali di un grande maestro che ha legato il suo nome ai più importanti film della storia del cinema.

Dai suoni eterei di C’Era Una Volta In America alle sperimentazioni musicali per Vittorio De Seta e Dario Argento, dal lounge di Metti Una Sera A Cena al grottesco dei film di Elio Petri, fino alle cavalcate epiche della “trilogia del dollaro”, il Luigi Frassetto Quartet esplora il mondo morriconiano attraverso una ricerca avventurosa di timbri e colori musicali, seguendo il solco tracciato dal grande compositore di musiche per il cinema.

In scena il compositore e musicista Luigi Frassetto (arrangiamenti, chitarre, vocoder), Marco Testoni(tastiere, theremin, chitarra acustica), Edoardo Meledina (basso elettrico, contrabbasso, campionatore), Lorenzo Falzoi (batteria, percussioni).  

«Ennio Morricone – spiega Frassetto – era per l’Italia uno degli esempi più splendidi di creatività, rigore e rispetto per l’arte. Con lui se n’è andato tutto un mondo: quelle musiche, quelle orchestre, perfino quel cinema, non ci sono più, ed è nostro dovere preservarne la memoria per trapiantarla nel mondo d’oggi».

A seguire, dalle 23 circa, la prima proiezione di questa edizione che segna il rinnovarsi del sodalizio con Alpe Adria Cinema – Trieste Film Festival. Sullo schermo uno degli esordi più importanti della scorsa stagione cinematografica, Premio Caméra d’Or per la migliore opera prima al Festival di Cannes 2021: Murina di Antoneta Alamat Kusijanović, una produzione internazionale che coinvolge Croazia, Brasile, Stati Uniti e Slovenia. Il film, ambientato in un’isola al largo della costa della Croazia, è la storia di formazione di Julija, un’adolescente inquieta succube di un padre oppressivo. Per lei le cose cambieranno con l’arrivo di un affascinante amico di famiglia.

«Il festival – spiega la direttrice artistica Alessandra Sento – quest’anno riconquista l’originaria forma itinerante, quella di un viaggio fisico e ideale a bordo del cinema, dal centro città verso Capo Caccia. Un viaggio in cui cosa vedere è importante tanto quanto dove, in quale luogo, e vicino a chi. Perché Cinema delle terre del mare, per noi, non è solo un festival, ma un altro modo di amare l’sola, di fare i conti con la memoria,  di immaginare il futuro».  

PROGRAMMA

SABATO 23 LUGLIO

ORE 21,30

PIAZZALE LO QUARTER

Evento di apertura del Festival

Luigi Frassetto Quartet suona Ennio Morricone

Di e con Luigi Frassetto (arrangiamenti, chitarre, vocoder), Marco Testoni (tastiere, theremin, chitarra acustica), Edoardo Meledina (basso elettrico, contrabbasso, campionatore), Lorenzo Falzoi (batteria, percussioni)

ORE 23,00

PIAZZALE LO QUARTER ORE

Night on earth Murina di Antoneta Alamat Kusijanović

[Croazia, Brasile, Stati Uniti, Slovenia, 2021, 96’] o. v. | sub. it

Premio Caméra d’Or per il miglior film d’esordio al Festival di Cannes 2022

In collaborazione con Alpe Adria Cinema – Trieste Film Festival

DOMENICA 24 LUGLIO

ORE 9,00

VILLA LAS TRONAS

Alghero Città del Cinema Itinerario di cineturismo

Un’idea della Società Umanitaria di Alghero a cura di Nadia Rondello della Società Umanitaria di Alghero e Maria Cau di A S’Andira

Richiesta la prenotazione: sms +39 328 92 26 392 | email asandira@gmail.com

ORE 10.30

SALA CONFERENZE LO QUARTER

Indie Atlantide di Yuri Ancarani

[Italia, 2021, 104’] o.v.

Presentato in anteprima nella sezione Orizzonti alla 78ma Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia

ORE 18.30

SALA CONFERENZE LO QUARTER

Indie Transumanze di Andrea Mura

[Italia, 2021, 52’] o.v. | sub. en

Premio Mònde – Festa del Cinema sui Cammini 2021

Menzione speciale Fiorenzo Serra Film Festival 2021

Interviene il montatore Ambrogio Nieddu

ORE 21.00

CAMPERKIDS – SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI LIDO

Cinema errante… sotto un cielo stellante Rassegna cinematografica per bambini dai 5 ai 10 anni

Un’idea dell’Associazione Fuori di Camper

Richiesta la prenotazione: +39 349 63 34 711

Il giro del mondo in 80 giorni di Samuel Tourneux

[Francia, Belgio, 2021, 82’] v. it

ORE 22.00

LE NINFE – SPIAGGIA MUGONI

Night on earth Memory box di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

[Francia, Libano, Canada, 2021, 102’] o.v. | sub. it

LUNEDÌ 25 LUGLIO

ORE 5.00

SPIAGGIA MARIA PIA

All’alba del cinema

Di Ignazio Chessa. Con Ignazio Chessa (attore), Lucia Cocco (danzatrice), Fabio Loi (scenografo e costumista)

ORE 10.30

SALA CONFERENZE LO QUARTER

Indie Flee di Jonas Poher Rasmussen

[Danimarca, Francia, Svezia, Norvegia, Stati Uniti, Slovenia, Estonia, Spagna, Italia, Finlandia, 2021, 89’] o.v. | sub. it

Premio per il miglior documentario straniero al Sundance Film Festival 2021

ORE 18.30

SALA CONFERENZE LO QUARTER

Indie PescAmare di Andrea Lodovichetti

[Italia, 2019, 60’] o.v. | sub. it

Menzione speciale Fiorenzo Serra Film Festival 2019

Interviene il regista Andrea Lodovichetti

ORE 21.00

CAMPERKIDS – SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI LIDO

Cinema errante… sotto un cielo stellante Rassegna cinematografica per bambini dai 5 ai 10 anni

Un’idea dell’Associazione Fuori di Camper

Richiesta la prenotazione: +39 349 63 34 711

Azur e Asmar di Michel Ocelot

[Francia, Belgio, Spagna, Italia, 2006, 99’] v. it

ORE 22,00

PIAZZA VENEZIA GIULIA – FERTILIA

Night on earth Fertilia istriana di Cristina Mantis

[Italia, 2021, 35’] o.v. | sub. en

Intervengono la regista Cristina Mantis e la sceneggiatrice Daniela Piu

In collaborazione con il Comitato di quartiere Fertilia – Arenosu, Centro Commerciale Naturale e Comitato Festeggiamenti San Marco Fertilia

MARTEDÌ 26 LUGLIO

ORE 9.00

SCALO TARANTIELLO

Alghero Città del Cinema Itinerario di cineturismo

Un’idea della Società Umanitaria di Alghero a cura di Nadia Rondello della Società Umanitaria di Alghero

Richiesta la prenotazione: sms +39 328 92 26 392 | email asandira@gmail.com

ORE 10,30

SALA CONFERENZE LO QUARTER

Indie Rien à foutre di Julie Lecoustre ed Emmanuel Marre

[Belgio, Francia, 2021, 110’] o.v. | sub. it

ORE 18,30

SALA CONFERENZE LO QUARTER ORE

Indie Ananda di Stefano Deffenu

[Italia, 2020, 60’] o.v. | sub. it

Interviene il regista Stefano Deffenu

CAMPERKIDS – SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI LIDO

Cinema errante… sotto un cielo stellante Rassegna cinematografica per bambini dai 5 ai 10 anni

Un’idea dell’Associazione Fuori di Camper

Richiesta la prenotazione: +39 349 63 34 711

La canzone del mare di Tomm Moore

[Irlanda, Danimarca, Belgio, Lussemburgo, Francia, 2014, 93’] v. it

ORE 22,00

STABILIMENTO ROSANNA – SPIAGGIA MARIA PIA

Night on earth El ventre del mar di Agustí Villaronga

[Spagna, 2021, 78’] o.v. | sub. it a cura di Emanuela Forgetta

Interviene l’attore protagonista Roger Casamajor

Anteprima de El Cicle Gaudí a l’Alguer. In collaborazione con Académia del Cinema Català, Generalitat de Catalunya Delegació del Govern a Italia e Plataforma per la Llengua