Turismo: tempo evaporato, agire subito

ALGHERO – “Ferme ad osservare l’orizzonte, a scrutare quella linea lontana, lontanissima, pronte a cogliere un movimento, un’azione, un segnale. Le imprese sono lì, sulla linea di battigia, che tengono di lato le preoccupazioni e si concentrano sul come pianificare laripartenza. Già, il come” Così l’ex-sindaco di Alghero Stefano Librano sulla gave condizione delle imprese.

“Fra le aziende a più alto tasso di relazione personale le aziende maggiormente esposte alla complessità delle procedure di riapertura saranno certamente quelle del settore turistico-ricettivo. Soprattutto per queste aziende il “come” è l’unica cosa che può determinare la scelta di aprire o meno, di sperare di offrire il miglior servizio erogabile, di almeno contenere le perdite, in pratica, per dirla come in una scena di un film di 007, di saltare sulla testa dell’alligatore e raggiungere la terra ferma”.

“Ma c’è di più. Fra le imprese del ricettivo-turistico, quelle che guardano all’orizzonte per avere il segnale del “come”, sentono che è possibile cogliere nuove opportunità. Ma quali sono le necessità per dare sostanza alla ripartenza delle nostre aziende”

“In assoluto, per prima cosa serve sapere quando, la data in cui si riparte. Non esiste capacità di programmazione senza avere il riferimento temporale; senza una tempistica precisa, tutta la pianificazione resta sospesa e rischia di essere inapplicabile”.

“Occorre poi conoscere il prima possibile e con certezza le procedure di gestione del cliente, da quando arriva in aeroporto o al porto fino alla struttura ricettiva e dentro la struttura. Quale sarà, se vi sarà, un numero massimo di clienti che alberghi, residence, campeggi, agriturismo e B&B potranno ospitare.Soprattutto quali saranno le procedure e le conseguenze in caso di rilevamento di caso sospetto o conclamato di contagio di uno o più clienti?”

“Per le aziende la liquidità finanziaria equivale al sangue per il corpo umano. La pandemia ha creato una emorragia nelle imprese che devono ricostituire quanto perso. Per sopravvivere, oggi, si ha la necessità non di sacche di plasma, ovvero di prestiti da restituire tra 72 mesi. La trasfusione deve essere fatta prevalentemente a fondo perduto per almeno il 70% degli importi erogati, con preminenza per gli investimenti e per il costo del personale, perché ciò che oggi si immette in termini di liquidità nelle aziende non serve a generare un di più, ma semplicemente a colmare quanto sta mancando per la chiusura totale di produzione e vendita”.

In più, per la Sardegna, sono essenziali i trasporti. E’fondamentale poter disporre, nel momento in cui tutto riparte, delle informazioni utili al mercato per sapere quali siano vettori, rotte e orari per effettuare le prenotazioni. In tal senso ci piace pensare che vi sia già un piano in atto, messo in piedi dalla Regione, perché se così non fosse non ci sarebbe tempo per recuperare.  

“Abbiamo di fronte una rara occasione per rafforzare ancora di più il posizionamento della Sardegna nell’ideale degli italiani e degli stranieri. Il 2020 sarà un anno ad elevato tasso di domanda interna, nazionale. Gli italiani sono tutto il giorno, tutti i giorni collegati alla rete. Credo che avviare, con costi contenuti, un racconto della nostra Isola in termini naturalistici, di paesaggio, di tradizioni, di cultura, di cibo, di persone, di volti, di voci e di suoni da far divulgare in rete, direttamente e anche attraverso gli operatori sardi, darà ancor di più forza all’idea che oggi, soprattutto in Italia, il sogno della ripartenza è legato ad un sogno che è realtà e si chiama Sardegna

“Quelli sopra descritti sono tutti aspetti che devono essere definiti e implementati con la massima rapidità; i tempi sono evaporati e bisogna avviare queste azioni. La chiamino task-force o unità di crisi, l’importante è che si agisca nella consapevolezza delle cose, dei modi e dei tempi che servono”

Crisi “fuori casa”, la ricetta di Horeca alle Istituzioni

ALGHERO – Il settore economico del “fuori casa” ad Alghero vuole reagire alla crisi e ripartire. Per utilizzare una metafora in linea col momento che stiamo attraversando, siamo di fronte ad un corpo in stato comatoso. Una volta cuore pulsante del tessuto economico, oggi il settore dell’accoglienza si trova coi battiti al minimo. Pur essendo la situazione del paziente molto critica, la ricetta per uscirne con grande caparbietà è stata messa nero su bianco da un medico d’eccezione: il Comitato Horeca.

Restando nella terminologia medica, il nutrito gruppo di imprenditori (oltre un centinaio tra bar, ristoranti, locali, negozi, etc.) ha definito un percorso suddiviso in tre fasi: pronto soccorso, degenza e riabilitazione. Tramite una piattaforma web, in video-conferenza, col supporto del progetto “EuPuru!” finanziato dalla Fondazione di Sardegna, ieri tutte e tutti i protagonisti di questo sodalizio, hanno discusso ed approvato un documento importantissimo per affrontare la crisi post-coronavirus delle imprese Horeca di Alghero ed anche per provare ad immaginare il loro futuro in una città che dovrà reagire e possibilmente tornare ad essere a tutti gli effetti quello che merita di essere: una importantissima destinazione turistica del Mediterraneo e dell’Europa.

“Non credevamo di avere un così grande riscontro – ha commentato uno dei referenti del progetto Enrico Daga – ma è evidente che, nonostante la devastante crisi attuale e anche ciò che erano le difficoltà già presenti in questo territorio, c’è una grande voglia di reagire, senza aspettare troppo, ma accogliendo tutti, pronti alle sfide che ci attendono per riportare in vita le nostre attività e dunque un tessuto economico, oggi, in stato grave pericolo, – e chiude Daga – siamo sognatori e amanti veri della nostra città e territorio, questo è il motivo della nostra unione”. Da questo momento partirà la seconda fase, ovvero la presentazione dell’elaborato alle Istituzioni e l’avvio di progetti autonomi delle imprese in rete.

Nasce Pensa, associazione per il rilancio delle imprese

SASSARI – È nata l’associazione P.E.N.SA, che si pone l’obbiettivo di dare voce alle attività del settore HO.RE.CA. in questo momento di storica incertezza e difficoltà. Questo settore, rappresentato da una molteplicità di aziende, quali bar, ristoranti, strutture alberghiere e tutto il comparto di imprese che ruota attorno ad esse, si unisce per poter dare il proprio contributo in questa fase di rilancio.

Tra le prime attività di P.E.N.SA, ci sarà la presentazione di un documento che manifesterà le maggiori criticità che le attività stanno affrontando in questa fase di chiusura quasi totale. Tale documento inoltre intende indirizzare, tramite precise e concrete proposte, le amministrazioni sulle tipologie di soluzioni ed interventi immediati, a favore delle aziende da noi rappresentate.P.E.N.SA ad oggi consta di 12 soci fondatori, imprenditori del territorio uniti sottoun’unica bandiera, che lotteranno per la medesima causa. L’operatività di tale organizzazione non sarà limitata al periodo di emergenza chestiamo affrontando, lavoreremo per la crescita esponenziale del movimento.

Questo grande comparto di imprese, storicamente sempre poco coeso, avràfinalmente l’opportunità di poter lavorare a stretto contatto con obbiettivi comuni, eaccedere a molteplici vantaggi e informazioni dati dalla forza e dall’unione di tutti gli imprenditori che ne faranno parte. Gli esercenti che hanno dato vita all’associazione sono Marco Porqueddu, Claudio Cassitta, Roberto Sias, Alberto Fois, Fabio Muresu Giuseppe Marras, Antonio Paoni, Gianluca Manchia, Giuseppe Marras Roberto Piseddu, Marco Corda e Massimiliano Cilia.

Balneari, nuovo appello a Solinas: fateci lavorare

ALGHERO – “Una volta superata la fase acuta del contagio, inizierà quella di convivenza con il Virus che prevederà dei protocolli di sicurezza da rispettare in tutti i luoghi di lavoro”. Il consigliere comunale Giovanni Monti interviene nuovamente per ricordare quanto già scritto sia da lui che dal Sib con Fabio Fois. Non è chiaro cosa si attenda ancora e perchè non vengano ascoltati esponenti eletti dai cittadini e le rappresentanze sindacali rispetto a passaggi indispensabile per poter evitare il collasso delle attività. Fatto che dovrebbe vedere tutti dalla stessa parte, del resto non possono bastare due esigue mensilità a salvare l’economia sarda e in questo caso algherese.

“È inutile continuare a parlare di “fase 2″se non si programma la ripartenza. In questo contesto occorre mettere i balneari in condizione di operare non solo per la loro stessa sopravvivenza ma soprattutto per la filiera. I balneari hanno bisogno di circa 30 giorni di tempo per effettuare le manutenzioni e allestimenti. Concedere una deroga a questi lavori significa dare un’opportunità di salvare il salvabile in questa stagione già compromessa, e rimette in azione le imprese del comparto.

“La regione Liguria autorizza le installazioni e allestimenti in stabilimenti balneari, lo prevede un decreto firmato dal governatore della regione Liguria Giovanni Toti. Serve autorizzare i balneari alle manutenzioni e installazioni anche in Sardegna, lavori di manutenzione e installazione ovviamente svolti in totale sicurezza. Il nostro presidente della regione Cristian Solinas deve concedere urgentemente una deroga a questi lavori.
Bisogna farsi trovare pronti!”

Liquidità subito e turismo più attento, ecco la rotta

ALGHERO – “Tempo sospeso, si sente solo il rumore dei pensieri che girano come le ruote dentate degli ingranaggi delle macchine di un tempo, per niente silenziose. Un primo risultato della pandemia è che tutti, a prescindere dal proprio ruolo, si pongono le stesse due domande: “quando?” e “come?” Vi è un desiderio immenso di voler tornare a muoversi e di riprendere a viaggiare, direttamente proporzionale al desiderio di poter accogliere e ospitare”. E’ l’ex-sindaco Stefano Lubrano a indicare la rotta (una di quelle da seguire) per poter uscire dall’attuale tempesta che, se non affrontata nel migliore dei modi, rischia di far affondare tutti.

“Serve una data e serve liquidità a breve; queste sono le due uniche cose per consentire a tutti di pensare che tale desiderio possa davvero avverarsi. Molte persone non riusciranno a liberarsi dal timore, dalla paura, pensando al virus come una cosa sempre incombente, altri invece lo considereranno una eventualità con cui si può convivere”.

“Nella quotidianità della routine vacanziera del turismo prossimo immediato compariranno elementi nuovi: oltre a magliette, t-shirt, bermuda, costumi, infradito e asciugamani ci saranno mascherine e gel igienizzante per le mani. Verranno introdotte anche modalità nuove, che molto probabilmente porteranno a un diverso modo di relazionarsi fra clienti e collaboratori delle strutture così come diversi saranno i modi di servire al bar e anche al ristorante”.

“Queste sono certamente cose che potremmo definire di cornice, strumentali, facendo un paragone con l’informatica tutto questo potremmo associarlo all’hardware. E il software? Ci sarà un modo per ripensare a cosa significhi davvero viaggio, emozione, scoperta e le strutture ricettive saranno in grado di cogliere una opportunità formidabile per riposizionare la propria offerta su quello che gli anglosassoni definirebbero brand new why? Per prima cosa si dovrà imparare in fretta, sperando poi di dimenticarlo il prima possibile, il concetto di distanza sociale”.

“Uno degli elementi del turismo è il poter vivere delle esperienze condividendole con altre persone, sia residenti che provenienti da altri luoghi. Per assurdo penso che proprio l’idea del dover “mantenere la distanza” indurrà le persone a voler interagire ancora di più, a comprendere meglio ciò che stanno conoscendo, come paesaggio, tradizioni, cultura e persone”

“Ecco quindi che potrebbe esserci un nuovo “why” un nuovo perché della scelta per quel viaggio e non solo. Una nuova motivazione per quella località, quella escursione, quel ristorante, quella struttura, quei volti, quelle voci. In tal senso sarebbe auspicabile un voler considerare l’esperienza del viaggio non come una conferma del “già provato” da altri.  Spesso le scelte sono indotte da ciò che si legge nelle recensioni, che giustamente orientano chi non è mai stato in un posto nella sua scelta. Ma quello che spesso accade è che quella scelta, filtrata dalle recensioni, venga fatta per affermare che si “anche noi così, proprio come gli altri”

“Questa tragedia potrà forse consentire di guardare a nuove e maggiori opportunità per la nostra Isola, e per il nostro Paese, rimodulando l’offerta e la comunicazione al fine di far comprendere il vero senso del privilegio di poter guardare e conoscere colori e paesaggi, luoghi e persone senza l’obbligo di dover “trovare qualcosa da consigliare” ma di raccontare invece la libertà e l’emozione di aver vissuto la propria esperienza come unica e irripetibile, magari invitando altri, questo si, a provare a fare altrettanto”.

Bilancio e commercio, zero commissioni. Tavoli bocciati

ALGHERO – “Sono passati ormai 13 giorni da quando il consiglio comunale è stato convocato d’urgenza con la richiesta di non rispettare I termini per l’approvazione del bilancio perchè si doveva fare in fretta: dovevamo modificare il bilancio, effettuare variazioni”. Cosi i consiglieri comunali di Centrosinistra riguardo la grave crisi in cui è sprofondata pure Alghero a seguito della pandemia globale.

“Abbiamo accettato, ci siamo messi a disposizione ma a oggi non è stata convocata una sola volta la commissione sviluppo economico, nè quella bilancio per discutere di sostegno all’economia. Apprendiamo dall’albo pretorio che nel frattempo è stato istituito l’ennesimo tavolo per affrontare l’emergenza economica. Nessuna comunicazione è stata data nè alla popolazione nè ai consiglieri che ci si era impegnati a coinvolgere”.

“Si dice che l’Unità Operativa Tecnica dovrà interagire con la Consulta per lo Sviluppo economico e con il tavolo per il Turismo: questi 3 “tavoli” hanno in comune praticamente tutti i componenti coinvolti: quale è l’esigenza di un’ulteriore duplicazione?

“Un tavolo fra l’altro che vede illustri assenti: non è coinvolta la Coldiretti, la Cia, Confindustria. Vengono invitate importanti aziende del territorio e lasciate fuori altre, mentre vengono invece invitate la Diocesi e l’ospedale a discutere delle misure urgenti per lo sviluppo economico!”

“Chiediamo che venga convocata con urgenza la commissione: vorremmo capire come si intende agire e soprattutto chiediamo trasparenza. Non si può perdere altro tempo. Fino ad ora abbiamo solo sospeso i tributi: quando cominciamo a parlare di quali sgravare?” Possiamo cominciare a programmare delle operazioni di destagionalizzazione importanti?  Possiamo cominciare a ipotizzare dei bandi per dei cantieri lavoro che occupino i nostri cittadini che vedono la stagione lavorativa ridursi ogni giorno?”

“E se invece pensassimo a finanziare l’internazionalizzazione delle nostre eccellenze attraverso l’individuazione di canali di vendita più efficaci, anche sul web? Avevamo plaudito la scelta di raccogliere sul portale del comune le attività che consegnano a domicilio: la pagina ormai è sempre più nascosta e per nulla pubblicizzata! Abbiamo detto in ogni sede e in ogni modo che siamo disposti a collaborare, ma se si gioca a fare melina fra tavoli e questionari non ci stiamo”.

Sardegna Isola Sicura. Dov’e il Nord-Ovest?

NUORO – Muove i primi passi il progetto “Sardegna Isola Sicura” ideato da Portale Sardegna, online travel agency quotata su AIM Italia specializzata nel segmento incoming turistico per l’Isola, che ha coordinato un tavolo di lavoro con il contributo delle realtà imprenditoriali di spicco dell’intera filiera del turismo sardo (Aeroporto di Olbia, Gruppo ITI Marina , Arbatax Park Resort, ITI Colonna, Club Esse, Bovi’s Hotels, THotel, Forte Village, Chia Laguna – IHC, Hotel Costa dei Fiori, Abi D’Oru Hotel & SPA, Pullman Timi Ama Sardegna, CPH Pevero Hotel, Italianway, Escursì e Associazione Extra). Tutte realtà di diverse aree della Sardegna, tranne il Nord-Ovest. Spicca l’assenza di strutture dell’area facente capo ad Alghero.

L’iniziativa è finalizzata all’individuazione di una strategia imprenditoriale coordinata affinché, dopo la crisi, si adottino nuovi standard di servizio che consentano ai turisti di trascorrere una vacanza in Sardegna, attivando da subito una serie di best practice che anticipino, armonizzino e consolidino le eventuali direttive nazionali sulla fase 2. Tra le tematiche che verranno trattate, in particolare l’adozione di alcuni criteri in grado di ridurre la probabilità di contagi. “In un momento in cui è necessaria la massima coesione e il massimo spirito collaborativo, ci facciamo promotori dello sviluppo di un protocollo, condiviso per tutta la filiera turistica, che garantisca la massima tutela dei viaggiatori che scelgono la nostra regione come meta delle loro vacanze estive – osserva Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna – Queste misure sono rivolte inoltre a scongiurare un turismo disordinato e privo di specifiche linee guida che possa mettere a rischio tanto i turisti, quanto la popolazione locale.

Intendiamo essere inclusivi e, soprattutto, collaborativi rispetto ad altre iniziative proposte, presenti e future, provenienti da associazioni imprenditoriali e a maggior ragione dagli organi istituzionali di qualsiasi tipo.Sottoscrivendo il protocollo e implementando le misure previste, gli operatori che otterranno il marchio ‘Sardegna Isola Sicura’ – conclude – potranno offrire ai viaggiatori un servizio pensato e strutturato appositamente per affrontare al meglio le loro vacanze nell’Isola”.

“Estate alle porte, farsi trovare pronti”

ALGHERO – “L’estate è alle porte e penso che la maggior parte delle persone non ricordi un inizio d’estate così triste, per i motivi che noi tutti conosciamo. In questo periodo inizia normalmente la preparazione delle nostre spiagge, la manutenzione delle strutture balneari, la pulizia delle spiagge”. Così Fabio Fois presidente del Sindacato dei balneari territoriale che si aggiunge ai vari appelli per farsi trovare pronti alla ripartenza che sarà farà circa 20/30 giorni.

“Come in altre regioni d’Italia credo che anche in Sardegna si debbano autorizzare il titolari di concessioni demaniali a preparare le proprie strutture prima che le restrizioni si allentino. Anche  perché si presuppone che le spiagge possano essere i luoghi più frequentati, visto il periodo, in questo modo si avrebbero spiagge fruibili con servizi di controllo, igiene, salvamento ecc ecc,” .

“La preoccupazione oltre ad essere quella economica, che quest’anno non si può osare immaginare come sarà, è quella di farci trovare pronti quando sarà permessa la fruibilità alle spiagge. Considerando che già le amministrazioni comunali stanno attivando la pulizia dei  litorali sarebbe opportuno, nel rispetto di tutte le norme del momento, autorizzare le imprese balneari ad iniziare la preparazione dei propri stabilimenti balneari, visto che normalmente il tempo necessario per l’allestimento è dalle tre alle 4 settimane”.

“Consentirebbe strutture pronte, camminamenti, e servizi adeguati, si immagina che ci siano delle limitazioni per la fruibilità delle spiagge. Sarebbe nostro interesse farci e far trovare i nostri litorali pronti”.

Turismo e ripresa, questionario e tavolo

ALGHERO – Iniziativa dell’Amministrazione con gli Assessorati al Turismo e Sviluppo Economico per consultare il mondo produttivo e mettere in atto le soluzioni necessarie alla ripresa

 Le conseguenze dell’emergenza Covid-19, ancora non del tutto quantificabili sul piano economico, non si limiteranno ai danni causati dallo stop alle attività. L’Amministrazione sta già facendo la sua parte per contenere gli effetti dell’emergenza e far ripartire pienamente l’economia algherese. Per raggiungere l’obiettivo si agirà gradualmente sviluppando le azioni necessarie.

 “Come prima cosa – spiegano gli assessori al Turismo Marco Di Gangi, e allo Sviluppo Economico, Giorgia Vaccaro –  è necessario ascoltare e capire le necessità dei diversi comparti economici, in che modo e in che misura sono state colpite le aziende e quindi realisticamente quale sarà l’impatto   sull’economia e sulla comunità algherese. Qualsiasi risposta efficace passa da dati certi e stime affidabili: le analisi e le proiezioni che i centri di ricerca stanno compiendo in questo momento ci danno una prima e utile misura di quello che verrà, ma sentire il territorio, gli imprenditori e i lavoratori algheresi è fondamentale”. 

Per questo gli Assessorati del Turismo e dello Sviluppo Economico lanciano oggi l’iniziativa “​ Turismo & Ripresa​”, un questionario con cui operare una rapida analisi del contesto.  “I dati raccolti –spiegano gli Assessori – ci permetteranno innanzitutto di valutare le conseguenze della crisi e elaborare soluzioni     pragmatiche, efficaci, che rispondano alle reali necessità della città”. Capiremo chi e come è già stato colpito dalla crisi, qual è la resistenza effettiva del sistema economico per resistere al lockdown e per riprendere l’attività. Coglieremo gli effetti sul mercato del lavoro, specialmente quello stagionale, e sulle soluzioni che gli imprenditori e le imprese stanno adottando  per far fronte alla contrazione di consumi e arrivi. 

“Il Tavolo Permanente del Turismo che abbiamo fortemente voluto e approvato, ora potrà dispiegare tutta la sua forza e centralità: lo convocheremo il prima possibile, considerata la situazione   contingente. Sarà lo strumento perfetto per la maggior circolarità delle idee e delle soluzioni.    Renderemo ancora più capillare l’informazione sulle opportunità messe a disposizione di imprese e    lavoratori da parte della Regione e del Governo”. 

“Prepararsi alla sfida della ripresa”

“A causa della diffusione del corona virus, quasi 100 paesi nel mondo, 4 miliardi di persone, circa la metà della popolazione mondiale, subisce oggi il lockdown (isolamento)”. Cosi il consigliere comunale e balneare Giovanni Monti riguardo la grave crisi del comparto turistico.

“La drammaticità di questo evento ha colpito, più di altri, il nostro paese, e di conseguenza, la nostra regione, la nostra piccola comunità algherese.
Improvvisamente destabilizzati nel nostro vivere, abbiamo trascorso le giornate a contare e piangere le vittime del nostro nemico invisibile, in un dramma sociale con rari precedenti al quale si è affiancato subito un evidente disastro economico La comunità medico scientifica sconfiggera presto il nostro “nemico”!. Ma già da subito entriamo in “gioco” tutti noi.
Dobbiamo essere allo stesso tempo sognatori ma, soprattutto, realisti.
Stiamo affrontando (e affronteremo per un lungo tempo) una crisi economica senza precedenti. E allora (purtroppo) comincerà una vera e propria lotta per la sopravvivenza (economica) fra i vari stati, regioni, e comuni stessi. Quale scenario immaginare allora per Alghero? Avremo bisogno delle energie di tutti e di creare un impeccabile sinergia fra loro per poterci distinguere ed emergere per impegno, per pregi, per qualità, per risultati, per mostrarci al mondo, ancora di più, come città bella e sicura”.

“Ecco quindi, la necessità di intraprendere immediatamente ogni azione necessaria per il rilancio della nostra città. Far fronte all’emergenza sanitaria e contemporaneamente predisporre un modello di ricostruzione del tessuto economico. L’evoluzione giornaliera della situazione sanitaria potrebbe ben presto (speriamo) proiettarci verso la cosiddetta fase 2 e fase 3. Ecco quindi la necessità di arrivare pronti ai blocchi di partenza, ad oggi il sistema produttivo è per il 90% “chiuso”. Ma “chiuso” non deve significare non fare niente! Quali saranno le condizioni necessarie per una nuova riapertura delle attività produttive? Garantire la sicurezza e la tutela della salute sarà sicuramente prioritario. L’economia estiva produce gran parte del reddito del nostro territorio e delle nostre famiglie.

“In vista di una stagione che sarà verosimilmente molto breve, è necessario che neanche un giorno di quelli lavorativi possibili vada perduto.
È plausibile pensare che presto ci dovremmo scontrare con la temibile “burocrazia”. Ogni comparto avrà bisogno di tempo per riavviare, per effettuare manutenzioni, per sanificare, per modificare, adeguarsi a possibili vincoli e restrizioni, e quant’altro. Sarà bene sapere al più presto non tanto il quando (lo deciderà la comunità scientifica) ma soprattutto come ogni comparto dovrà riprendere la propria attività. E siccome, come detto, ogni giorno sarà preziosissimo, sarà bene consentire ad ogni comparto produttivo di procedere ad ogni azione preparatoria per essere pronti, come già detto, ai blocchi di partenza quando sarà il momento.
Naturalmente nel rispetto delle prescrizioni legate alla tutela della salute. Inizierà subito una serrata competizione fra comuni e regioni per recuperare il tempo perduto. E avvolte come si dice, ed in questo caso più che mai, “l’importante non è partecipare ma vincere!!” Insieme ce la faremo”,