Niente medici, chirurgia al palo: vergognoso

ALGHETO – Altra tegola sulla sanità algherese. “Da Oggi anche la Chirurgia di Alghero chiude di fatto i battenti . È vergognoso, che anche questa unità operativa non possa più dare risposte a causa della carenza di medici. Purtroppo sì tratta dell’ultimo in termini di tempo, crollo strutturale della macchina della Sanità Sarda e Sassarese. situazione non riguarda solo alghero ma la gran parte degli ospedali del territorio a macchia di Leopardo Ci si domanda se nei cittadini vi sia la consapevolezza dello scempio che è in atto per distruggere la sanità”. Così Paolo Dettori della funzione pubblica della Cgil riguardi la conduzione Dore più precaria della sanità algherese.

“Lunedì prossimo le Sigle confederali incontreranno ancora una volta l’assessore alla sanità Antonio Nieddu, che martedì scorso era stato informato, dalla fp Cgil della imminente possibilità di chiusura ma è stato evidentemente un buco nell’acqua. La risposta laconica che continuano a dare è che non vi sono specialisti. Martedì prossimo ci sarà un sit-in, sotto la sede dell’Ars a Cagliari ma è chiaro che il problema ha ben più vasti confini: Aou di Sassari a tutt’oggi non ha un Direttore Generale che sia in grado di assumersi la responsabilità di portare la più grande Azienda sanitaria del Nord Sardegna fuori dal pantano e dall’immobilismo nel quale si trova. SOLO PER FARE QUALCHE ESEMPIO : vi sono interi reparti guidati NON da Responsabili di Ruolo ma da facenti funzioni, Molte attività ambulatoriali non hanno ripreso, le strutture ospedaliere sono fatiscenti, Dirigenti medici con enorme surplus di orario e ferie arretrate. Non è più solo un problema di mancati riconoscimenti economici madi malessere lavorativo di cui i più deboli rischiano di pagare il conto: e non certo per colpa dei lavoratori: medici infermieri e ooss che continuano a lavorare nonostante tutto con dedizione e spirito di sacrificio. Aspettiamo Risposte chiare: le promesse non sono più accettabili, i cittadini devono sapere in quali condizioni tutti gli operatori della Sanità si trovano a lavorare se si arriverà allo sciopero generale”

Ufficiale: nuovo cda In-House

ALGHERO – Come anticipato ad inizio settimana, rinnovato il cda della Società In House, da ieri al lavoro il nuovo organo amministrativo composto da Gennaro Monte (presidente)  Nadia De Santis e Bruno Costantino. Si passa, ai sensi della norma, dall’Amministratore Unico al Consiglio di Amministrazione, senza che questo comporti aumento di spese rispetto alla precedente configurazione dell’organo amministrativo. Il Sindaco Mario Conoci ha rivolto ieri ai nuovi componenti un augurio di buon lavoro.

La partecipata del Comune di Alghero riparte con rinnovato impegno nel svolgere il ruolo fondamentale per le manutenzioni e i servizi in città. Il Sindaco ha voluto inoltre ringraziare l’uscente Amministratore Unico Fliberto Costa per l’attività portata avanti in questi anni alla guida della Società.  

Agricoltura in crisi, incontro del Psd’Az

ALGHERO – Domani venerdì 3 luglio, alle 18,30 nella Butterfly House (strada provinciale 19 Alghero-Olmedo )  si terrà un incontro, organizzato dalla sezione del Psd’Az di Alghero “Antonio Simon Mossa”, sul tema della crisi del comparto agricolo e dei settori più colpiti a causa del Covid. Il tema è quello dei Piani di Sviluppo Rurale e della necessità di un intervento economico di sostegno all’olivicoltura, alla viticoltura e al florovivaismo, comparti pesantemente danneggiati. Interverranno il Sindaco di Alghero Mario Conoci, il Presidente della Commissione Attività Produttive del Consiglio Regionale Pietro Maieli, il Capo di Gabinetto dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione, Efisio Arbau, il Sindaco di Olmedo Toni Faedda, il Direttore regionale di Coldiretti Sardegna, Luca Saba

Nella foto Ivan Perella della sezione Simon Mossa del Psd’Az Alghero

S.I.

Ex-Co, progettazione definitiva: ok dalla Giunta

ALGHERO – Continua il recupero delle opere pubbliche,  si avvicina la fase di affidamento dei lavori per la riqualificazione urbanistica dell’ex Cotonificio di Sant’Agostino. Approvato oggi dalla Giunta Conoci il progetto definitivo del recupero e riqualificazione dell’ex fabbrica di via Marconi. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 3.176.043,17 milioni di euro, frutto di un finanziamento regionale del 2015 confermato nel novembre 2019  così come da impegni dell’Assessore agli Enti Locali Quirico Sanna con il Sindaco Mario Conoci.

Il Progetto Definitivo, redatto dalla Rtp con capogruppo Politecnica Ingegneria ed Architettura di Modena,  sulla base del precedente Studio di Fattibilità tecnica ed economica ed opportunamente integrato e migliorato, prevede di recuperare e rifunzionalizzare l’intero complesso, attualmente in stato di abbandono pressoché totale, al fine di realizzare un Centro di attività e formazione che offre alla disponibilità dei cittadini sale polifunzionali, laboratori modulari, grandi spazi espositivi, accoglienza, giochi per bambini e spazi per le famiglie. Previste nel progetto soluzioni per l’alto efficientamento energetico con interventi vantaggiose per ottimizzare il rendimento del consumo energetico. L’ex fabbrica dispone inoltre di uno spazio verde di oltre 1000 mq da utilizzare come parco urbano. L’Immobile costruito nel 1954 avrà nuova vita, con il recupero di un vuoto urbano importante per attivare opportunità economiche e consentire maggiore socialità nell’area. Le scelte progettuali mirano perciò al mantenimento, per quanto possibile, della configurazione e delle caratteristiche architettoniche originali, pur con l’introduzione di accorgimenti distributivi e altamente tecnologici.

“L’immobile in completo stato di abbandono – spiega il Sindaco Mario Conoci –  diventerà un centro di socializzazione importante per il quartiere di Sant’Agostino e per tutta  la città”.  Imboccata la strada in discesa del recupero dell’immobile, si procede con celerità alla fase esecutiva del progetto, prevista entro la fine dell’estate, per giungere alla gara d’appalto entro fine anno. L’Assessore ai lavori Pubblici Antonello Peru segue ogni fase dalla procedura che definisce ora la fase esecutiva. “La riqualificazione dell’ex Cotonifico rappresenta uno degli interventi più attesi dalla città di Alghero – commenta –  abbiamo voluto integrare il progetto con accorgimenti che possano finalmente risponde concretamente alla necessità di spazi adeguati e funzionali”.  Da sito degradato a cuore pulsante della città : il progetto di rinascita promuove la creazione di un polo di eccellenza con spazi dedicati all’aggregazione, ai laboratori artigiani, agli incontri culturali, esposizioni, mostre, svago, nuova impresa.

Montis, Salaris, Peru, spiagge: passerelle disabili

ALGHERO – Nasce al Lido la spiaggia dedicare prioritariamente all’accesso agile per i disabili. Pubblicata la delibera della Giunta n° 150 del 24 giugno con la quale, su proposta degli Assessorati all’Ambiente, ai servizi Sociali e alle Manutenzioni del Comune di Alghero, si garantisce l’accesso e la sosta a persone con diverse disabilità e la possibilità di effettuazione di attività ludico-ricreative, elioterapia e balneazione.

L’area in questione è aperta a tutti i fruitori, ma avrà una speciale dotazione di passerelle che consentirà l’uso prioritario per queste finalità negli spazi limitrofi ad esse. L’area attrezzata non sarà l’unica ad essere dotate di passerelle, nelle intenzioni dell’Amministrazione ci sono infatti altre progettualità di allestimenti analoghi nei quali pianificare anche eventuali servizi aggiuntivi. Altre passerelle d’accesso verranno posizionate a Fertilia e in altri punti del litorale, mentre intanto proseguono, a cura dell’assessorato alle manutenzioni, i lavori di ripristino delle passerelle fisse in legno che dalla pineta di Maria Pia conducono alla spiaggia e per cui in questi giorni si è reso necessario creare degli attraversamenti provvisori.
“Dopo anni di disattenzione su questo aspetto della fruibilità dei litorali – chiariscono gli assessori Andrea Montis, Maria Grazia Salaris e Antonello Peru – Alghero inizia a dotarsi di tutti quei servizi minimi ma necessari per una città che vuole rendere fruibili a tutti gli arenili e i servizi”.

Nella foto la Giunta Conoci

S.I.

Alghero-Amsterdam, riparte Corendon

ALGHERO – Ad Alghero il primo volo della compagnia aerea Corendon, proveniente dall’aeroporto di Amsterdam, è un  segno dell’inizio della ripresa che lascia ben sperare. Abbiamo accolto con piacere il presidente della compagnia Atilay Uslu, con il quale si è allacciata una interlocuzione che in prospettiva può offrire opportunità oltre le destinazioni attuali del nord dell’isola. Tra le previsioni, infatti, l’estensione dell’investimento con il collegamento con Maastricht”.  L’Assessore al Turismo Marco Di Gangi ha incontrato ieri in aeroporto, insieme al consigliere regionale Pietro Maieli, il presidente della compagnia e il general manager tour operator della Corendon.

“La Corendon vanta un raggio di collegamenti importante con il Nord Europa, oltre al classico ventaglio di voli nei paesi del Mediterraneo – afferma Di Gangi – e la città di Alghero e il suo territorio può rappresentare un elemento per attrarre flussi dall’Olanda, per questa stagione, e con le altre destinazioni con le quali la Corendon è collegata”.  Si sviluppano su questo tema   i rapporti con il presidente del Tour operator KIWI Travel, Fouad Hassoun, anch’egli sul primo volo di apertura dei collegamenti, per far convergere flussi anche sulle strutture ricettive di Alghero.

“Mia educazione e moralità indiscusse”

ALGHERO – “Il clamore strumentale sollevato da una parte dell’opposizione per una mia frase, totalmente  fuori campo e fuori da un intervento formale in Consiglio Comunale e recepita da un microfono aperto,  sta fornendo un pretesto per deviare il discorso dalle cose concrete dell’Amministrazione a questioni assolutamente prive di rilievo reale. Certamente non è nel mio stile offendere, e se dovessi farlo sarei il primo a chiedere scusa, tanto meno userei mai vocaboli inappropriati in un mio intervento in Consiglio Comunale. Trascinare la vicenda sul terreno delle discriminazioni di genere, sull’istigazione all’odio è la dimostrazione più lampante della strumentalità dell’operazione. Quando non si hanno argomenti nel merito si cerca l’attacco personale per tentare di screditare l’avversario. Lungi dalla mia etica, dalla mia educazione e dal mio modo di essere,  anche solo tollerare atteggianti discriminatori di qualunque tipo,  mantengo invece la  mia capacità di autodeterminarmi, quella di avere un mio giudizio sulle cose che sento e che esprimo. Nessun intento di offendere da parte mia. La “pretesa” di scuse, che avrei porto se avessi offeso, è quindi abnorme rispetto a quanto accaduto.  Ipocrita sarebbe stato un mio comportamento inverso, finalizzato a tacitare tutto, mirato ad assumermi una responsabilità che questa opposizione vuole a tutti i costi attribuirmi. Viviamo nell’era della massima condivisione, dell’agorà pubblica,  alla quale nessuno può sottrarsi, salvo utilizzare l’ipocrisia del Politically Correct. Ecco io non mi sottraggo certo al giudizio dei miei concittadini che hanno avuto e avranno modo di formasi una propria opinione, ma di certo non mi faccio giudicare e condannare da una opposizione che non è depositaria di verità rivelate o ha la titolarità per dare patenti di correttezza  o scorrettezza, ma piuttosto si muove nel solco dei propri interessi di parte. Non consento certo a nessuno di mettere in discussione la mia moralità, la mia correttezza e la mia educazione, piaccia o non piaccia all’opposizione il mio uso della lingua italiana che, a volte, ebbene sì, lo confesso, scivola verso qualche parola di uso comune che, apprendo, scandalizza evidentemente alcuni moralisti e una parte della opposizione politica algherese.  Mi dispiace ma l’ipocrisia non mi appartiene. Ho sempre camminato a testa alta assumendomi la responsabilità delle mie azioni”. 

Alghero, riparte Ryanair: confermate 10 rotte

ALGHERO / Ryanair, la compagnia aerea numero uno in Italia, ha annunciato la ripresa dei collegamenti da e per l’aeroporto di Alghero, con il ripristino dei voli su Milano Bergamo, Bologna – operativi dal 21 giugno – e Milano Malpensa attivo dal 23 giugno. Dal 1° luglio Ryanair incrementerà ulteriormente il numero di rotte e la loro frequenza, come parte integrante dell’operativo per l’estate 2020.

Con l’allentamento delle restrizioni negli spostamenti, la voglia di viaggiare si fa sempre più forte, come confermano i recenti dati di traffico sul nostro sito. L’Italia risulta essere tra le destinazioni turistiche più ricercate dai visitatori europei e tra gli utenti italiani tra le mete più popolari, oltre al Bel Paese, ci sono sicuramente Regno Unito,Slovacchia, Germania, Polonia. 

Ryanair è lieta di ricominciare a collegare Alghero con il resto dell’Europa, permettendo a tutti i viaggiatori di trascorrere una piacevole vacanza lungo la Riviera del Corallo, alla scoperta di innumerevoli spiagge di sabbia e deliziose calette lambite da acque turchesi.

La ripresa dei collegamenti, oltre a sostenere l’economia e il turismo regionale da cui dipendono migliaia di posti di lavoro, offrirà anche l’opportunità di favorire i flussi di passeggeri business e leisuredall’aeroporto di Alghero verso le altre regioni italiane, e verso le più importanti e gettonate destinazioni europee.

L’operativo da e per l’aeroporto di Alghero include in tutto 10 rotte, di cui 4 nazionali – Milano Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Pisa – e 6internazionali – Londra Stansted, Bratislava, Bruxelles-Charleroi, Memmingen, Francoforte-Hahn, Katowice.*

Chiara Ravara – Head of International Communications di Ryanair – ha dichiarato:

Ryanair è lieta di annunciare che verranno ripristinate 10 rotte da e per l’aeroporto di Alghero, come parte integrante dell’operativo per l’estate 2020. I collegamenti con 3 di queste sono già operativi. Siamo fieri di poter riprendere i collegamenti per l’estate 2020 e di contribuire alla ripresa dell’economia e del turismo regionale, permettendo a parenti ed amici di ricongiungersi e a milioni di turisti, nazionali ed internazionali, di scoprire il patrimonio artistico, culturale e paesaggistico del nostro Paese e dell’Europa”. 

Alberto Perini – Direttore Generale di Sogeaal SpA – ha dichiarato:

“Siamo molto contenti per la ripartenza dell’operativo voli del nostro storico partner Ryanair. In questo delicato momento, il ripristino delle attività e delle connessioni dello scalo di Alghero con numerose destinazioni nazionali ed internazionali rappresenta un primo passo nel percorso di uscita dalla difficile situazione degli ultimi mesi, non solo per la società di gestione ma anche per tutto il territorio del Nord Ovest della Sardegna.”