Giunta Conoci, delibere “grilline”: siamo fieri

ALGHERO –  “Leggendo le delibere di Giunta dell’amministrazione guidata dal Sindaco Mario Conoci non possiamo che essere fieri e soddisfatti delle ultime, tra le poche purtroppo, iniziative intraprese. Fieri perché il Sindaco con la sua Giunta hanno realizzato quanto da noi scritto “nero su bianco” nel nostro programma elettorale”. I consiglieri comunali di 5 Stelle evidenziano che la Giunta Conoci ha approvato dei provvedimenti rientranti nel programma del Movimento di Grillo e non del Centrodestra.

“Al contrario, infatti, non esiste traccia nel programma del centro destra di nessuna delle iniziative intraprese: né della creazione di un centro a San Marco per la gestione della posidonia spiaggiata che permetterà un enorme risparmio per le casse comunali, né della creazione di fontanelle di acqua potabile pubbliche che aiutino i nostri cittadini a risparmiare sia per l’acquisto della stessa che per il pagamento della tasse comunali, vedi possibilità riuso delle bottiglie”.

“Soddisfatti perché, e nonostante per correttezza ci saremmo aspettati almeno una lieve menzione da parte di chi dalle nostre idee ha preso spunto, noi, più che alle medagliette, siamo interessati al fatto  che in questa città i problemi vengano risolti. Ribadendo dunque che per noi del Movimento 5 Stelle il fine è l’interesse collettivo, vogliamo ribadire che ancora oggi, così come in passato, siamo disposti a far quadrato con chi governa la città su proposte mirate al miglioramento delle condizioni di vita della nostra comunità e dell’ambiente che la ospita, in modo da far si che una volta per tutte si possa uscire da questo stato di coma profondo dettato da qualcuno che, a sua discrezione, dà segni di vita solo in casi eccezionali, vedi per esempio i bandi Lavoras”.

“Almirante fascista, nessuna via ad Alghero”

ALGHERO – “Sono profondamente contrario ad intitolare una via nella nostra città a Giorgio Almirante, lo sono sempre stato e lo sono ancora di più dopo che il Consiglio Comunale in maniera unanime ha votato la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, deportata a 13 anni nel campo di concentramento Nazifascista di Auschwitz”. Cosi Valdo di Nolfo, consigliere comunale di opposizione di Sinistra che “stoppa” subito l’iniziativa di Fratelli d’Italia, partito che in consiglio comunale è rappresentato da Christian Mulas.

“La stessa Senatrice si è espressa da poco su un caso uguale – il Comune di Verona dopo averle dato la cittadinanza muoveva i passi per l’intonazione di una via ad Almirante –  affermando in maniera netta che “le due scelte sono di fatto incompatibili, per storia, per etica e per logica” e invitando a far una scelta su ciò che si vuole perché dice non si “può fare due scelte che sono antitetiche l’una all’altra”. Ed è esattamente così, non si può omaggiare le vittime e i carnefici. Almirante è stato un gerarca fascista di primo rango, uno di quelli che mai ha rinnegato il fascismo in tutta la sua vita. Almirante è stato uno dei più attivi divulgatori in Italia d’odio razzista e antisemita tanto da diventare direttore della rivista “La difesa della razza”.

“Come afferma la Segre le due scelte sono incompatibili, e lo sono perché i campi di concentramento, i carri piombati, i rastrellamenti e tutto quell’orrore fascista  non sono arrivati dal nulla, non sono caduti dal cielo da un giorno all’altro ma a questi si è arrivati dopo un processo che ha visto tra gli attori protagonisti lo stesso Almirante”.

Rifiuti, agro: plauso all’assessore Montis

ALGHERO – “Prima settimana del porta a porta a Maristella. Certamente non abbiamo la presunzione di voler fare un bilancio definitivo, ma alcune cose sono già evidenti, come ad esempio il miglior colpo d’occhio derivante dall’assenza dei vari cassonetti stradali alla cui rimozione è seguita la pulizia dei siti”. Cosi Tonina Desogos Presidente Comitato di Borgata di Maristella riguardo la delicata questione della pulizia e raccolta rifiuti nell’agro.

“Positiva anche l’introduzione dell’orario di esposizione mastelli dalle 6,00 alle 9,00 del mattino che ha consentito di non registrare i noti disagi derivanti dalla presenza della fauna selvatica che certamente non manca di scorrazzare come sempre nella borgata. Ottima proposta anche la programmazione per il giorno 29 febbraio p.v. dalle ore 8,00 alle ore 12,00 in piazza Circolo (via dei Platani) dell’iniziativa Desbarrassa-Ne Tot, nella quale gli abitanti di Maristella potranno depositare gli ingombranti.  Come cittadini attivi siamo consapevoli del fatto che con il nostro attento impegno nel suddividere le varie tipologie di rifiuti si aumenterà la percentuale di differenziata e questo, certamente, porterà giovamento a noi tutti e all’ambiente”.

“Come  Comitato di Borgata non mancheremo di raccogliere e segnalare le eventuali criticità e al contempo oggi non ci sottraiamo dal rivolgere un plauso all’Assessore Andrea Montis per l’impegno profuso nel voler cambiare in meglio, plauso da condividere con il settore comunale Ambiente e la Ciclat. Le sinergie positive finora instaurate, siamo certi, porteranno ulteriori risultati  positivi per la borgata di Maristella”.

Posidonia, accordo con l’Asi: impianto ad Alghero

ALGHERO – Un accordo di programma con il Consorzio Industriale della Provincia di Sassari per le azioni necessarie alla migliore gestione ambientale della posidonia spiaggiata in esubero. È questa la decisione della Giunta Conoci a pochi giorni dall’emanazione della nuova Legge Regionale sulla posidonia, che all’art.2 stabilisce l’impegno della Regione a promuovere il recupero e il riuso dei residui ( dopo aver salvaguardato la frazione sabbiosa ) in particolare presso impianti di trattamento. Con la delibera n° 25 del 12 febbraio l’esecutivo da atto di “individuare una soluzione alternativa e definitiva del conferimento a distanza della posidonia in esubero depositata sui litorali algheresi al fine di consentire un utilizzo efficace, efficiente ed economico delle risorse stanziate anche con azioni integrate con altri soggetti pubblici che siano da impulso per la progettazione e realizzazione di un impianto di trattamento a recupero della posidonia in esubero in loco”.

L’avvio dell’iter per formalizzare un accordo di programma è il risultato di un lavoro che sin dall’ inizio del mandato è stato svolto per la ricerca di azioni finalizzate al trattamento della posidonia sul posto. “Abbiamo ricercato gli strumenti utili a dare soluzioni definitive alla problema – spiega il Sindaco Mario Conoci – individuando quale strada percorribile quella offerta dall’Accordo di Programma. Con il Consorzio Industriale di Sassari abbiamo davanti la possibilità di perseguire gli obbiettivi che anche la Regione ha voluto rimarcare nella nuova norma sulla posidonia, oltre che favorire lo sviluppo economico e produttivo del territorio”.

La scelta adottata per intervenire sul problema della posidonia nei litorali ha alla base una visione futura “che tenga conto – aggiunge l’Assessore all’Ambiente Andrea Montis – del rispetto dei principi di buon andamento delle pubbliche amministrazioni: economicità, sussidiarietà e prossimità.  Non si può infatti continuare a creare solo spese ma si deve trasformare le criticità in opportunità che guardino anche alla tutela ambientale, evitando eccessive spese di trasporto che non giovano né all’ambiente né alle casse comunali”.


Alghero, in arrivo 10 pensiline

ALGHERO – Amministrazione e Arst attuano un primo programma di azioni per migliorare le condizioni del trasporto pubblico. In corso di ultima definizione gli interventi pianificati dal Sindaco Mario Conoci e dall’Assessore alla Viabilità Emiliano Piras nell’ambito degli accordi con la dirigenza dell’Azienda di Trasporto pubblico locale. Ieri si è svolto il sopralluogo con l’Assessore Piras per l’individuazione delle fermate in cui verranno installate le pensiline. Saranno 10, di imminente posizionamento a  Maristella, Sa Segada, Guardia Grande, Santa Maria La Palma, Ospedale Marino, Ospedale Civile, Cimitero, Caragol, via XX Settembre, Via De Gasperi.

La previsione di ulteriori interventi migliorativi riguarda la messa in opera delle paline informative, la realizzazione della segnaletica orizzontale. Intanto l’Arst offre il servizio all’utenza nel capolinea di via Catalogna con un supporto mobile per sopperire alla chiusura temporanea della biglietteria. Gli addetti dell’azienda sono presenti sul posto per prestare supporto ai viaggiatori che non hanno provveduto all’acquisto dei biglietti nei punti vendita limitrofi.  

Conoci incontra il Direttore Marittimo

ALGHERO – Incontro a Porta Terra del Sindaco Mario Conoci che ha ricevuto ieri mattina il Direttore Marittimo del Nord Sardegna, il Capitano di Vascello Maurizio Trogu, con il Capo del Compartimento Marittimo di Porto Torres, Capitano di Fregata Gianluca Oliveti e con il Capo Circondario Marittimo di Alghero, Tenente di Vascello Perclaudio Moscogiuri. La delegazione è giunta a Porta Terra dopo la visita all’Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero dove il Direttore Marittimo ha incontrato tutto il personale militare e civile che quotidianamente è impegnato nell’ambito territoriale di giurisdizione.

Il Sindaco ha affrontato insieme alle autorità militari le questioni relative alla sicurezza in area portuale, alla gestione degli approdi in transito delle unità da diporto ed al Piano regolatore portuale, strumento di fondamentale importanza per lo sviluppo economico legato alla portualità. Un incontro che avvia un percorso di collaborazione tra Amministrazione e Direzione Marittima, nell’ambito della pianificazione congiunta delle azioni inerenti il porto di Alghero. La sinergia creatasi tra la Guardia Costiera e l’Amministrazione, inoltre, punta molto sulla sensibilizzazione ambientale ed al rispetto del mare.

Una piazza o via a Giorgio Almirante

ALGHERO – Fratelli d’Italia Alghero circolo Tricolore, chiede al Signor Sindaco e al Presidente del Consiglio che venga intitolata una Piazza o una Via all’Onorevole Giorgio Almirante, esponente di spicco del Movimento Sociale Italiano. “L’ obbiettivo – fanno sapere del circolo guidato da Sefora Salis – è quello di contribuire a tenere alti quei valori di destra che hanno fatto la storia dell’Italia. Intitolare una Piazza o una Via ad Almirante vorrebbe dire rendere omaggio ad uno dei più importanti protagonisti della storia politica del nostro paese del dopoguerra”.

“Attraverso il suo spessore di leader politico ha contribuito non soltanto alla evoluzione della destra italiana, preparandola a diventare successivamente forza di governo del paese ma ha fornito una impronta decisiva a quel processo di pacificazione sociale del popolo italiano uscito dilaniato dalla guerra, dando anche la possibilità a tanti giovani di militare all’interno di un partito dell’alveo Costituzionale”.

“Giorgio Almirante fu esempio di coerenza, onestà e rispetto verso gli avversari, ha sempre difeso e onorato la sua Patria e il popolo Italiano;
eletto democraticamente è stato parlamentare della Repubblica per ben dieci legislature
. Anche la nostra leader Giorgia Meloni si è sempre espressa favorevolmente affermando “si ad intitolare una strada all’ex segretario missino”.

“É importante riconoscere in Giorgio Almirante il merito di aver accompagnato una intera comunità politica, che nel dopoguerra aveva il legame con l’esperienza fascista, nell’alveo del dibattito democratico e istituzionale della Nazione. Un merito che è stato riconosciuto ad Almirante da tutto l’arco costituzionale, sia nel dopoguerra che nei difficili anni di piombo anche dai suoi avversari politici.” “È bizzarro, oggi, sostenere che un personaggio che per cinquanta anni ha fatto parte delle istituzioni della Nazione sia reietto meritevole dell’oblio” conclude la Meloni. Chiediamo, pertanto al nostro consigliere e capogruppo di Fratelli d’Italia Cristian Mulas di fare sua questa istanza da noi molto sentita”.

“Auspichiamo al fine di esaltare le doti politiche e morali dello statista, un coinvolgimento unanime a sostegno della nostra istanza così come è stato fatto in precedenza in merito al riconoscimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune di Alghero alla Senatrice Liliana Segre.

“Lo Pais meu” su Catalan Tv

ALGHERO – Ritorno sugli schermi di Franco Simula. Una vita da commerciante, già Amministratore Comunale, è stato uno degli “anchorman” della storica Tele Riviera del Corallo. Emittente pioniera del tubo catodico non solo a livello locale, ma perfino nazionale. Questa era la caratura della Tv Algherese nata anche grazie a degli imprenditori locali, tra cui la famiglia Giorico, che poi ha voluto continuare nel suo impegno creando anche Catalan Tv.

Ed è proprio su questi schermi che ci sarà il ritorno di Franco Simula insieme ad un altro ritorno ovvero quello di Stefano idili, giornalista, direttore di Algheronews e da tempo operatore culturale e organizzatore di eventi. “Lo Pais meu”, questo il nome del programma, curato e diretto dal regista Roberto Lampis, che si occuperà maggiori temi di attualità di Alghero e non solo.

In studio ospiti, filmati e interviste con l’obiettivo primario di offrire un’altra inquadratura alla varie questioni più discusse con l’intento anche di mantenere vivo il ricordo dell’Alguer di un tempo tramite un fil rouge proprio derivante dai “padroni di casa” e dai protagonisti del programma che andrà in onda tutti i Giovedi alle 21 e poi in replica i Venerdi alle 18 e 21 e le Domeniche negli orari delle 12, 15, 18 e 21. Lo Pais meu fungerà anche da viatico per l’atteso e grande ritorno del Festival della Canzone Algherese con la sua 14esima edizione che si terrà entro l’estate 2020.   

Alghero Music (re)Generation: vince To the Zenit

ALGHERO – Grande successo per Alghero Music (re)Generation. Dopo la selezione dei partecipanti al contest dedicato a rap e trap, si è giunti all’atteso evento di sabato 15 febbraio. Nell’ex-Mercato di via Sassari si sono esibiti i giovani che sono stati scelti tramite l’invio di due brani e compilazione del modulo d’iscrizione, ma non solo. Infatti sul palco anche gli ospiti regionali Balentia e Cool Caddish che hanno infiammato la platea.

Un progetto, voluto dal Presidente della Fondazione Alghero Andrea Delogu, coordinato e organizzato da Stefano Idili insieme a Maria Giovanna Fara e Georgia Cimino, che si è sviluppato grazie anche alla preziosa collaborazione della Consulta Giovanile di Alghero e pure degli Istituti Superiori nello specifico del plesso A. Roth di via Diaz. Ed è proprio nella struttura scolastica della Pivarada dove la mattina di sabato si è svolta l’interessante e molto seguita “Masterclass” sul mondo dell’hip-hop e dunque sui generi rap, trap con passaggi sulla street art. “Una sentita collaborazione con le Scuole utile a dare input ai giovani sul mondo artistico e musicale che troverà maggiore sviluppo grazie alle prossime edizioni di Alghero Music (re)Generation”, è stato detto nei vari interventi.

Poi, la sera, dalle 20.30, è iniziato lo show con la giuria, composta da Enzo Favata, Mattia Uldank, Balentia, Cool Caddish, Enrico Uleri e Chiara Doppio. che ha ascoltato, valutato e votato le varie esibizioni. Al primo posto si è classificato il gruppo To the Zenit (Alghero), al secondo Ari Selva (giunto da Bologna con un altro partecipante Samir Zouhari) e al terzo Nigma (Alghero). “Dopo diverso tempo, dunque, ritorna un progetto musicale dedicato ai giovani ad Alghero. Le difficoltà non sono mancate, ma il risultato ha ampiamente ripagato gli sforzi di tutti”, è stato detto a fine serata. Alghero Music (re)Generation va avanti con la definizione a breve di nuovi appuntamenti. 



Prende il RdC ed evade, edile algherese nei guai

ALGHERO – Nel corso dei servizi d’istituto disposti dal comando provinciale di Sassari e finalizzati alla prevenzione e repressione degli illeciti  tributari, i finanzieri della compagnia di Alghero hanno concluso una  verifica fiscale nei confronti di una società operante nel settore  dell’edilizia con sede nella città catalana.  I militari, a conclusione dell’attività ispettiva, che ha riguardato gli  ultimi 5 anni d’imposta, hanno contestato al soggetto un’evasione fiscale di circa 83mila euro, tutti elementi positivi di reddito che il titolare dell’attività aveva provveduto ad occultare all’erario nel corso degli ultimi anni approfondendo il controllo, i finanzieri riscontravano altresi’ che il  soggetto verificato percepiva, ormai da diversi mesi, il reddito di  cittadinanza, pur non avendone i requisiti.

L’imprenditore, infatti, pur essendo titolare di un’attività economica  da diversi anni, nella dichiarazione sostitutiva unica (cosiddetta dsu),  presentata per l’ottenimento del reddito di cittadinanza, aveva attestato falsamente “di non svolgere alcuna attività lavorativa e di  essere esonerato dalla presentazione della dichiarazione fiscale,  ovvero di versare in una situazione di sospensione dagli adempimenti  tributari”.  La verifica eseguita, al contrario di quanto dichiarato, ha fatto  emergere tutt’altra situazione patrimoniale ed economica in capo al  soggetto il quale, pur in presenza di attivita’ ispettiva, ha continuato  a percepire il contributo, la cui fruizione, pari a circa 3300 €, veniva  sospesa solo a seguito di comunicazione all’inps da parte della  Guardia di Finanza di Alghero.  a conclusione della verifica fiscale, il titolare della ditta individuale e’ stato denunciato all’autorita’ giudiziaria per il reato di cui all’art.  7, comma 1 del d.l. 28 gennaio 2019, nr. 4, per aver attestato cose non vere circa la sua situazione occupazionale ed economica.

L’attività di servizio in argomento si inquadra in un più ampio e  costante dispositivo di prevenzione posto in essere a tutela della  cittadinanza, della leale concorrenza e del libero mercato, a  garanzia di tutti i soggetti economici virtuosi che operano nella  provincia di Sassari nel pieno rispetto delle norme e della legalità  nonché a coloro che usufruiscono legittimamente di misure di  sostegno statali quali il reddito di cittadinanza.